È così che la Norvegia sta testando la valuta digitale del futuro

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
È così che la Norvegia sta testando la valuta digitale del futuro

Una società senza contanti potrebbe non sembrare così lontana in un lontano futuro. Ma le attuali alternative digitali come le criptovalute si sono rivelate volatili, mentre gli altri asset , i token non fungibili (), sono caduti in disgrazia dal loro clamore.

Un approccio diverso ai pagamenti blockchain sta prendendo piede in tutto il mondo**. Le valute digitali delle centrali (CBDC)** sono più stabili, ma a differenza delle criptovalute, sono controllate centralmente dai governi, in particolare dalle banche centrali e non sono viste come un modo per investire denaro.

Sebbene i CBDC e le criptovalute come possano condividere la stessa blockchain, la differenza più grande è che le CBDC sono centralizzate e tracciabili, mentre le criptovalute no.

Diversi paesi hanno lanciato le proprie CBDC, come la Nigeria nel 2021. Nella , l’euro digitale è nella sua fase di sviluppo e altrove in , la Norvegia è in una fase di test.

“La motivazione per intraprendere lo studio della CBDC si trova nel mandato di Norges Bank, in particolare nel nostro compito di promuovere un sistema di pagamento efficiente e sicuro. Naturalmente, un sistema di pagamento in valuta nazionale ben funzionante è importante anche per la stabilità monetaria e finanziaria”, ha affermato Torbjørn Hægeland, direttore esecutivo per la stabilità finanziaria della banca centrale norvegese, Norges Bank.

“In questo contesto, il calo dell’uso del contante e altri cambiamenti strutturali nel sistema di pagamento sono fattori chiave per il progetto”, ha detto a Euronews Next.

Un altro motivo per esplorare le CBDC, ha affermato, è l’accesso del pubblico ad attività prive di rischio di credito o mezzi di pagamento – e una contingenza “se il sistema di pagamento elettronico si guasta almeno come ultima risorsa”.

L’esperimento CBDC

Il progetto CBDC della Norvegia è in lavorazione dal 2016 ma non vi è alcuna garanzia se verrà effettivamente lanciato.

Hægeland ha affermato che questa fase sperimentale di prova e analisi durerà fino a giugno 2023 e “costituirà la base per la nostra raccomandazione su come dovremmo poi passare a un’eventuale fase successiva dalla prossima estate”.

La fase successiva sarebbe quella di emettere una raccomandazione sul fatto che valga la pena testare le CBDC come prototipo. Ma la Norvegia sta anche esplorando CBDC transfrontalieri.

Il 28 settembre, le banche centrali di Norvegia, Svezia e Israele hanno annunciato che stavano unendo le forze con la Bank of International Settlements (BIS) per esplorare le CBDC.

Il progetto approfondirà la tecnologia necessaria e le questioni relative alle politiche e mira a migliorare i pagamenti transfrontalieri riducendo i costi e migliorando la .

Se le CBDC sono il futuro dei pagamenti e si rivelano efficaci, ne trarranno vantaggio tutti, ha affermato Hægeland.

“Il contante contribuisce ad alcune preziose caratteristiche del sistema di pagamento di cui beneficiano tutti, anche se alcuni li utilizzano più intensamente di altri. La contingenza di pagamento indipendente è importante. E il potenziale accesso a un’alternativa di pagamento senza rischi di credito che può essere utilizzata da tutti fornisce nel sistema di pagamento.

“Analizziamo se l’introduzione di una CBDC come supplemento al contante può garantire la continua esistenza e l’ulteriore sviluppo di tali caratteristiche”, ha affermato, aggiungendo che l’introduzione della CBDC non dovrebbe cambiare o erodere sostanzialmente il modello di business o il ruolo delle banche nel fornire credito.

Come sarebbero regolamentati i CBDC in Norvegia e saranno stabili?

Il vantaggio delle CBDC è che sono governate dalle banche centrali, il che significa che sono destinate a essere stabili.

Poiché la Norvegia non fa parte dell’ ma fa parte dello Spazio economico europeo (SEE), c’è una domanda irrisolta sul fatto che la Norvegia seguirà i regolamenti e le regole dell’UE sulle CBDC.

“L’emissione di moneta della banca centrale, che si tratti di contanti, CBDC o riserve detenute dalle banche, è disciplinata dalla Banca centrale norvegese”, ha affermato Hægeland.

“Il CBDC come mezzo di pagamento si muoverebbe in una soluzione di pagamento che avrebbe connessioni ad altre parti del sistema di pagamento.

“La Norvegia è vincolata dal punto di vista normativo dall’accordo SEE e deve rispettare i principi fondamentali di tale accordo e le norme dell’UE per il mercato interno”.

Mentre la banca centrale sarebbe responsabile dell’assicurazione delle CBDC, potrebbe essere necessario utilizzare terze parti per creare l’interfaccia utente, che sarebbe coperta dalla direttiva sui servizi di pagamento dell’UE e da altri tipi di regolamentazione, ha affermato Hægeland.

La stabilità finanziaria è al centro della banca centrale e quindi testare un sistema CBDC non è un’area in cui puoi muoverti velocemente e rompere le cose perché può essere disordinato da ripulire.

“Le conseguenze di un CBDC dipendono molto dal design. Ottenere il design giusto è fondamentalmente la sfida principale del progetto se la Norges Bank e le autorità politiche decidono di andare avanti con l’introduzione di un CBDC”, ha affermato Hægeland.

“Il CBDC non è un obiettivo in sé. L’obiettivo è garantire un sistema di pagamento efficiente, sicuro e attraente in corone norvegesi anche in futuro”, ha aggiunto.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare