Tempo per il grande rimbalzo post-pandemia per il turismo globale?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Tempo per il grande rimbalzo post-pandemia per il turismo globale?

L’evento commerciale World Travel Market a riunisce migliaia di rappresentanti dell’industria globale dei viaggi. Un settore decimato dalla pandemia è ora concentrato sul grande rimbalzo.

Dal Giappone alla Giamaica, da Cuba alla , questo è uno dei più grandi raduni del commercio di viaggi del mondo.

Mostrando come il settore sta cambiando e dibattendo e discutendo le nuove tendenze dei consumatori e della di domani.

Tokyo è per diffondere il messaggio che è di nuovo aperta, riavviando il turismo internazionale solo il mese scorso, dopo oltre due anni di isolamento pandemico. E i visitatori iniziano a tornare.

Il turismo globale è tornato a quasi il 60% dei livelli pre-pandemia nella prima metà di quest’anno. E, al ritorno dei visitatori, Tokyo li incoraggia fuori dai sentieri battuti.

Masashi Imai, è il Direttore Marketing e Promozione del Tokyo Convention and Visitors Bureau.

“La maggior parte delle persone pensa che Tokyo sia una grande città e che stare nell’area della città… Dobbiamo mostrare come, dall’altra parte di Tokyo… Le persone possono godersi la città, ma anche godersi le aree locali, aree sconosciute. Quindi, le persone devono solo allargarsi”.

La condivisione dei visitatori è ora un obiettivo chiave per molti paesi e destinazioni, poiché cercano di mantenere i propri impegni di responsabilità e .

Gli obiettivi comuni sono mettere da parte le vecchie rivalità e unire il settore come mai prima d’ora.

Sandiaga Salahuddin Uno è il Ministro del Turismo, per l’Indonesia.

“Il sole, il mare e la sabbia in passato sono stati ora integrati dalle altre tre S di serenità, spiritualità e sostenibilità. C’è un certo numero di turisti nel complesso. Se continuiamo a competere con Bangkok, con KL (Kuala Lumpur) e con Singapore, nessuno vincerà.

“Quindi, dobbiamo collaborare, dobbiamo pensare al Sud-est asiatico come un’unica destinazione e crediamo che con un approccio corretto verso un tipo di turismo personalizzato, personalizzato e localizzato, di dimensioni più ridotte, saremo in grado di offrire esperienze migliori e ricordi.”

Juliette Losardo, è la Exhibition Director, del WTM London.

“Mentre i Millennial stanno arrivando e stanno diventando quelli con i budget più grandi, acquistano esperienze, non si limitano ad acquistare destinazioni. Quindi, penso che quello che inizieremo a è che le destinazioni esisteranno ancora come loro, ma penso che parleranno di più di ciò che puoi fare in quella destinazione”.

Artisti del calibro di AI e Big Data stanno aiutando l’industria dei viaggi a personalizzare le esperienze e a raggiungere i viaggiatori più giovani.

Le Filippine stanno costruendo esperienze uniche attorno a cose come le immersioni e aggiungendo caratteristiche ecologiche ed educative.

Margarita Montemayor Nograles, è il direttore operativo, dell’Ente per il turismo delle Filippine.

“Non è solo un caso di immersioni subacquee, due giorni di immersioni, due o tre notti di immersioni notturne, volevamo fare una pulizia dell’immersione. Forse vieni ad aiutare a pulire le nostre acque e, mentre lo stiamo facendo, possiamo fare servizi fotografici sott’acqua per scopi di Instagram, persone così. E poi, dopo, vorremmo anche raccontare la storia della vita marina”.

L’Arabia Saudita sta facendo crescere la sua industria turistica e punta a raggiungere gli amanti dei viaggi esperienziali, che secondo Fahd Hamidaddin, CEO dell’Autorità del turismo saudita, riguardano la comprensione degli stili di vita delle persone.

“Se tu ed io siamo del K-Pop, che tu sia a Riyadh oa Parigi, siamo la stessa comunità. Quindi, i buongustai, gli amanti dello shopping, lo chiami, sono comunità digitali. Quindi, capirlo e prenderli di mira dietro le comunità, penso che sia il modo in cui dovresti avvicinarti al turismo in futuro. È un guidato dalla passione”.

Nel frattempo, altrove alla fiera, non vede l’ora di ospitare per la prima volta l’evento EuroPride il prossimo anno, come spiega Clayton Bartolo, ministro del Turismo, a Malta.

“Malta è stata classificata come una delle migliori destinazioni LGBTIQ+ negli ultimi sette anni. Questa è una testimonianza del duro svolto sul fronte dei diritti civili. Le nostre proiezioni iniziali indicano che ci saranno oltre 25.000 visitatori solo per EuroPride il prossimo anno, quindi considerando il fatto che Malta è un’isola così piccola, ciò significherà un enorme afflusso di persone”.

La pandemia ha colpito duramente il settore dei viaggi globale, ma ha riflettuto, si sta rimodellando e ora guarda al futuro attraverso una lente molto diversa.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare