Attira talenti ma mancano investimenti: la scena delle start-up in Norvegia è troppo un segreto ben custodito?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Attira talenti ma mancano investimenti: la scena delle start-up in Norvegia è troppo un segreto ben custodito?

Con i suoi fiordi da favola, la magica aurora boreale e la natura maestosa, la Norvegia è sicuramente un luogo che ispira innovazione. Eppure sta lottando per scalare le sue start-up.

La Norvegia si sta diversificando dalle sue radici come produttore di petrolio e gas, e il suo talento ingegneristico si sta invece unendo o lanciando start-up di energia verde. Il paese, noto per i suoi standard di vita di alta qualità, attira anche talenti tecnologici stranieri.

Il paese di quasi 5,5 milioni di abitanti è al 24° posto a livello mondiale per il suo ecosistema di start-up e 13° in Europa occidentale. È in ritardo rispetto alla vicina Svezia, ma sta lentamente cercando di recuperare.

Come uno dei sei unicorni norvegesi, start-up con una valutazione di oltre 1 miliardo di euro, la società di ed-tech Kahoot! afferma che in passato la società e la struttura commerciale della Norvegia si sono basate prevalentemente su materie prime, come petrolio, gas naturale e pesca.

Tuttavia, negli ultimi 10-20 anni ci sono stati maggiori sforzi per diversificare l’economia per generare nuove industrie come la .

“Gli ingredienti chiave per gettare le basi per un’economia più diversificata e imprenditoriale sono una istruita, la disponibilità e l’implementazione della tecnologia pertinente, l’accesso al capitale e un quadro normativo ragionevole”, afferma Kahoot! CEO Eilert Hanoa.

“Abbiamo visto progressi in tutte queste aree, anche se c’è ancora molto lavoro da fare”, ha detto a Euronews Next.

La battuta d’arresto degli investimenti

Una delle maggiori battute d’arresto della Norvegia è l’accesso agli investimenti, che potrebbe diventare ancora più difficile con l’attuale incertezza economica.

“Per la scena delle start-up norvegesi nel suo insieme, ovviamente l’impatto immediato è l’accesso al capitale, che è potenzialmente più difficile per molti ora. Inoltre, l’aumento del costo del lavoro e l’inflazione generale si aggiungono all’onere per alcuni”, ha affermato Hanoa.

“La mobilità dei talenti è probabilmente leggermente contratta ora dopo un periodo frenetico in cui la fidelizzazione dei talenti è stata piuttosto dura e molti cercavano nuove opportunità di carriera altrove. Quindi direi che probabilmente il quadro è misto”.

Ma su una nota più positiva, ha detto che se hai una start-up che ha un’idea, un team e un’esecuzione forti, “è ancora pienamente possibile svilupparsi bene, anche nei periodi difficili”.

Educare gli investitori

Una società che ha colto l’occasione per lavorare in un periodo difficile è stata la start-up Fygi, lanciata durante la pandemia di COVID-19.

La società tecnologica di vendita al dettaglio offre un sistema scan-pay-go sicuro per gli acquisti self-service, che possono essere effettuati tramite il codice QR di un rivenditore. Può avvantaggiare sia i rivenditori che gli acquirenti.

Sebbene l’idea sia stata avviata in Norvegia, l’azienda ha uffici anche in Polonia e in Germania, di cui l’azienda afferma di aver bisogno per crescere e sopravvivere.

“È molto innaturale concentrarsi solo sul proprio interno quando l’intero mercato in Norvegia è troppo piccolo”, ha affermato Amund Skaaden, CEO di Fygi.

“Norvegia, Svezia, Danimarca e Finlandia hanno impiegato molto più tempo per adottare questa tecnologia, direi, rispetto, ad esempio, alla Germania. Quindi, stiamo imparando dalla scena tedesca”.

Ma l’azienda ha anche partner internazionali, come Microsoft, Mastercard e Veeps, e questa è l’area in cui prevede di prosperare pienamente

“Come azienda tecnologica, dobbiamo istruire gli investitori. Se allevi pesci sulla costa occidentale della Norvegia, voglio dire, non devi istruire gli investitori. Loro conoscono ogni minimo dettaglio di quel commercio”, ha detto, aggiungendo che il pitching deve essere fatto ad alto livello perché “una volta che entri nei dettagli, perdi le persone”.

“Direi che stiamo cercando investimenti o denaro in qualcosa che non è così comune in questo paese. Quindi direi che è uno dei problemi”.

Come l’Europa potrebbe intensificarsi

Nonostante gli investitori norvegesi necessitino di maggiore convinzione, l’interesse internazionale per le start-up tecnologiche norvegesi sta crescendo.

“Stiamo parlando con molti investitori internazionali ora e vediamo che c’è un grande interesse per i paesi nordici”, ha affermato Maria Grimstad de Perlinghi, partner di Norselab, un fondo che si concentra sulla tecnologia dell’impatto e lavora con investitori internazionali.

“Quello che vediamo anche è che, nonostante la flessione globale del mercato, non ci sono segni di un calo di questo sviluppo nei paesi nordici”, ha aggiunto.

Ma una cosa di cui Grimstad de Perlinghi si preoccupa è che i mercati internazionali, in particolare gli Stati Uniti, divorino le start-up norvegesi. Sostiene che anche l’ecosistema industriale europeo deve iniziare a esaminare seriamente le start-up e chiedersi se esiste un modo migliore per effettuare acquisizioni.

“Penso che possiamo produrre aziende molto buone. E penso che il più ampio ecosistema in Europa debba sviluppare allo stesso modo i prossimi proprietari di queste società, piuttosto che aspettare che gli americani le catturino”, ha affermato.

La qualità norvegese

Oltre all’enorme spinta verso le start-up di , anche le società di mobilità e fintech sono fiorenti, ha affermato Lise Fulland, partner di investimento presso l’incubatore norvegese Startuplab.

Ma la mancanza di finanziamenti disponibili può anche essere dovuta alla natura dei norvegesi, il che significa che può essere difficile per loro vendere i propri servizi o chiedere investimenti a livello internazionale.

“Penso che ci sia qualcosa di buono e affascinante nel modo di essere norvegese. Quindi, quando dicono qualcosa, in realtà è vero e probabilmente è anche meglio di quello che stanno dicendo”, ha detto.

“Se vuoi competere con altri modi di vendere il tuo prodotto, non voglio che perdiamo quella qualità norvegese, ma forse devi essere un po’ più coraggioso e un po’ meno norvegese dal punto di vista commerciale”.

Come con la maggior parte dei paesi, la Norvegia sta cercando di attrarre talenti stranieri per potenziare il proprio ecosistema tecnologico. Sebbene sia considerato uno dei paesi più costosi al mondo in cui vivere, i salari sono molto più alti che nell’Europa occidentale, così come lo standard di vita.

Negli ultimi 20 anni, la popolazione di Oslo è cresciuta del 35% e ora supera gli 800.000 abitanti. Il numero è aumentato anche durante la pandemia di COVID-19.

“Durante la pandemia, c’è stata una crescita e un interesse per Oslo, in Norvegia, da parte di persone che volevano essere più vicine alla natura”, ha affermato Siw Andersen, CEO di Oslo Business Region, un’organizzazione che sostiene le start-up norvegesi e mira ad attrarre internazionali fondatori.

“E direi che, sebbene nella capitale ci sia anche una vita culturale molto vivace, c’è anche una vicinanza alla natura”.

Da Oslo, puoi effettivamente prendere un treno di 20 minuti fuori città e trovare una pista per lo sci di fondo.

Sostenere le donne nel mondo del lavoro

Ma il paese ha anche creato un in cui le donne possono prosperare sul posto di lavoro, con maternità e paternità retribuite congiunte possibili fino a un anno.

Andersen afferma che in Norvegia questa e altre iniziative consentono alle donne di conciliare carriera e famiglia.

“Non sto dicendo che questo sia unico, ma hai l’asilo gratis, hai la gratis. La , come funziona è che qui in Norvegia otto ore. Non ci si aspetta che tu lavori 24 ore”.

Un altro modo di fare affari in modo diverso è invece di avere una gerarchia dall’alto verso il basso sul posto di lavoro, c’è più di una struttura orizzontale.

Andersen ha affermato che, a differenza di molte aziende in Europa, esiste un “lato più morbido” sul posto di lavoro in cui i sono i benvenuti e non hanno paura di condividere idee e di entrare nell’ufficio del CEO.

Un modo di vivere ‘impareggiabile’

Una società che ha iniziato in Germania ma in seguito ha aperto un ufficio in Norvegia è Promon, un’azienda che protegge le tue app e il tuo telefono dalle minacce.

“Fin dal primo giorno è stato una sorta di parte integrante guardare all’esterno, perché la regione nordica o la Norvegia sono un mercato interno troppo piccolo per sostenere grandi ambizioni di crescita”, ha affermato Gustaf Sahlman, CEO di Promon.

Sebbene abbia uffici anche nell’Asia-Pacifico, in e negli Stati Uniti, l’azienda ha mantenuto le sue radici norvegesi.

“Abbiamo preso molto dall’eredità nordica e pensiamo che man mano che il mondo diventa mobile, questa sia una tecnologia di trasformazione. Per realizzare una strategia mobile che rispetti l’integrità del cliente, è necessario questo tipo di tecnologia”, ha affermato Sahlman.

Insieme al modello di lavoro norvegese, anche gli elevati standard di vita del paese hanno attirato talenti.

Rispetto a lavorare e vivere in America, è “incomparabile”, ha affermato Thomas Ford, direttore marketing e comunicazione di Promon, originario degli Stati Uniti ma trasferitosi a Oslo.

“Quando pensi alla famiglia e pensi a dove vuoi avere un buon equilibrio tra lavoro e vita privata… la Norvegia vince davvero, in particolare sugli Stati Uniti”, ha detto.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare