La guerra della Russia in Ucraina ha cambiato per sempre il panorama energetico dell’Europa, afferma il ministro norvegese

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La guerra della Russia in Ucraina ha cambiato per sempre il panorama energetico dell'Europa, afferma il ministro norvegese

Un gigantesco produttore di energia, la Norvegia si trova in prima linea in un crisi energetica che ha raggiunto nuove vette drammatiche martedì dopo il presunto sabotaggio di Nord Stream della gasdotti nel Mar Baltico.

“Penso ovviamente che questo sia un momento difficile. Stiamo facendo il possibile per mantenere la sicurezza della piattaforma continentale norvegese”, ha detto a Euronews Next Andreas Bjelland Eriksen, Segretario di Stato presso il Ministero del Petrolio e dell’Energia norvegese.

La Norvegia, alleata della NATO e membro dell’Associazione europea di libero scambio (EFTA), si è dimostrata un’ancora di salvezza per l’Unione europea diventando il più grande fornitore di gas naturale del blocco di 27 nazioni da quando la Russia ha tagliato le forniture di gas dopo l’invasione dell’Ucraina.

La Norvegia ha aumentato la di gas per soddisfare la domanda europea e, secondo Eriksen, il paese prevede di produrre l’8% in più di gas quest’anno rispetto allo scorso anno.

Prima della guerra in Ucraina, la Norvegia copriva circa il 20% della domanda di gas dell’UE e quest’anno ne fornirà circa il 25%, secondo la società di ricerca Rystad Energy.

“Penso che se accettiamo la premessa che l’invasione russa dell’Ucraina ha cambiato per sempre il panorama energetico in Europa e che non è possibile tornare allo stato prebellico”, ha affermato Eriksen.

“Essi [Europe] avrà bisogno di gas da fonti diverse dalla Russia. E in questa prospettiva, penso che sia difficile vedere che ci sono molti posti in cui è più naturale continuare a importare gas da un contesto europeo che dalla Norvegia”.

Secondo le statistiche del governo norvegese, i ricavi dell’industria petrolifera dovrebbero aumentare di circa un quarto a 90 miliardi di quest’anno, rispetto ai 62 miliardi di euro nel 2021.

“Produciamo il più possibile e facciamo tutto ciò che è in nostro potere per mantenere il sistema alla massima in futuro, in modo da fornire quanta più energia possibile all’Europa”, ha affermato Eriksen.

“Per noi è importante che sappiano e mostriamo loro che la Norvegia è un partner energetico affidabile, affidabile e a lungo termine per l’Europa”.

Un tetto massimo di prezzo dell’energia?

Ma con l’Europa che soffre di alta e dell’energia alle stelleè seguito un dibattito sul fatto che la Norvegia debba vendere il suo gas naturale al di sotto del prezzo di per evitare una recessione europea, cosa che danneggerebbe il principale partner commerciale della Norvegia.

Eriksen ha affermato che il taglio dei prezzi è un’opzione che non è ancora completamente fuori .

“Innanzitutto, per noi è importante dire che non abbiamo chiuso la a misure che possano aiutare a stabilizzarsi il prezzo dell’energia e anche mantenere la sicurezza energetica europea”, ha affermato.

Ma ha aggiunto che ci sono preoccupazioni se la Norvegia dovesse farlo.

Il primo motivo è che potrebbe allontanare gli acquisti di gas dal mercato europeo, il che “rafforzerebbe in qualche modo il problema di fondo e il motivo per cui i prezzi sono alti, ovvero il fatto che nel sistema c’è poca energia a delle ridotte importazioni dalla Russia ,” Egli ha detto.

Il secondo problema con l’abbassamento dei prezzi del gas è che potrebbe portare a un consumo di energia più elevato rispetto a quello che viene utilizzato ora, il che “contribuirebbe a rafforzare la crisi che vediamo ora”, ha aggiunto Eriksen.

“Siamo per diversi motivi scettici su un price cap come una sorta di misura a breve termine per alleviare gli effetti della crisi”.

Il 9 settembre, il primo ministro norvegese Jonas Gahr Støre ha messo in guardia contro un tetto massimo per il gas norvegese venduto all’UE poiché ha affermato che non avrebbe risolto i problemi energetici del blocco, secondo il quotidiano norvegese Verdens Gang (VG).

Ma Eriksen è fermamente convinto che la Norvegia e la Commissione europea abbiano una forte relazione.

“Penso che abbiamo uno stretto dialogo con la Commissione, ma penso che possiamo essere onesti sul fatto che non ci sono misure facili e rapide sul tavolo”, ha affermato.

“Il tipo di sfida ovvia dovuta alla mancanza di energia nel sistema non viene risolta con misure a breve termine.

“E vogliamo essere un partner di dialogo costruttivo per l’UE in futuro. Ma è difficile trovare le misure che possano aiutare in questa crisi attuale”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare