Dalle piantagioni di tè ai villaggi di pescatori: la Malesia ha centinaia di famiglie ospitanti per turisti consapevoli

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Dalle piantagioni di tè ai villaggi di pescatori: la Malesia ha centinaia di famiglie ospitanti per turisti consapevoli

Dalla punta del monte Kinabalu alle profondità delle grotte di Mulu, la Malesia è ricca di bellezze naturali. Non c’è da meravigliarsi quindi che il paese del sud-est asiatico sia desideroso di proteggere i suoi abbondanti paesaggi selvaggi.

“Penso che molte persone non siano davvero sicure di cosa sia il sostenibile o perché dovremmo partecipare. Quindi l’ è uno dei nostri compiti”, afferma Datuk Zainuddin Abdul Wahab, direttore generale dell’Ente per il turismo della Malesia.

Quindi come possono i Malaysia aiutare a proteggere i suoi diversi paesaggi? Abdul Wahab spiega.

“In Malesia noi [now] abbiamo circa 260 alloggi in famiglia che possiamo offrire”, afferma.

“E stiamo parlando di come preservare e prendersi cura della natura senza rovinarla, e tuttavia essere in grado di farlo promuovere il turismo.”

Cosa sono le famiglie?

Le famiglie offrono ai turisti la possibilità di vivere con la gente del posto nelle proprie case. Potresti alloggiare in una camera da letto libera o vivere in una pensione, ma in entrambi i casi potrai sperimentare una fetta di locale.

“Il concetto di alloggio in famiglia è qualcosa che va di pari passo con il nostro turismo verdeil nostro turismo responsabile”, afferma Abdul Wahab.

“Se parteciperai a una famiglia ospitante, starai insieme alla tua famiglia affidataria, mangerai quello che mangiano loro.

“Se sei in una piantagione di tè, ad esempio, farai tutte le attività di a piantagione di tèse soggiorni in un di pescatori, avrai l’opportunità di vedere cosa fanno in un villaggio di pescatori.”

Il ministero del turismo malese gestisce un programma ufficiale di alloggi in famiglia, con rigide linee guida per i kampung (villaggi) che desiderano richiedere lo schema.

Le attività possono includere la raccolta della frutta, la partecipazione a un festival locale o la preparazione del con metodi tradizionali.

“Se soggiorni in una famiglia, avrai sicuramente la possibilità di provare almeno un piatto popolare tra la comunità locale”, afferma Abdul Wahab.

Se preferisci da solo, ci sono molti altri modi per vivere la Malesia cultura alimentare diversificata.

Che cibo dovrei provare in Malesia?

Roti Canai, un piatto di malese è stato recentemente votato come miglior street food del mondo secondo TasteAtlas.

La focaccia al burro è fatta con un impasto sottile e ripiegato ed è stata introdotta per la prima volta in Malesia dai migranti indiani nel XIX secolo. È questo mix di culture e cibo che rende il cibo malese così delizioso.

“La Malesia è un paese multirazziale e multiculturale di malesi, cinesi e indiani”, afferma Abdul Wahab. “Nel nostro paese puoi mangiare cibo malese, cinese e indiano. E a volte sei fortunato e questi i cibi si uniscono come fusione”.

Uno dei posti migliori per sperimentare molti dei gustosi cibi di strada che la Malesia ha da offrire sono i mercati alimentari della vivace capitale Kuala Lumpur.

Qui troverai Taman Connaught, un notturno di due chilometri con oltre 700 bancarelle situato nel quartiere Cheras di Kuala Lumpur. Aperto dalle 19:00, il mercato vende di tutto, dai vestiti ai fiori, ma è lo street food quello per cui dovresti davvero venire. Aspettati di trovare di tutto, dalle teste di pesce al vapore al nasi lemak, un pesce malese composto da riso profumato, latte di cocco e foglie di pandano.

Per una più moderna del mercato alimentare tradizionale, vai a Tapak Urban Dining, a cibo contemporaneo parco che riunisce una vasta gamma di food truck. Qui troverai frullati di cocco freschi, hamburger e noodles saltati in padella.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare