“La mia potenza è davvero bassa”: il lander InSight della NASA dice l’ultimo addio da Marte

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
"La mia potenza è davvero bassa": il lander InSight della NASA dice l'ultimo addio da Marte

Con la sua potenza estremamente bassa, il lander InSight della NASA, che ha trasmesso alla Terra da Marte da quando è atterrato nel 2018, ha inviato un messaggio di addio.

Poiché la polvere si è accumulata sui pannelli solari del lander, non è in grado di accendersi. La situazione è stata esacerbata da una tempesta di polvere nelle ultime settimane, che ha portato 'esaurimento delle batterie.

“La mia potenza è davvero bassa, quindi questa potrebbe essere l'ultima immagine che posso inviare”, si in un messaggio sull'account Twitter del lander, gestito dal Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA.

Il tweet continuava: “Non preoccuparti per me però: il mio è stato sia produttivo che sereno. Se posso continuare a parlare con la mia squadra della missione, lo farò, ma presto mi dimetterò. Grazie per essere rimasto con me”.

Il Jet Propulsion Laboratory ha dichiarato il 18 dicembre che InSight non rispondeva alle comunicazioni dalla Terra, il che “potrebbe significare la fine delle operazioni per il veicolo spaziale”.

Ha continuato dicendo che il team avrebbe continuato a provare a contattare nuovamente InSight.

Rilevamento di terremoti

InSight, che è rimasto fermo da quando è atterrato sul Pianeta Rosso nel novembre 2018, ha condotto studi sulle profondità interne del pianeta.

È atterrato su Elysium Planitia, una pianura sull'equatore, dove ha posizionato un sismometro per l'attività sismica e fornire modelli dell'interno del pianeta.

Ha anche utilizzato una sonda termica per studiare la prima evoluzione geologica di Marte.

JPL ha affermato che InSight ha raggiunto i suoi obiettivi scientifici primari nel suo primo anno marziano (che è di circa due anni terrestri), rilevando più di 1.300 “martemoti”, nonché molteplici impatti di meteoriti e ottenendo informazioni sulla composizione interna del pianeta.

Due articoli di ricerca pubblicati sulla rivista Science hanno dettagliato gli attacchi di meteoriti sulla superficie marziana rilevati da InSight a settembre e dicembre dello scorso anno.

Le onde sismiche innescate dagli impatti hanno rivelato nuovi dettagli sulla struttura della crosta marziana, lo strato esterno del pianeta.

Una roccia con un diametro stimato di 5-12 m si è schiantata alla vigilia di Natale dello scorso anno, scavando un cratere largo circa 150 me profondo 21 m.

Ha causato un di magnitudo 4 rilevato dallo strumento sismometrico di InSight, mentre le telecamere a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter hanno osservato il cratere dallo spazio.

Blocchi di ghiaccio delle dimensioni di un masso sono stati visti sparsi attorno al bordo del cratere.

Oggetti così grandi entrano nell'atmosfera terrestre circa una volta all'anno, ma generalmente bruciano nell'atmosfera più densa del nostro pianeta.

“Un sacco di ghiaccio d'acqua è stato esposto a causa di questo impatto”, ha detto la scienziata planetaria della Brown University Ingrid Daubar, parte del team scientifico di InSight, in una stampa a ottobre.

“Questo è stato sorprendente perché questo è il punto più caldo su Marte, il più vicino all'equatore in cui abbiamo mai visto acqua ghiacciata”.

Lori Glaze, direttore della Planetary Science Division della NASA, ha affermato che mentre è noto che il ghiaccio esiste vicino ai poli marziani, le future missioni di esplorazione umana mirerebbero a portare gli astronauti il ​​più vicino possibile all'equatore per condizioni più calde.

Il ghiaccio vicino all'equatore potrebbe fornire risorse acqua potabile e propellente per razzi.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare