Il trasporto aereo globale ha raggiunto il 74% dei livelli pre-pandemia. Quale regione ha avuto il rimbalzo maggiore?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Il trasporto aereo globale ha raggiunto il 74% dei livelli pre-pandemia.  Quale regione ha avuto il rimbalzo maggiore?

I viaggi aerei globali hanno raggiunto quasi i tre quarti dei livelli pre-, hanno mostrato nuovi dati.

Il traffico passeggeri ha raggiunto il 74% delle vette del 2019 a settembre, secondo i dati dell’International Air Transport Association (IATA).

Ciò segna un aumento del 57% rispetto allo stesso del 2021.

“Anche con incertezze economiche e geopolitiche, il domanda di aereo continua a recuperare terreno,” ha affermato il direttore generale della IATA Willie Walsh.

La IATA rappresenta 290 compagnie aeree che rappresentano l’83% del totale mondiale traffico aereo.

Dove è aumentato di più il traffico aereo?

Al culmine della pandemia, il traffico aereo globale è crollato a una frazione dei livelli del 2019, scendendo di circa l’80%.

Dal 2021, i viaggi stanno tornando . Ma i rimbalzi più drammatici su base annua si sono verificati nelle regioni che solo di recente hanno revocato le restrizioni di dovute al .

Nell’Asia del Pacifico, una regione che va dalla alla , i viaggi sono aumentati del 464,8% rispetto allo scorso anno.

Il massiccio aumento arriva settimane dopo Giappone, Hong Kong e regole di frontiera allentate.

“Il valore anomalo è fermo Cina con il perseguimento di una strategia zero COVID che mantiene i confini in gran parte chiusi “, ha affermato Walsh.

Nel Medio Oriente, le compagnie aeree hanno registrato un aumento del traffico del 150%. Le compagnie aeree nordamericane e latinoamericane hanno registrato aumenti rispettivamente del 129% e del 99%.

Il traffico dei vettori africani è aumentato del 91%, mentre europeo le compagnie aeree hanno registrato un aumento del 78%.

Dove è ancora basso il viaggio?

Sebbene 109 paesi abbiano ancora alcune restrizioni di viaggio in vigore, 118 sono completamente aperti, almeno ai viaggiatori vaccinati.

La Cina sta ancora perseguendo una politica zero-COVID, il che significa che la domanda di settembre è scesa del 46,4% rispetto ai dati dello scorso anno. Tutti i viaggiatori in arrivo devono affrontare 10 giorni di quarantena in hotel a proprie spese.

Anche se il traffico aereo lo è rimbalzol’emergere di movimenti “senza volo” negli ultimi anni ha incoraggiato molti viaggiatori a rivolgersi a più sostenibile mezzi di trasporto i treni.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare