Finora il COVID ha colpito oltre 17 milioni di persone in Europa e in Asia centrale, afferma l’OMS

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Finora il COVID ha colpito oltre 17 milioni di persone in Europa e in Asia centrale, afferma l'OMS

Almeno 17 milioni di persone in e in Asia centrale hanno sofferto a lungo di COVID dall’inizio della di , secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (), che sta esortando i paesi a prendere sul serio il problema.

L’OMS definisce il COVID lungo una condizione che si verifica in pazienti con una storia di infezione da coronavirus probabile o confermata – di solito tre mesi dall’inizio del COVID-19 – e con sintomi che durano almeno due mesi e non possono essere spiegati da un’alternativa diagnosi.

Mentre molti lungo covid i pazienti si riprendono nel tempo, circa il 10-20% manifesta ancora sintomi dopo 12 mesi, secondo l’Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME) dell’Università di Washington.

La sua stima di 17 milioni di casi lunghi di COVID si applica alla regione europea dell’OMS – una regione geografica più ampia dell’Unione europea – che ospita quasi 900 milioni di persone e comprende 53 stati, compresi i paesi dell’Asia centrale.

Difficile da diagnosticare e difficile da trattare

Condizione post-COVID-19” come è anche noto è complesso e può essere difficile da diagnosticare in quanto presenta una gamma di oltre 200 sintomi – alcuni dei quali possono assomigliare ad altre malattie – dall’esaurimento e dal deterioramento cognitivo al dolore, alla febbre e alle palpitazioni cardiache.

Il lungo COVID può anche influenzare la mentale, ha avvertito l’OMS.

Diversi scienziati di organizzazioni tra cui il National Institutes of Health degli Stati Uniti e l’ufficio statistico britannico stanno esaminando prove di un aumento dei casi di depressione e pensieri suicidi tra le persone con COVID lungo, nonché di un numero crescente di decessi noti.

Non esiste un trattamento provato e sintomi debilitanti possono lasciare i malati incapaci di lavorare.

Secondo l’IHME, in tutto il mondo, si stima che quasi 150 milioni di persone abbiano sviluppato a lungo il COVID durante i primi due anni della pandemia.

Solo negli Stati Uniti, la condizione ha colpito fino a 23 milioni di persone, ha stimato a marzo il National Government Accountability Office (GAO).

Le più a rischio

Nuova modellazione condotto per l’OMS Europa dall’IHME suggerisce che le donne hanno il doppio delle probabilità degli uomini di sperimentare il COVID a lungo.

Il rischio aumenta drasticamente anche tra le infezioni gravi che richiedono il ricovero in ospedale, con una donna su tre e un maschio su cinque che possono sviluppare COVID a lungo.

Il direttore regionale dell’OMS per l’Europa, Hans Kluge, ha esortato i governi a impegnare maggiori investimenti, e iniziative per aiutare le persone che soffrono di sintomi debilitanti di lunga durata del COVID, affermando che questi “non possono continuare a soffrire in silenzio”.

“Stiamo ascoltando storie di tante tragedie individuali, di persone in crisi finanziaria, che affrontano problemi relazionali, perdono il lavoro e cadono in depressione”, ha detto Kluge a un incontro dell’OMS Europa a martedì.

“Molti operatori sanitari che hanno rischiato la vita in prima linea nella pandemia ora hanno questa condizione cronica e debilitante a dell’infezione acquisita sul posto di lavoro. Loro, e milioni di altri, hanno bisogno del nostro sostegno”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare