La prima scuola stampata in 3D in una zona di guerra viene stampata in Ucraina

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La prima scuola stampata in 3D in una zona di guerra viene stampata in Ucraina

Tra le strade segnate dalla guerra della ucraina di Leopoli, che è stata pesantemente bombardata dai russi, questa settimana sono state gettate le basi della prima scuola stampata in 3D al mondo costruita in una zona di guerra.

L’ambizioso progetto – mai intrapreso prima sul campo in mezzo a un conflitto in corso – è stato avviato e finanziato dalla start-up tecnologica e umanitaria senza scopo di lucro SQUADRA4UA in collaborazione con le autorità cittadine e altre società che stanno mettendo la tecnologia 3D al servizio degli sfollati a della guerra in Ucraina.

Oltre 2.000 scuole sono state danneggiate o distrutte in Ucraina dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio, secondo il del paese e ‘Salva le scuole’ un progetto ucraino che tiene traccia di tutte le scuole danneggiate e in rovina nel paese raccogliendo immagini degli edifici distrutti e delle date in cui sono stati colpiti dai bombardamenti.

A seguito dell’invasione, che si sta ancora svolgendo oltre sette mesi dopo, circa 3,6 milioni di bambini rischiano di perdere le lezioni, mentre 1,5 milioni rischiano di soffrire di problemi di mentale, secondo l’organizzazione umanitaria internazionale World Vision.

Molti enti di beneficenza e organizzazioni internazionali senza scopo di lucro hanno lanciato l’allarme sulla difficile situazione dei bambini delle scuole in Ucraina.

“Il conflitto sta mettendo a repentaglio il futuro di un’intera generazione di bambini ucraini”, ha affermato Jennifer Neelsen, direttrice della risposta alla ucraina di World Vision.

“Ogni giorno che passa in questa guerra, la vita e il futuro dei bambini sono messi a rischio sempre più”, ha affermato Onno van Manen, Direttore nazionale ad interim di Save the Children in Ucraina.

Nella regione di Leopoli, dove verrà costruita la scuola, ci sono 250.000 sfollati interni ufficialmente registrati, di cui oltre 75.000 bambini.

Questo è forse il motivo per cui, quando TEAM4UA ha offerto il suo servizio alla città, Leopoli ha chiesto prima la stampa di una scuola.

Costruire le pareti della scuola con una stampante 3D sarà più veloce ed economico che costruire un nuovo edificio in cemento da zero, secondo la start-up tecnologica, che potrebbe richiedere fino a due anni.

Inoltre, il progetto è molto più sostenibile delle tradizionali tecniche di costruzione, afferma.

“Si risparmia tempo. È efficiente per quanto riguarda i costi energetici e sarà veloce”, ha detto a Euronews Next Charles Tiné, membro del comitato strategico di TEAM4UA.

“E gli edifici prodotti sono a lunghissimo termine, durano a lungo. L’isolamento è molto efficiente, non è mettere i rifugiati in edifici che dureranno due settimane.

“È a lungo termine e, una volta terminato, puoi imballare la tua stampante, metterla su un camion e spostarti da qualche altra parte”.

Il di questa iniziativa potrebbe vedere un’impennata nell’uso di Tecnologia 3D per la ricostruzione di edifici distrutti in Ucraina, comprese le abitazioni.

Secondo TEAM4UA, in tutto il paese devono essere ricostruite circa 10.000 case.

L’obiettivo finale, ha affermato Tiné, è portare un totale di 15 in Ucraina, addestrare gli ucraini a usarle, prendere i detriti degli edifici distrutti dalla guerra e riciclare quel cemento per stampare nuovi edifici.

Tiné è fiducioso che la scuola sarà solo l’inizio dell’uso della stampa 3D nel paese e in altri luoghi del mondo che potrebbero averne bisogno.

“Possiamo stampare ponti, magazzini [after the school]”, ha detto Tiné. “E una volta finita la guerra in Ucraina, l’idea è di spostare queste stampanti in altri luoghi dove è necessario, dopo un terremoto o dopo simili disastri”.

I recenti attacchi russi contro obiettivi civili, lanciati da Mosca come rappresaglia per la distruzione di un importante di rifornimento tra Russia e Crimea, hanno messo ancora una volta Lviv sotto tiro.

Martedì, un missile russo ha colpito le infrastrutture critiche della città.

Tiné ha affermato che gli scioperi non fermeranno la costruzione della scuola stampata in 3D, ma è probabile che il blackout che la città ha subito dopo che gli scioperi russi hanno colpito una fornitura di nella regione di Leopoli ostacolerà gli sforzi per costruirla.

La costruzione potrebbe essere ritardata, ma Tiné è convinto che la scuola sarà costruita, non appena sarà sicuro per l’equipaggio entrare in Ucraina.

“Questo non ci distoglierà assolutamente di un centimetro dall’obiettivo, che è aiutare le persone a ricostruire ciò che è stato distrutto e ricevere un’istruzione a lungo termine”, ha affermato.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare