Italia battuta dalla Macedonia del Nord: addio ai Mondiali per la seconda volta consecutiva

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ancora fuori dai Mondiali di calcio, per la seconda edizione consecutiva.
A Palermo, arriva una incredibile sconfitta per gli Azzurri, battuti dalla coriacea con un gol al 92′ di Trajkovski, un bomber che in Italia (proprio a Palermo, dove ha giocato qualche anno) se lo ricordano a malapena.
Prima, qualche occasione azzurra, con Berardi e Pellegrini: poca roba. Modestia assoluta.
Finisce 0-1, restiamo (giustamente) a casa.

Finisce nei modi peggiori la “ di miele” della squadra di Roberto Mancini con i tifosi: otto mesi fa Campioni d’ e ora, incredibilmente, eliminati dalla corsa ai Mondiali in , in programma per la prima volta in autunno- (finale prevista per il 18 dicembre).

Una vittoria con la Macedonia del Nord, giudicata scontata, avrebbe – se non altro – spalancato le porte della finale playoff contro il Portogallo, che oggi ha liquidato in scioltezza la per 3-1.
E, invece, niente.
Per la seconda volta di fila, i Mondiali, li guarderemo in tv.

Inspiegabile trovare il motivo di una simile involuzione tecnica e morale della Nazionale Italiana, che così brillantemente si era esibita alle partite di Euro2020, giocate l’estate scorsa, fino alla vittoria finale, ai rigori, a Wembley, di fronte ai padroni di casa inglesi.

Probabilmente è l’effetto “pancia piena”, o appagamento, che dir si voglia. Sicuramente è colpa del livello mediocre del calcio italiano, dove peraltro gli italiani “convocabili” faticano sempre più spesso a trovare . L’Europeo era stato un bellissimo fulmine a ciel sereno, ma che ha semplicemente nascosto gli enormi problemi, anche di organizzativam del nostro calcio.

Essendo i Mondiali in novembre e dicembre, almeno non dovremo rimpiangere – come invece fu nel 2018 in – le belle grigliate e pizze in compagnia, ma l’umore dei tifosi Azzurri – ce ne sono tanti, anche se “vittime” dei loro stessi club di tifo – stavolta finisce molto sotto il livello di guardia. Passi per (S)ventura, ma ora anche Mancini…

Mancini, il “Golden Boy” del pallone e della panchina, quello che ci ha risollevati, quello che diceva “Andiamo in Qatar per vincere i Mondiali”.
E invece…
E invece, stavolta, risollevarsi (calcisticamente parlando) sarà molto dura.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare