A questo inglese è stato diagnosticato un tumore al cervello nel 2018. Ora sta scalando la vetta più alta del Nord Africa

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
A questo inglese è stato diagnosticato un tumore al cervello nel 2018. Ora sta scalando la vetta più alta del Nord Africa

Scalare una montagna di 4.000 metri non è un’impresa facile.

Ma per l’intrepido avventuriero Matt Carpenter è più di un semplice sfida. È un’opportunità per dimostrare che una lesione cerebrale non può fermarlo e per raccogliere fondi per l’ente di che ha contribuito a salvargli la vita.

A settembre, il padre di due sta facendo trekking sulla vetta più alta del Nord , il Monte Toubkal Marocco.

Gli escursionisti scalano la vetta più maestosa dell’aspra catena montuosa dell’Atlante, che sale a 4.167 metri sul livello del .

“Essenzialmente è mostrare ad altre persone che hanno intrapreso stesso viaggio che sfide da grandi dimensioni sono realizzabili”, dice Matt.

“Una lesione cerebrale può far sentire piccolo il . Ma il mondo è enorme”.

Il viaggio di Matt Carpenter con una lesione cerebrale

Matt sta raccogliendo fondi per PAUL per Brain Recovery, un ente di beneficenza britannico che fornisce supporto, guida e istruzione alle persone colpite da lesioni cerebrali acquisite. Oltre al trekking, sta anche correndo la sua prima mezza maratona in assoluto. Inoltre, per ogni £ 10 raccolti, prenderà una torta di crema pasticcera in faccia.

È “brillante” restituire, dice. Ma è stata una lunga strada Monte Toubkal.

Nel 2010, Matt è stato ricoverato in ospedale dopo aver subito una commozione cerebrale, ma una TAC di routine ha prodotto un risultato “tutto chiaro”.

Per otto anni, il locale di Hull ha vissuto una vita normale e frenetica. Ha regolarmente raccolto fondi per beneficenzaha lavorato in un che amava in un rifugio per senzatetto e ha avuto due figli.

Ma nel 2018 è stato colpito da un attacco improvviso sul lavoro. Dopo che i medici hanno ordinato un’altra TAC, hanno scoperto un tumore.

Il nodulo maligno è visibile sulla scansione di Matt del 2010, a malapena delle dimensioni di una biglia, ma i medici lo hanno mancato. Quando il tumore fu scoperto, era cresciuto fino alle dimensioni di un “uovo di crema di Cadbury”, ricorda Matt.

“Mi ha colpito per sei… è stato lì tutto il tempo”, dice.

“Ho pensato ‘c’è stata una cosa nel mio cervello che diventava sempre più grande”.

Dopo la neurochirurgia d’urgenza, Matt è tornato alla raccolta fondi. Contro il parere dei suoi medici, ha completato un brutale Fango duro corsa ad ostacoli e una corsa di beneficenza di 10.000.

Col senno di poi, ammette di aver negato la sua prognosi medica. Ma il tumore è tornato – ed è stato costretto ad accettare che aveva bisogno di aiuto.

Nonostante abbia intrapreso un corso estenuante di chemioterapia e radioterapia, Matt è comunque riuscito a completare la sfida delle tre cime dello Yorkshire e ha insaccato Scaffell Pike, il più alto d’ montagna.

Gli incessanti ricoveri hanno “maltrattato” la sua salute mentale, ma la chemio sembrava funzionare.

“Finora, sembra che il piccolo pollone sia andato – morto”, ha detto.

“Probabilmente ce ne sono tracce da qualche parte nel mio cervello, ma per la maggior parte è sparito.”

Come l’ ha aiutato Matt a far fronte a un intervento chirurgico al cervello

Matt ha sempre amato viaggiare. Prima di conoscere il suo tumore al cervello, faceva regolarmente viaggi ’estero, compresi i periodi volontariato in un babbuino centro di riabilitazione a Sud Africa.

Ma sin dalla sua diagnosi, è stato più di un diversivo: è un modo di vivere la vita al meglio.

“C’è una citazione che mi piace vivere. È ‘la gente dice che vivi solo una volta. Per me è spazzatura. È che muori una volta sola, vivi ogni giorno’”, dice.

“Voglio sfruttare al meglio oggi, invece di preoccuparmi di domani o di ieri.”

Allo stesso tempo, insiste sul fatto che è importante non farlo “spingiti troppo”.

Il percorso di ognuno con una lesione cerebrale è diverso e tutti saranno fisicamente capaci di cose diverse.

“La lesione cerebrale è un viaggio, non uno sprint”, dice. “Stai calmo, non c’è assolutamente fretta.”

Matt l’ha imparato a proprie spese. Il giovane avventuriero ha tentato per la prima volta il trekking sul Monte Toubkal, gestito da una compagnia di viaggi Avventure molto migliori – nel mese di giugno. Ma il mal di montagna lo ha costretto a tornare indietro poco prima di raggiungere la vertice.

“Potrei iniziare a sentirmi girare le vertigini. Volevo andare avanti ma non volevo svenire e la squadra ha acconsentito”, ha detto.

“Fa schifo. Ma se ti sforzi troppo, puoi mettere il tuo Salute a rischio. Sto cercando di non farlo più”.

Come sta andando la raccolta fondi di Matt?

Matt ha raccolto più di £ 700 del suo obiettivo di raccolta fondi di £ 1.000: puoi trovare il link alla sua pagina di raccolta fondi qui. Ha anche pubblicato un libro: A Trip Down the Rabbit Hole: My 10 Year Journey with a Brain Tumor – un viaggio di cui discute ulteriormente in questa intervista con avventure molto migliori.

La sfida del Monte Toukbal riguarda principalmente raccogliere fondi per beneficenza. Ma sarà anche personalmente catartico, dice Matt.

“Questa volta, l’idea è di arrivare in cima e gridare vaffanculo al tumore al cervello!” lui ride.

“Sì, penso che sarà abbastanza buono.”

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (A questo inglese è stato diagnosticato un tumore al cervello nel 2018. Ora sta scalando la vetta più alta del Nord Africa
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare