La Cina riprende i viaggi internazionali: quali paesi stanno introducendo nuove restrizioni COVID?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La Cina riprende i viaggi internazionali: quali paesi stanno introducendo nuove restrizioni COVID?

I paesi stanno imponendo nuove misure COVID-19 ai viaggiatori provenienti da Cina mentre riprendono i viaggi internazionali.

Nell’UE, Francia, Germania, Grecia, ItaliaLettonia, Paesi Bassi, Portogallo, e Svezia hanno finora rafforzato le norme sui viaggiatori provenienti dalla Cina in risposta all’aumento dei casi.

Mentre i paesi dell’UE finora non sono riusciti a concordare un approccio coordinato alla mutevole situazione del COVID-19, il blocco ha “fortemente” incoraggiato un requisito di test negativo. Altri approcci possono includere il monitoraggio, la sorveglianza e il sequenziamento di nuove varianti; test e requisiti di vaccinazione; e misure igienico-sanitarie per i passeggeri aerei.

Quali paesi europei hanno introdotto i requisiti COVID-19 sui viaggi dalla Cina?

L’Italia è stato il primo paese dell’UE a inasprire le restrizioni, ordinando tamponi antigenici COVID-19 e sequenziamento del per tutti i viaggiatori provenienti dalla Cina, ha annunciato il mese scorso il ministro della Salute.

Spagna è diventato il secondo paese europeo ad annunciare restrizioni COVID ai viaggiatori provenienti dalla Cina, che ora dovranno fornire un risultato negativo del test o una prova della vaccinazione.

Dopo aver inizialmente affermato che non era necessario aumentare i controlli alle frontiere, Francia ha annunciato che richiederà un test PCR o antigenico negativo effettuato meno di 48 ore prima dell’imbarco per tutti i viaggiatori provenienti dalla Cina a partire dal 5 gennaio. Anche la Svezia ha ora annunciato che richiederà test negativi per i viaggiatori in arrivo dalla Cina a partire dal 7 gennaio e il dal 10 gennaio.

Il sindaco belga ha anche chiesto la reintroduzione dei controlli COVID sui turisti che entrano dalla Cina. Il ha annunciato lunedì che testerà le acque reflue degli aerei in arrivo dalla Cina per nuove varianti COVID parte di nuove misure contro la diffusione del coronavirus.

Il UK ha invertito la sua dichiarazione originale secondo cui non ha intenzione di ripristinare i test COVID-19 per coloro che arrivano dalla Cina. A partire dal 5 gennaio, sarà necessario un test COVID-19 negativo prima della partenza, ha affermato venerdì il Dipartimento della Salute.

La Cina ha reagito alle restrizioni all’ingresso mirate affermando che mancano di basi scientifiche e sono irragionevoli. Mao Ning, portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha dichiarato martedì che il Paese è “fermamente contrario a tali pratiche” e ha minacciato ritorsione.

Quali altri paesi hanno introdotto restrizioni COVID per gli arrivi dalla Cina?

Altrove, Australia, Canada, India, Malesia, , Qatar, Corea del Sud, Taiwan e Stati Uniti hanno introdotto ulteriori misure COVID per gli arrivi dalla Cina.

Dopo aver inizialmente affermato che non avrebbe reintrodotto i test, l’Australia ha annunciato che i viaggiatori in arrivo dalla Cina dovranno presentare un test COVID-19 negativo entro 48 ore dalla partenza a partire dal 5 gennaio.

Viaggiatori aerei a Canada dalla Cina deve risultare negativo per COVID-19 non più di due giorni prima della partenza, ha detto Ottawa.

L’India ha imposto un rapporto di test negativo COVID-19 per i viaggiatori che arrivano da Cina, Hong Kong, Giappone, Corea del Sud, e Tailandia. I passeggeri provenienti da questi paesi verranno messi in quarantena se mostrano sintomi o risultano positivi al test.

L’India ha rilevato un totale di 11 nuove varianti di COVID-19 nei viaggiatori internazionali arrivati ​​nel paese tra il 24 dicembre e il 3 gennaio, affermano fonti del ministero della salute. Dei 19.227 passeggeri che sono stati testati per COVID-19 durante il periodo, 124 sono risultati positivi.

Il nuovo ministro della Sanità israeliano Aryeh Deri ha annunciato nuovi requisiti per i test COVID-19 per i viaggiatori provenienti dalla Cina, secondo il Times of Israel.

La Malesia ha messo in atto ulteriori misure di monitoraggio e sorveglianza. Controllerà tutti i viaggiatori in entrata per la febbre e testerà le acque reflue degli aerei in arrivo dalla Cina per COVID-19.

Marocco imporrà un divieto alle persone in arrivo dalla Cina di tutte le nazionalità dal 3 gennaio.

Qatar richiederà ai viaggiatori in arrivo dalla Cina dal 3 gennaio di fornire un risultato negativo del test COVID-19 effettuato entro 48 ore dalla partenza, ha affermato l’agenzia di stampa statale QNA.

Giappone afferma che richiederà un test COVID-19 negativo all’arrivo per i viaggiatori dalla Cina, con quelli risultati positivi che dovranno sottoporsi a una settimana di quarantena. Tokyo prevede inoltre di limitare le compagnie aeree che aumentano i voli per la Cina.

Corea del Sud ha introdotto i test PCR all’arrivo per le persone provenienti dalla Cina. Dal 5 gennaio, il Paese richiederà inoltre un risultato negativo del test entro 48 ore o un test antigenico rapido effettuato entro 24 ore prima della partenza. Vengono inoltre poste restrizioni sui visti a breve termine per i cittadini cinesi.

Il test PCR all’arrivo è stato introdotto per tutti i passeggeri sui voli diretti dalla Cina a Taiwan, nonché in barca su due isole al largo.

Anche le Filippine stanno valutando la possibilità di imporre test e hanno intensificato la sorveglianza sui passeggeri sintomatici provenienti dalla Cina.

Le nazioni del sud-est asiatico trattano i viaggiatori cinesi come tutti gli altri.

La Thailandia richiede agli stranieri la cui prossima destinazione è un paese che richiede un test COVID-19 pre-ingresso negativo – che include la Cina – per dimostrare di avere un’assicurazione sanitaria che copra le cure per la .

Sia la Malesia che Tailandia stanno testando le acque reflue delle compagnie aeree per il virus.

Anche i funzionari del governo degli Stati Uniti stanno intensificando i controlli, citando preoccupazioni per la “mancanza di dati trasparenti” provenienti da Pechino. A partire dal 5 gennaio, tutti i passeggeri aerei di età pari o superiore a due anni richiederanno un risultato negativo di un test non più di due giorni prima della partenza da Cina, Hong Kong o Macao.

Perché i paesi sono preoccupati per i viaggiatori in arrivo dalla Cina?

Nelle ultime settimane, la Cina ha rapidamente allentato le sue restrizioni Regole COVID tra i disordini cittadini. Secondo quanto riferito, il brusco cambiamento di ha lasciato il suo sistema sanitario sopraffatto mentre il virus si diffonde in gran parte senza controllo.

La Cina, un paese di 1,4 miliardi di persone, ha riportato tre nuovi decessi correlati a COVID martedì, rispetto a uno di lunedì. Tuttavia, questi numeri non sono coerenti con quanto riportato dalle imprese funebri, nonché con l’esperienza di paesi molto meno popolosi dopo che riaperto.

“Ci sono crescenti preoccupazioni nella comunità internazionale in merito alla situazione in corso COVID-19 picchi in Cina e la mancanza di dati trasparenti, compresi i dati sulla sequenza genomica virale, segnalati dalla RPC [People’s Republic of China]”, hanno dichiarato funzionari statunitensi a dicembre.

In Italia, il principale aeroporto di Milano, Malpensa, aveva già iniziato a testare i passeggeri in arrivo da Pechino e Shanghai il 26 dicembre, e i risultati hanno mostrato che quasi un passeggero su due era infetto.

Quali sono le regole per le persone che viaggiano in Cina?

La Cina ha dichiarato a dicembre che revocherà il requisito di quarantena per i viaggiatori in entrata a partire dall’8 gennaio. È ancora necessario un test PCR negativo. Riprenderà anche l’emissione visti per i residenti di viaggiare all’estero.

Questo è un passo importante verso l’allentamento dei limiti ai suoi confini, che sono stati in gran parte chiusi dal 2020. Le regole si sono gradualmente allentate nelle ultime settimane per facilitare i viaggi sia nazionali che internazionali.

Hong Kong ha anche affermato che eliminerà la maggior parte di ciò che rimane Restrizioni COVID.

Le ricerche online di voli fuori dalla Cina sono aumentate a dicembre da livelli estremamente bassi, ma i residenti e agenzie di viaggio ha suggerito che un ritorno a qualcosa di normale richiederebbe ancora alcuni mesi, poiché per ora prevale la cautela.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare