Valencia: ecco perché dovresti visitare la Capitale Verde d’Europa nel 2024

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Valencia: ecco perché dovresti visitare la Capitale Verde d'Europa nel 2024

La città perfetta per chi cerca un fine settimana divertente, Valencia, la terza città più grande della Spagna, è ora in competizione con artisti del calibro di e Barcellona nella corsa per conquistare il cuore dei turisti.

Da parte sua, la città ha temperature perfette – 300 giorni di sole con una media di 18 gradi Celsius -, una fiorente scena gastronomica e lussureggianti spazi verdi, che l’hanno aiutata ad assicurarsi il titolo di Capitale verde europea 2024.

Soprattutto, però, i visitatori sono rapiti dal tipico stile valenciano, con la loro rilassata atmosfera mediterranea che mescola il vecchio stile con il nuovo.

“Valencia è uno stile di vita, è una fabbrica di emozioni”, afferma Francesc Colomer, segretario del turismo della regione di Valencia. “Viviamo anche in un’epoca d’oro della gastronomia valenciana”.

Ecco cosa dovresti fare durante il tuo a Valencia.

Prova qualsiasi piatto di riso, ma soprattutto la paella

Ci sono più di 200 piatti di riso nella regione valenciana, quindi devi provarne almeno uno. Ma Colomer consiglia ai visitatori di non andarsene senza aver provato quello che è probabilmente il piatto più famoso di tutti Spagnache è nato a Valencia nell’800: la paella.

“La paella è il piatto più importante che abbiamo a Valencia, è più di un semplice cibo: per noi è un rito di ”, afferma Colomer. “È un piatto da condividere con gli altri, un momento di convivialità.”

Mentre la tradizionale paella valenciana era fatta con o lumache, ora puoi trovare una varietà di condimenti: dalla classica paella di pesce, carnosa, alla “fideua”, una paella che sostituisce il riso con spaghetti corti.

Il ristorante “La Pepica”, aperto nel 1898, è un’istituzione a Valencia, un tempo frequentato dallo scrittore Ernest Hemingway. Serve ancora una paella deliziosa e autentica fino ad oggi.

Immergiti nella complessa storia di Valencia

I Mori governarono Valencia per centinaia di anni e l’influenza dei governanti nordafricani e della cultura islamica è ancora viva nell’architettura della città e nelle strade strette, accanto agli edifici romani e moderni.

Una passeggiata nel cuore del centro storico di Valencia, Ciutat Vella, ti porterà davanti ad alcuni degli edifici più spettacolari della città. Questi includono: La Lonja de la Seda, un mercato della seta medievale di architettura gotica che è anche un sito Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, il mercato modernista di Colón, ora abitato da eleganti negozi di alimentari e caffè chic, e l’ultramoderna Città delle Arti dall’aspetto futuristico and Sciences, un edificio unico progettato dall’architetto valenciano Santiago Calatrava. Il complesso ospita un , una sala concerti e un planetario.

Per avere un assaggio della vita di Valencia al giorno d’oggi, attraversa i quartieri alla moda di Ruzafa, con la sua vivace vita di strada e i nuovi bar e caffè alla moda, e El Carmen, un quartiere della città vecchia con un’atmosfera underground, piena di arte di strada.

Celebrare l’impegno della città per essere verde

Valencia sarà insignita del titolo di Capitale verde europea nel 2024, battendo in finale la città sarda di Cagliari. Il premio è un riconoscimento degli sforzi della città per raggiungere i suoi obiettivi verdi, ma anche per i suoi progetti futuri per migliorare ed espandere lo spazio verde nell’area. Di conseguenza, Valencia riceverà 350.000 da destinare alle politiche verdi.

C’è solo l’imbarazzo della scelta in quanto a spazi verdi da esplorare in città: Valencia vanta oltre due milioni di metri quadrati di giardini. Da visitare sono i polmoni verdi della città, il giardino del Turia, i giardini botanici e i Viveros.

Salta in per esplorare il Parco Naturale dell’Albufera, un rifugio rurale a 10 chilometri dalla città.

Ascolta la musica valenciana

Ci sono più di 1.000 bande di musica tradizionale nella regione di Valencia (le “bande” di fama internazionale), molte delle quali partecipano a festival annuali che raccolgono migliaia di persone, dice Colomer.

La regione vanta un eclettico scena musicalericca dei diversi stili di musica popolare tradizionale che si sono evoluti a Valencia nel corso degli ultimi secoli, tra cui il fandango e la jota, che sono accompagnati dalle corrispondenti danze tradizionali.

Se non sei in giro per uno dei tanti festival musicali che si svolgono in città, probabilmente potrai provare Valenciascena musicale unica in uno dei suoi vivaci caffè e bar ( Radio City o Sala Wah Wah), poiché la città vanta uno dei Spagnale vite notturne più vivaci di .

Colpire il playas

Che sia estate o inverno, le spiagge sabbiose di Valencia sono una tappa obbligata se visiti la città e i suoi dintorni.

“Ci sono oltre 500 chilometri di costa, ricchi sia di paesaggio che di patrimonio”, afferma Colomer.

Se rimani in città, il migliori spiagge da raggiungere dal centro sono La Patacona, La Malvarrosa e Pinedo.

La Patacona è una spiaggia urbana che è un’estensione di La Malvarrosa, una spiaggia affollata a nord del porto di Valencia. Entrambe le spiagge sfruttano al meglio i loro paesaggi giustapposti – con chilometri di sabbia bianca – incontrando una serie di bar e caffetterie lungo la passeggiata.

Pinedo è una spiaggia con bandiera blu – un riconoscimento per la sua pulizia e per i buoni servizi forniti – a meno di 15 minuti di auto dal centro di Valencia. Di solito è tranquillo, permettendo ai visitatori di fare lunghe passeggiate e godersi la del suo paesaggio.

Percorri qualche chilometro fuori città e lo troverai splendide spiagge immerso nel mezzo della natura abbagliante della regione. Ci sono 22 parchi naturali in tutta la regione valenciana, molti dei quali includono spiagge accessibili al pubblico. All’interno della riserva naturale La Albufera, troverai la spiaggia di El Saler, lunga cinque chilometri, a soli 10 minuti di auto dalla città. Nelle vicinanze c’è anche L’Arbre del Gos, che rimane fuori dai sentieri battuti per la maggior parte dei turisti.

Esplora oltre la città

Se ti resta del tempo, ci sono meraviglie nella regione oltre la città di Valencia.

Game of Thrones i fan apprezzeranno una visita a Peniscola, una pittoresca cittadina di mare con un incantevole castello medievale, che ha fatto da sfondo alle scene di Meeren nella sesta stagione. Il modo migliore per arrivarci è il treno.

Solo una corsa in autobus da Valencia è Port Saplaya, un affascinante villaggio di pescatori che è stato soprannominato la “piccola ” di Valencia.

La regione di Valencia conta anche diversi siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO riconosciuti per il loro eccezionale valore universale, dall’arte rupestre del bacino del Mediterraneo iberico allo spettacolo di polvere da sparo, fuoco e musica del festival Fallas.

Tutto sommato, c’è più che sufficiente per un viaggio di tre giorni da trasformare in un secondo viaggio a Valencia.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare