I piloti sono fuori allenamento? Ecco come la pandemia ha influito sulla sicurezza del volo

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
I piloti sono fuori allenamento?  Ecco come la pandemia ha influito sulla sicurezza del volo

Negli ultimi due anni, il COVID-19 è diventato un serio rischio per le persone che viaggiano in aereo. Per molti mesi i voli sono stati cancellati, le restrizioni imposte e l’andare all’estero è diventato praticamente impossibile.

Ma ora il numero di passeggeri sta aumentando e molti di noi stanno scegliendo di volare ancora una volta. E la rinascita dell’ aeronautica ha creato tutta una nuova serie di problemi.

Segue una carenza di personale COVID i tagli hanno portato piloti, personale di terra e personale di bordo a preoccuparsi della mentre tentano di tenere il passo con la crescente domanda. Aggiungendo al caos, i dipendenti devono familiarizzare con processi ufficiali che non hanno utilizzato per un massimo di due anni.

Con queste pressioni arrivano le preoccupazioni per il sicurezza di volare post-pandemia.

Perché le persone sono preoccupate per la dopo la pandemia?

Il COVID-19 ha portato enormi interruzioni all’. Nel 2019 oltre 4,5 miliardi di passeggeri hanno volato con compagnie aeree commerciali. Solo 1,8 miliardi hanno volato nel 2020 poiché molti aerei erano a terra e solo i viaggi essenziali possibili.

“Facciamo un passo indietro e rivediamo ciò che è accaduto nel 2020 e nel 2021”, afferma Mark Searle, direttore per la sicurezza presso l’International Air Transport Association (IATA).

“Durante la notte, le compagnie aeree sono state virtualmente chiuse a causa della chiusura delle frontiere e delle restrizioni di viaggio imposte dal governo. Migliaia di aerei erano parcheggiati. Decine di migliaia di dipendenti delle compagnie aeree, compreso l’equipaggio della cabina di pilotaggio, sono stati licenziati o licenziati”.

“Molti piloti volavano con orari notevolmente ridotti, con potenziali ripercussioni sulla competenza”, aggiunge.

Ma poi, i viaggi hanno iniziato a riprendersi quando le restrizioni sono state revocate. Le persone volevano recuperare le vacanze perse durante la pandemia e la domanda ha iniziato a crescere rapidamente.

“Negli ultimi mesi sono sorte nuove sfide e shock al sistema a causa dell’aumento imprevisto della domanda di viaggi aerei”, scrive Patrick Ky, direttore esecutivo dell’Agenzia europea per la (EASA) nella sua introduzione alla revisione della sicurezza 2022 dell’organizzazione.

“Questa ripresa è stata messa a dura dall’indisponibilità di personale qualificato ed esperto in varie fasi chiave del processo passeggeri, in particolare in aeroporto”.

I problemi associati a questo carenza di personale può creare stress e affaticamento per i lavoratori delle compagnie aeree e aeroportuali, aggiunge.

I piloti sono fuori allenamento?

L’EASA sta monitorando da vicino la situazione, ma alcuni incidenti hanno già attirato l’attenzione dei .

Due piloti dell’Air France sono stati esaminati dopo averlo fatto una rissa in cabina di pilotaggio di un aereo durante la crociera in a giugno.

La compagnia aerea ha affermato che il volo è continuato ed è atterrato in sicurezza senza ulteriori interruzioni. La notizia dell’incidente è emersa ad agosto, subito dopo che l’agenzia di investigazione aerea francese BEA ha pubblicato un rapporto in cui chiedeva protocolli di sicurezza più severi.

L’audit è derivato da una perdita di carburante nel dicembre 2020 su un volo dalla Repubblica del Congo a Parigi. I piloti hanno reindirizzato l’aereo ma non hanno spento i né sono atterrati il ​​prima possibile: la procedura corretta per le perdite di carburante. BEA ha avvertito che ciò significava che i motori dell’aereo avrebbero potuto prendere fuoco.

Il rapporto ha rilevato che alcuni piloti di Air France mancano di rigore nel rispetto delle procedure in atto per incidenti come questo.

In Scozia, gli investigatori hanno scoperto che un incidente all’aeroporto di Aberdeen alla fine del 2021 era “in parte dovuto alla mancanza di ore di volo” a causa di divieti di viaggio pandemici. L’Air Accidents Investigation Branch (AAIB) ha scoperto che entrambi i piloti non avevano pilotato l’aereo da tempo, contribuendo a problemi con un atterraggio interrotto e una rapida discesa.

L’addestramento interrotto e la mancanza di esperienza di un copilota potrebbero anche aver contribuito alla di un aereo che ha colpito la pista durante un recente incidente all’aeroporto di Manchester, ha scoperto l’AAIB.

Sebbene il incidenti sono stati di lieve entità e non hanno provocato lesioni gravi, è chiaro perché le agenzie di sicurezza si siano affrettate a fornire indicazioni serie sul ritorno del viaggio aereo.

Volare è davvero meno sicuro dopo il COVID-19?

Sebbene molte agenzie ufficiali, come l’EASA e la IATA, abbiano pubblicato avvisi che richiedono aeroporti e le compagnie aeree a prestare attenzione a potenziali problemi, il volo non è diventato meno sicuro.

Secondo la IATA, il numero totale di incidenti e il tasso di incidenti e decessi sono diminuiti rispetto sia al 2020 che ai cinque anni tra il 2017 e il 2021.

L’associazione afferma inoltre che, nonostante i ritardi, i problemi di programmazione e la carenza di personale, non ha identificato alcun problema con la sicurezza dei voli legati al caos di questa estate.

“L’industria ha capito che questa situazione senza precedenti avrebbe richiesto una maggiore attenzione nelle aree operative per garantire un riavvio sicuro quando i confini avrebbero iniziato a riaprire”, afferma Searle.

Spiega che si sono rapidamente riorganizzati per affrontare problemi come la fatica e lo stress mentale associati alla pandemia e i problemi con gli aerei rimasti a terra per lunghi periodi di tempo. La IATA ha pubblicato ampie linee guida per i suoi membri su come gestire la sicurezza non appena i viaggi aerei hanno iniziato a riprendersi.

“Quindi sì, l’industria ha dovuto affrontare sfide legate alla chiusura e al riavvio dell’aviazione commerciale e ha risposto”.

Code e i ritardi negli aeroporti hanno visto i passeggeri affrontare enormi interruzioni quest’estate. Ma la mancanza di lavoratori aeroportuali non ha intaccato la sicurezza nell’aria.

“I problemi riscontrati in alcuni, ma non in tutti gli aeroporti europei, sono più legati al trattamento dei passeggeri in aeroporto e non alla capacità di trasportarli a bordo degli aerei”, spiega.

E, anche se sono state sollevate preoccupazioni e sono state fornite indicazioni, Searle afferma che l’identificazione precoce di queste potenziali minacce è essenziale per mantenere l’eccellente record di sicurezza del settore.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare