“I maledetti turisti” non “capiscono” la Cornovaglia, afferma il capo del turismo incaricato di attirare i visitatori

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
"I maledetti turisti" non "capiscono" la Cornovaglia, afferma il capo del turismo incaricato di attirare i visitatori

Il capo del della Cornovaglia ha criticato i “maledetti ” che non rispettano la gente del posto nella regione costiera.

Il del la contea più occidentale è una destinazione turistica popolare, che riceve milioni di visitatori all’anno.

Ma secondo Malcolm Bell – l’amministratore delegato uscente di Visit Cornwall – alcuni di questi vacanzieri sono “fottuti emmets”.

“Emmet” è una vecchia parola inglese per formica ed è una parola gergale della Cornovaglia negativa per turisti.

“Ad un certo livello hai amici, poi hai ospiti, poi hai turisti, poi hai dannati turisti, poi hai fottuti emmets. Puoi citarmi su questo “, ha detto Bell in un’intervista con l’organizzazione di locale Cornwall Live.

“La sfida che abbiamo è ottenere amici, ospiti e turistiche ci prendono, quindi a convertire il file maledetti turistima dimentica le persone imbarazzanti che sono ‘perché non hai questo?’, ‘perché non hai quello?’”

Bell ha sbattuto il folle di persone che sono venute in Cornovaglia solo perché le restrizioni dovute alla pandemia hanno impedito loro di andare all’estero.

“Negli anni ’70 le persone erano in Cornovaglia perché non potevano permettersi una vacanza adeguata e c’erano molte patatine sulle spalle, e lo abbiamo sentito di nuovo in quei due anni”.

Bell è stato amministratore delegato di Visit Cornwall Destination Management Organization e Tourist Board per oltre un decennio. Andrà in pensione a fine anno.

Perché alcune persone in Cornovaglia sono stufe dei visitatori?

La Cornovaglia è famosa per la sua costa frastagliata, le acque turchesi e gli incantevoli villaggi.

Nei mesi estivi, è noto anche per il traffico intenso e sovraffollamento mentre centinaia di migliaia di visitatori scendono nella contea.

Circa 4 milioni di visitatori si recano in Cornovaglia ogni anno, facendo impallidire la popolazione di 560.000 abitanti della regione.

L’economia locale dipende fortemente dal turismo, ma alcuni locali sono stufi dell’afflusso di visitatori.

I delle case in Cornovaglia sono tra i più alti del paese poiché i proprietari di seconde case fanno salire i prezzi. Queste case vacanza spesso siedono vuoti per gran parte dell’anno.

In effetti, Bell, che si occupa di attrarre turisti alla regione – ammette che una volta possedeva un cappello che li incoraggiava a stare alla larga.

“Mia ha distrutto la , altrimenti avresti potuto averla, di me che indossavo un cappello con scritto ‘Vai a casa emmet'”, ha detto.

“Questo perché intorno al 1976 stavo camminando per Falmouth e questi meravigliosi giovani di Birmingham mi chiesero dove fosse il indiano più vicino. Ingenuamente, ho risposto correttamente alla domanda al meglio delle mie conoscenze in quel momento, che era Plymouth.

«Ecco perché ho un’ammaccatura sul naso. Penso che pensassero che stessi prendendo il Michael. Quindi non sono stato molto contento dei visitatori per un po’”.

Il signor Bell sostiene le autorità locali che impongono la registrazione obbligatoria per le persone che vogliono affittare le loro proprietà a vacanza.

Parlando al quotidiano Independent, il signor Bell ha affermato che il suo messaggio non era stato “comunicato correttamente”.

“Il punto che stavo sottolineando è che ci sono pochissimi visitatori che non amano, amano e si preoccupano per la Cornovaglia e sono quelli che infastidiscono la gente del posto e non mostrano rispetto e quindi vengono chiamati negativamente”, ha detto.

“Il punto che ho insistito è stato che il ruolo di un ente turistico deve essere quello di mirare al suo marketing e di invitare coloro che apprezzeranno e si uniranno a noi nell’amore per la Cornovaglia”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare