La maggior parte dei manager in un nuovo studio ritiene che il lavoro flessibile possa aumentare la produttività e la concentrazione

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La maggior parte dei manager in un nuovo studio ritiene che il lavoro flessibile possa aumentare la produttività e la concentrazione

Più della metà dei manager nel ritiene che il flessibile possa aumentare la produttività e la concentrazione tra i lavoratori.

Questo secondo un nuovo rapporto sull’esperienza che i manager hanno dovuto affrontare dall’inizio della pandemia di -19, che ha costretto le aziende ad adattare le loro pratiche lavorative.

Dopo la pandemia, c’è stata una certa tensione tra i dipendenti che hanno abbracciato le pratiche di lavoro flessibili e alcuni datori di lavoro che hanno cercato di reprimere le .

La condotta dai ricercatori dell’Università di Birmingham School e dell’Università di York, entrambe nel Regno Unito, ha incluso i dati di quasi 600 manager raccolti nell’estate del 2022.

I ricercatori hanno scoperto che poco più della metà dei manager intervistati concorda sul fatto che lavorare da migliora la concentrazione dei dipendenti, mentre il 59,5% concorda che il lavoro da casa aumenta la produttività.

Un ulteriore 62,8% ha concordato che il lavoro a distanza ha aumentato la motivazione tra i propri dipendenti.

La ricerca ha anche rilevato che, dopo la pandemia, un numero inferiore di manager ritiene che siano necessarie lunghe ore per progredire in un’organizzazione. Prima del 2020, quella cifra era del 43,4%, mentre durante i blocchi è scesa al 38,7% nel 2020 e al 35,2% nel 2021.

A partire dal 2022, la cifra è salita al 41,9%, suggerendo che potrebbe esserci un’inversione della tendenza in atto.

“Sebbene il presenzialismo sembri diminuire dopo il COVID-19, ci sono segnali che stiamo tornando verso una del lavoro tradizionale con orari lunghi”, hanno affermato i coautori del rapporto, la dott.ssa Holly Birkett della University of Birmingham Business School e la dott.ssa Sarah Forbes della Università di York.

Lodano il recente annuncio del governo britannico, tuttavia, di piani per dare a milioni di dipendenti il ​​diritto di richiedere condizioni di lavoro flessibili.

“È un passo positivo che il governo si stia muovendo per rendere il diritto di richiedere il lavoro flessibile un diritto immediato, ma è anche imperativo che come società garantiamo che il lavoro flessibile sia più liberamente accessibile, comprese le condivisioni di lavoro e il part-time lavorando e in più settori “, hanno affermato.

Gli autori sottolineano che mentre il lavoro flessibile è “qui per restare”, è molto più accessibile per professionisti e impiegati.

“Dobbiamo anche garantire che il lavoro flessibile sia dotato di risorse adeguate e gestito ’interno delle organizzazioni, con sistemi di comunicazione inclusivi e di gestione delle prestazioni adeguati, al fine di vedere tutti i benefici di questa evoluzione nella pratica lavorativa”.

Hanno invitato il governo a rivedere la legge sul lavoro per assicurarsi che sia adatta allo scopo post-COVID-19, oltre a incoraggiare le organizzazioni a garantire che le loro politiche di lavoro flessibile non siano di .

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare