Islanda: il paese nordico vuole turisti sostenibili, che rimangano più a lungo

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Islanda: il paese nordico vuole turisti sostenibili, che rimangano più a lungo

Con una popolazione di appena 360.000 abitanti sparsi in un paese più del doppio della Danimarca, le meraviglie naturali dell’Islanda sono incontaminate.

Soprannominata la “terra del fuoco e del ghiaccio” per il contrasto tra i suoi ghiacciai frastagliati e enormi vulcaniil mercato turistico del paese si è sviluppato rapidamente negli ultimi anni, con una scena culinaria unica che emerge dal paesaggio grezzo.

“La natura è ciò per cui siamo conosciuti, la maggior parte delle persone vede l’Islanda una destinazione per la natura, ma siamo conosciuti anche per molte altre cose”, spiega Sigríður Dögg Guðmundsdóttir, responsabile di Visit Iceland.

“L’Islanda è una fantastica destinazione culinaria, abbiamo prodotti molto freschi e ristoranti in tutto il paese.”

Ci sono buoni ristoranti in Islanda?

Non sorprende che il paese sia rinomato per la sua di pesce.

“Puoi stare in un ristorante e la persona che ti sta servendo può quasi indicare la nave e dire ‘il pesce è venuto da lì'”, dice Dögg Guðmundsdóttir.

Non c’è da stupirsi, quindi, che due ristoranti nella capitale islandese di Reykjavik ora contengano Stelle Michelin. Dill, forse il ristorante più famoso d’Islanda, è stato il primo nel paese a ottenere un’ambita stella, con piatti ispirati al paesaggio locale. L’intimo Óx, che può ospitare solo 11 commensali, è entrato a far parte della classifica Michelin anche quest’anno, guadagnandosi una stella per il suo menu a più portate, con ingredienti tradizionali islandesi.

Mentre l’enfasi sugli ingredienti locali sta contribuendo a spianare la strada, come gran parte del , l’Islanda sta affrontando l’enorme sfida di cercare di allineare le sue turistiche con le sue obiettivi climatici. Per fare questo, il paese si sta concentrando su un particolare tipo di turista, uno che rispetta l’ selvaggio e selvaggio dell’Islanda.

“Ci stiamo concentrando sulle persone che lo sono rispettoso della naturache vogliono viaggiare tutto l’anno, perché anche la stagionalità è un grande obiettivo per noi”, afferma Dögg Guðmundsdóttir.

Come posso visitare l’Islanda in modo sostenibile?

“In realtà abbiamo una campagna in corso chiamata ‘Icelandic Pledge’ a cui incoraggiamo i visitatori viaggiare responsabilmente in giro per l’Islanda”, spiega Dögg Guðmundsdóttir.

“Abbiamo creato otto linee guida che le persone possono leggere, solo per ricordare loro che la natura in Islanda è molto fragile”.

L’impegno include l’impegno a lasciare i luoghi come li hai trovati e a fai attenzione quando fai i selfie.

Dopo aver preso l’impegno, c’è molto altro da imparare su come viaggiare in modo sostenibile. Il di Visit Iceland ha anche un calcolatore di carbonio in modo che i visitatori possano calcolare l’impronta di carbonio dei loro viaggi e quindi compensarla se lo desiderano.

“Abbiamo anche contatori dei siti più visitati in tutta l’Islanda, quindi quando visiti puoi vedere in quali giorni della settimana ci sono più visitatori”, afferma Dögg Guðmundsdóttir.

Questo pratico strumento ti consente di scegliere di visitare destinazioni popolari, come il potente Dettifoss cascata nel Parco Nazionale Vatnajökull – nei giorni più tranquilli, riducendo così l’impatto sugli ecosistemi locali.

Qual è l’itinerario perfetto per 10 giorni in Islanda?

Per apprezzare veramente lo splendore dell’Islanda, Dögg Guðmundsdóttir vuole incoraggiare i visitatori a rimanere più a lungo ed esplorare il maggior numero possibile di regioni.

“L’Islanda è una destinazione completa sia che venga in o in estate. Durante l’estate abbiamo la luce del giorno 24 ore su 24 e durante l’inverno ovviamente abbiamo più oscurità, ma poi abbiamo anche il ”, spiega.

Qualunque sia il dell’anno in cui visiti, ci sono alcune attività da non perdere per il tuo itinerario. Questi includono la visita a uno dei bagni geotermici naturali del paese, escursioni in montagna e godersi un giro a cavallo su uno dei piccoli pony islandesi cavalli islandesi.

Posso noleggiare un’auto elettrica in Islanda?

Per i viaggiatori che vogliono guidare, la tangenziale islandese è un ottimo modo per esplorare il paese nel suo insieme. Per rendere la tua guida più sostenibile, tuttavia, Dögg Guðmundsdóttir consiglia di noleggiare un veicolo elettrico.

“Abbiamo una mappa di tutte le stazioni di ricarica in Islanda per aiutarti a prepararti e sentirti a tuo agio nel viaggiare in giro per l’Islanda in un’auto elettrica, e questo è uno sviluppo che sta avvenendo molto velocemente”, spiega.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare