Viaggi nel Regno Unito: il tempo stringe per richiedere i voucher di rimborso COVID

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Viaggi nel Regno Unito: il tempo stringe per richiedere i voucher di rimborso COVID

Dopo che i piani di viaggio sono stati cancellati durante il culmine del COVID pandemia, parziale conforto è stato dato dall’emissione di voucher e note di credito.

Ma se non li hai ancora riscattati, potresti perdere i tuoi soldi entro il 30 settembre.

Cosa sono le note di credito di rimborso?

Quando divieti di viaggio e COVID le restrizioni hanno causato la cancellazione dei viaggi, molti hanno chiesto rimborsi compagnie aeree e compagnie di viaggio. Di fronte a preoccupazioni finanziarie perché nessuno stava succedendo vacanzale aziende hanno risposto distribuendo buoni di viaggio.

Ma con soldi stretti a causa dell’estensione del pandemia e la crisi del costo della vita poche persone hanno effettivamente utilizzato i loro voucher. Ecco perché sia ​​l’UE che l’Autorità per l’aviazione civile (“CAA”) del hanno ora adottato regimi di rimborso.

Hai tempo fino al 30 settembre per riavere i tuoi soldi

La CAA, che gestisce lo schema Atol (la licenza dell’organizzatore di viaggi è uno schema di protezione finanziaria del Regno Unito che protegge la maggior parte dei pacchetti turistici venduti dalle aziende di viaggio) ha affermato che sono state emesse note di credito di rimborso per un valore di oltre 132 milioni di sterline (152 milioni di euro) da Titolari di Atol ai clienti. Più di £ 50 milioni (€ 57 milioni) di note di credito di rimborso rimangono ancora inutilizzate.

Naturalmente, ciascuno agenzia di viaggi ha stabilito i propri termini, ma se non hai ancora utilizzato le tue note di credito, dovrai riscattarle o incassarle prima del 30 settembre 2022.

Dopo tale data non sei più protetto finanziariamente se la società che vende il viaggio non può consegnarlo o fallisce.

Per quanto tempo sono validi i voucher di ?

All’interno dell’UE, le compagnie di viaggio possono rimborsare i clienti sia in denaro che sotto forma di voucher. Tuttavia, il rimborso tramite voucher è possibile solo se il passeggero è d’accordo.

Tutti hanno diritto alla restituzione del proprio denaro, ma le normative nazionali fanno davvero la differenza. ,Cipro, , Francia, , , , Polonia, Portogallo e la hanno consentito agli organizzatori di viaggi di emettere buoni di viaggio, invece di rimborsi in contanti o di posticipare il rimborso ben oltre il iniziale di 14 giorni.

In Francia il termine è stato prorogato a 18 mesi dalla data di emissione, quindi tutti i rimborsi sono scaduti a giugno.

In Italiail termine per l’utilizzo del voucher è stato esteso a 30 mesi dalla loro emissione e solo dopo tale termine è possibile chiedere il rimborso in contanti.

La variazione dei tempi significa che dovresti controllare le normative nel tuo paese prima di provare a riavere i tuoi soldi.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (Viaggi nel Regno Unito: il tempo stringe per richiedere i voucher di rimborso COVID
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare