Ricordando le Olimpiadi del 1972: Mark Spitz parla di giochi tragici

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Il nuotatore americano Mark Spitz ha vinto l’oro alle di del 1972, un evento segnato per sempre dalla tragedia quando i terroristi hanno ucciso 11 membri della squadra olimpica israeliana.

Spitz è anche ebreo.

“Non credo si parlasse molto di essere un atleta ebreo prima dell’inizio delle Olimpiadi. Non si parlava certo del fatto che Dachau, un campo di concentramento, fosse a poche miglia dalla sala della piscina e dall’indizio”. stadio”, ha detto Spitz in vista del 50° anniversario degli attacchi di lunedì.

“Penso che questa sia stata una svolta nell’era ’epoca, per mostrare, sai, (…) questa è la nuova Olimpiade, è qui che è il oggi. Nessuno lo sapeva, una settimana dopo le Olimpiadi , stava per succedere”.

L’atleta americano ha ritenuto che toccasse anche a lui parlare dei tragici eventi accaduti durante le partite.

“Quindi, mi sono trovato in una situazione unica. In un certo senso, era un portavoce? Di chi? Sai, essere ebreo, beh, questa è una posizione interessante per spingere qualcuno che ha 22 anni. Non era un rabbino. Non ero coinvolto con una serie di strumenti esperti e conoscenze su molte cose che sostanzialmente rispondevano alle domande nel modo che ci si aspettava da me. Ho fatto del mio meglio in quel momento”, ha detto.

“Oggi è sempre la stessa risposta, cioè è stata una tragedia terribile non solo per quegli , ma anche per il movimento olimpico e per le famiglie in particolare e ne stiamo ancora parlando”.

Spitz ha vinto sette medaglie d’oro olimpiche ai giochi di Monaco, mostrando la sua agilità e la sua forza nonostante l’.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare