Questi paesi in Europa hanno speso 300 miliardi di euro combinati per alleviare la crisi del costo della vita

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Questi paesi in Europa hanno speso 300 miliardi di euro combinati per alleviare la crisi del costo della vita

La quantità di denaro che i governi della zona euro stanno impegnando per aiutare i consumatori e le imprese a far fronte alla crisi energetica e del della vita si avvicina rapidamente a 300 miliardi di euro.

Secondo i compilati da Reuters e dal think tank Bruegel, i governi del blocco hanno già impegnato 282 miliardi di euro – il 2,3% del loro combinato – per misure di soccorso e molti hanno piani per altri miliardi in cantiere.

Quella che segue è una ripartizione dei pacchetti fiscali nel blocco.

Germania

Il governo ha presentato il 4 settembre un terzo pacchetto del valore di 65 miliardi di euro, portando il totale da febbraio a 95 miliardi di euro.

Include aumenti dei benefici e un sussidio per i pubblici e sarà finanziato con una tassa sulle società elettriche e anticipando l’attuazione da parte della Germania della prevista imposta globale minima del 15% sulle società.

Francia

Il ministero delle Finanze francese stima che le misure adottate dallo scorso anno costeranno 67 miliardi di euro, di cui 24 miliardi di euro per coprire i massimali dei di gas ed e sconti sui carburanti per autoveicoli.

La spesa extra quest’anno è stata coperta da un reddito fiscale migliore del previsto, che ha permesso al governo di rispettare il suo obiettivo di un deficit di bilancio del 5% del PIL.

Italia

Il governo italiano ha finora impegnato 52 miliardi di euro e segnalato i piani per un nuovo pacchetto multimiliardario che una fonte ha detto a Reuters potrebbe valere almeno 10 miliardi di euro.

Il governo uscente ha finanziato i suoi pacchetti con maggiori entrate dall’imposta sul valore aggiunto (IVA) sui maggiori costi energetici e adeguando altre aree del bilancio statale.

Il governo ha rifiutato di aumentare il deficit fiscale di quest’anno al di sopra dell’obiettivo di aprile del 5,6% del PIL.

Spagna

Il governo spagnolo afferma di aver mobilitato oltre 30 miliardi di euro. Ciò include un primo pacchetto da 16 miliardi di euro a marzo composto da aiuti diretti e prestiti agevolati e un secondo pacchetto da 9 miliardi di euro a giugno rivolto alle persone a basso reddito con aumenti delle pensioni e sussidi per il su rotaia e autobus.

Per limitare l’impatto sul disavanzo di bilancio, Madrid punta a compensare parzialmente il costo con una tassa temporanea sulle e sulle grandi compagnie energetiche.

Paesi Bassi

Il governo ha offerto agevolazioni fiscali generali e sostegno mirato alle famiglie a basso reddito per un costo di oltre 6 miliardi di euro. Sta preparando ulteriori 16 miliardi di euro in misure per il prossimo anno, tra cui un aumento del 10 per cento del salario minimo e maggiori sussidi legati al reddito per l’assistenza sanitaria e l’affitto, che saranno per lo più pagati aumentando la ricchezza e le tasse sulle società e un tassa speciale per le compagnie petrolifere e del gas.

Grecia

Il governo dice che prevede di spendere più di 10 miliardi di euro per aiutare le famiglie, che spera possano essere compensate con entrate turistiche record al fine di mantenere il suo obiettivo fiscale per un disavanzo primario del 2% del PIL.

Il governo ha annunciato a giugno un pacchetto da 6 miliardi di euro, che include maggiori benefici per i gruppi vulnerabili e sussidi per le aziende ad alta intensità energetica. Le misure dovrebbero spingere il disavanzo di bilancio al 4 per cento del PIL.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (Questi paesi in hanno speso 300 miliardi di euro combinati per alleviare la crisi del costo della vita
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare