Un composto organico presente negli alberi potrebbe essere la risposta per combattere le infezioni resistenti agli antibiotici

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Un composto organico presente negli alberi potrebbe essere la risposta per combattere le infezioni resistenti agli antibiotici

I ricercatori hanno scoperto che un composto presente in natura trovato nella corteccia di alcuni alberi è in grado di uccidere i batteri resistenti ai farmaci, rendendolo un potenziale strumento chiave nella lotta contro i .

L’idrochinina, che può già essere usata per curare la malaria negli esseri umani, ha capacità di uccidere i batteri, secondo un nuovo studio studia da scienziati dell’Università di Portsmouth nel Regno Unito e delle università Naresuan e Pibulsongkram Rajabhat in Thailandia.

Il team ha scoperto che l’idrochinina era efficace contro il patogeno multifarmaco resistente pseudomonas aeruginosa, tra gli altri microrganismi. Le del flusso sanguigno con pseudomonas aeruginosa sono associate a tassi di mortalità elevati compresi tra il 30 e il 50%.

“Utilizzando esperimenti di uccisione batterica, abbiamo scoperto che l’idrochinina è stata in grado di uccidere diversi microrganismi, incluso il comune patogeno multiresistente pseudomonas aeruginosa”, ha affermato il dottor Robert Baldock della School of Pharmacy and Biomedical Sciences dell’Università di Portsmouth.

“Caratteristicamente, abbiamo anche scoperto che uno dei principali meccanismi utilizzati da questi batteri per sfuggire ’attività di uccisione del farmaco è stato sovraregolato con il trattamento, indicando una risposta robusta da parte dei batteri”, ha aggiunto.

“Studiando ulteriormente questo composto, la nostra speranza è che possa in futuro offrire un’altra linea di trattamento per combattere le infezioni batteriche”.

Crescente minaccia di resistenza antimicrobica

La resistenza antimicrobica è una minaccia urgente per la pubblica globale, che ha ucciso almeno 1,27 milioni di persone in tutto il e associata a quasi 5 milioni di morti nel 2019, secondo il Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CENTRO PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELLE MALATTIE).

Si verifica quando batteri, , funghi e parassiti cambiano nel tempo e non rispondono più ai farmaci. Ciò rende le infezioni più difficili da trattare e aumenta il rischio di diffusione della , malattie gravi e morte.

Il Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato la resistenza antimicrobica una delle prime 10 minacce globali per la salute pubblica che l’umanità deve affrontare.

In tutto il mondo sono stati osservati alti tassi di resistenza agli antibiotici usati frequentemente per trattare le infezioni batteriche comuni, comprese le infezioni del tratto urinario, la sepsi, le infezioni sessualmente trasmissibili (IST) e alcune forme di diarrea, afferma l’OMS.

Ciò indica che stiamo finendo gli antibiotici efficaci, afferma l’organizzazione, aggiungendo che “la pipeline clinica di nuovi antimicrobici è arida”.

“La nostra futura mira a scoprire l’obiettivo molecolare dell’idrochinina”, ha affermato il dottor Jirapas Jongjitwimol del Dipartimento di medica dell’Università di Naresuan.

“Questo aiuterebbe la nostra comprensione di il composto agisce contro i batteri patogeni e di come potrebbe essere potenzialmente utilizzato in un contesto clinico”.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (Un composto organico presente negli alberi potrebbe essere la risposta per combattere le infezioni resistenti agli antibiotici
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare