COVID può causare anomalie cerebrali “significative” fino a sei mesi, affermano i ricercatori

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
COVID può causare anomalie cerebrali "significative" fino a sei mesi, affermano i ricercatori

Il può causare “anomalie significative” nel cervello dei pazienti fino a sei mesi dopo il recupero dalla malattia, hanno scoperto i ricercatori.

Utilizzando un tipo speciale di risonanza magnetica (MRI) su un piccolo numero di pazienti, gli scienziati hanno trovato differenze nel cervello dei pazienti COVID guariti, in particolare nel lobo frontale e nel tronco cerebrale, rispetto a quelli di un gruppo di controllo sano.

Le regioni colpite sono collegate a problemi comunemente riportati nei pazienti con COVID lungo, affaticamento, , e altri problemi cognitivi, hanno affermato i ricercatori.

Per lo studio, che sarà presentato la prossima settimana al meeting annuale della Radiological Society of North America, i ricercatori hanno utilizzato l’imaging ponderato per la suscettibilità per analizzare gli effetti che il COVID-19 ha sul cervello.

La suscettività magnetica mostra come determinati materiali, come sangue, ferro o calcio, si magnetizzano in un campo magnetico, consentendo il rilevamento e il monitoraggio di condizioni neurologiche tra cui microsanguinamenti, malformazioni vascolari, tumori cerebrali e .

Gli studi precedenti non si sono concentrati su come questa suscettibilità magnetica potrebbe cambiare a seguito dell’infezione da coronavirus, ha affermato la coautrice dello studio Sapna Mishra, dottoranda presso l’Indian Institute of Technology di Delhi.

“Il nostro studio evidenzia questo nuovo aspetto degli effetti neurologici del COVID-19 e riporta anomalie significative nei sopravvissuti al COVID”, ha affermato in una nota.

lungo

I ricercatori hanno analizzato i risultati della risonanza magnetica di 46 pazienti che si erano ripresi da COVID e 30 pazienti di controllo sani.

L’imaging è stato eseguito entro sei mesi dalla guarigione e, tra i pazienti COVID, i sintomi più comunemente riportati sono stati affaticamento, disturbi del sonno, mancanza di attenzione e problemi di memoria, tutti potenziali sintomi di COVID lungo.

I risultati hanno mostrato che i pazienti COVID avevano “valori di suscettibilità significativamente più alti” sul lobo frontale e sul tronco cerebrale.

I ricercatori hanno anche individuato differenze significative nella regione del diencefalo ventrale destro del tronco encefalico, una regione associata a molte funzioni corporee cruciali come la regolazione degli ormoni e il ritmo circadiano.

“Questo studio indica gravi complicazioni a lungo termine che possono essere causate dal coronavirus, anche mesi dopo il recupero dall’infezione”, ha detto Mishra.

I ricercatori stanno continuando uno studio a lungo termine per scoprire se queste anomalie persisteranno per un periodo di tempo più lungo.

Effetti emergenti a lungo termine

Si stima che milioni di europei soffrano attualmente di COVID lungo e vari studi hanno iniziato a rivelare potenziali effetti a lungo termine.

I sintomi neurologici associati al COVID lungo includono difficoltà di pensiero o di concentrazione, , problemi di sonno, vertigini, sensazione di formicolio, alterazione dell’olfatto o del gusto e o ansia.

Precedenti studi hanno scoperto che il COVID-19 può far restringere il cervelloriducendo la materia grigia nelle regioni che controllano le emozioni e la memoria.

Uno studio dell’ di ha anche scoperto che può danneggiare le aree che controllano il senso dell’olfatto.

I ricercatori dietro quello studio hanno affermato che gli effetti potevano essere visti in persone che non erano state ricoverate in ospedale e che erano necessarie indagini a lungo termine per vedere se gli impatti potevano essere invertiti.

Lo studio, che è stato sottoposto a revisione paritaria e pubblicato sulla rivista Nature a marzo, ha esaminato i cambiamenti cerebrali in 785 partecipanti di età compresa tra 51 e 81 anni.

Altri studi hanno confermato il potenziale impatto sulle funzioni cognitive dovuto all’infezione da COVID-19.

Uno ha scoperto che un grave caso di infezione potrebbe causare danni cognitivi equivalenti a 20 anni di invecchiamento.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ti potrebbe interessare