Dai bar in rovina bohémien agli hotel a cinque stelle: dove bere nella scena del vino emergente di Budapest

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Dai bar in rovina bohémien agli hotel a cinque stelle: dove bere nella scena del vino emergente di Budapest

Budapest, soprannominata la dell’Est, è la bellissima capitale bohémien dell’. È ben noto per i suoi caffè chic e bar animati, e questi ora stanno contribuendo a rafforzare il profilo dell’ungherese poco conosciuto vini.

Negli anni ’90, UngheriaLa scena enologica di è finalmente uscita da dietro la cortina di ferro dopo il crollo del regime comunista del paese.

Tokaji, un bianco vinoè riuscito a rivendicare il suo sugli scaffali internazionali, ma la maggior parte dei vini ungheresi rimane sconosciuta al di fuori del paese.

Ora, la fiorente scena vinicola di Budapest sta preparando la a diventare uno dei nuovi vini più entusiasmanti d’Europa destinazioni di .

Com’è il vino ungherese?

Per un paese così piccolo, l’Ungheria ha un aspetto molto complesso cultura del vino. La vinificazione ha origini antiche, con testimonianze di estesi vigneti già nel V secolo d.C.

Ma l’afide fillossera che distrugge la vite nel XIX secolo e l’arrivo della sovietico regime alla fine del 1940 fermò lo sviluppo del vino dell’Ungheria. In particolare, sotto il regime comunista, le cantine erano gestite dallo Stato e la qualità subì un crollo.

“Le aziende vinicole dovevano produrre un vino di massa che enfatizzasse la quantità rispetto alla qualità”, spiega Anna Gézárt, export manager presso l’azienda vinicola Etyeki Kúria vicino Budapest.

Così nel 1989, quando il regime comunista crollò, l’Ungheria iniziò a reinventare la sua vinificazione. “Vinificazione doveva essere completamente riavviato e ricalibrato dopo il comunismo”, dice Gézárt, “e riprogettato per una produzione più piccola”.

Il paese ne ha 22 regioni vinicole, ognuna con terreni, climi e vitigni differenti. Come spiega il sommelier Gábor Becker, questo significa che l’Ungheria spesso sorprende con la sua gamma di vini.

“Abbiamo bianchi frizzanti, rosati, rossi leggeri e corposi e dolci vini“, afferma. Le cantine coltivano varietà internazionali come lo chardonnay e il sauvignon blanc, nonché uve autoctone come il furmint e lo zenit.

L’abbondanza di piccole cantine significa che molte non producono abbastanza bottiglie da esportare. Quindi il modo migliore per provare davvero il vino ungherese è andare in Ungheria.

Dove provare il vino ungherese a Budapest

La capitale è una base ideale per immergersi nella cultura del vino ungherese. Becker è il sommelier del Four Seasons Gresham Palace, un iconico edificio in stile art nouveau lungo il fiume Danubio. Gli hotel sbarraMuzsá, è uno dei luoghi più popolari della città per provare i vini locali (e cocktail spettacolari).

Sotto una cupola rivestita di vetro con inserti in vetro colorato, il bar canalizza un Oriente espresso atmosfera con soffici tappezzerie viola e blu e lampade decorative dorate. Per uno spumante prima di cena, Becker consiglia Kreinbacher, un vino bianco frizzante prodotto con uva furmint al 100% secondo il metodo champagne. “Penso che in una degustazione alla cieca potrebbe essere scambiato per champagne”, dice Becker.

Per un’introduzione più completa al vino ungherese, attraversa l’atrio con a mosaico fino al Kollázs dell’hotel ristorante. Se sei felice di sbizzarrirti, scegli l'”appuntamento al buio” con lo chef e il sommelier per una festa di piatti eleganti, ciascuno abbinato a un vino locale.

Il foie gras ungherese viene servito con una versione secca del tokaji dello Szepsy azienda vinicola. Prodotto con l’uva furmint, è fresco con un’elevata acidità, “simile a un buon Chablis”, secondo Becker. Il piatto principale di cervo è sposato con il rosso del ristorante, un cabernet franc della cantina Sauska nella famosa città vinicola di Villány nel sud”.

Un’atmosfera totalmente diversa, ma ugualmente interessante vini, può essere trovato nei bar in rovina di Budapest. Situati nello storico quartiere ebraico, questi locali hippy e bohémien hanno occupato edifici fatiscenti abbandonati dopo la .

Il trendsetter si chiama Szimpla Kert. Dietro una facciata fatiscente si nasconde un bar labirintico con un dedalo di stanze scarsamente illuminate zeppe di mobili squallidi, opere d’arte eccentriche e il graffiti di migliaia di festaioli sulle pareti.

Quali sono i migliori tour delle cantine vicino a Budapest?

Etyek è una piccola città e centro vinicolo a circa 30 km da Budapest. Hotel come il Gresham Palace possono organizzarsi trasporto oppure c’è un autobus pubblico per il centro. Sulla collina sopra l’insediamento si trova un’area rurale dedicata ai vigneti.

Un vicolo acciottolato è fiancheggiato da piccole case dai tetti a punta con grandi porte di legno. Si tratta di presse che sono ancora di proprietà delle famiglie del paese. Un paio di edifici sono di proprietà dell’azienda vinicola Etyeki Kúria, dove lavora il responsabile delle esportazioni Gézárt.

All’interno di una luminosa sala vetrata con vista su una collina ricoperta di viti, i visitatori possono partecipare a degustazioni di vini e pranzi con abbinamenti di vini. La zona produce tipicamente vini bianchi e rosati. La cantina Etyeki Kúria produce un vino bianco secco da uve zenit con elevata acidità e note di e pera.

La regione produce anche vini pinot nero e la selezione di pinot nero di Etyeki Kúria è speziata con sentori di lampone e fico maturo. Becker, il sommelier del Four Seasons Hotel Gresham Palace, lo abbina a un ricco piatto di piccione.

“La nostra cultura enologica sta davvero iniziando ad attirare l’attenzione”, afferma Becker, “e offre qualcosa di nuovo e sconosciuto per gli appassionati”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare