La Croazia si appresta ad aderire alla zona Schengen senza passaporto, ma per quanto riguarda la Bulgaria e la Romania?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La Croazia si appresta ad aderire alla zona Schengen senza passaporto, ma per quanto riguarda la Bulgaria e la Romania?

La zona europea senza passaporto sembra destinata ad accogliere la Croazia, ma escludere Romania e Bulgaria.

I paesi dell’UE voteranno oggi se ammettere o meno le tre nazioni nella cosiddetta zona Schengen, un patto tra paesi per abolire i controlli alle frontiere per coloro che viaggiano tra i loro territori.

È probabile che la Croazia riceva il sostegno unanime dei 26 Stati membri di Schengen.

Tuttavia, Austria rischia di bloccare Romania e Bulgaria, adducendo una mancanza di preparazione.

“Abbiamo bisogno di più tempo”, ha detto all’inizio di questa settimana il cancelliere austriaco Karl Nehammer.

“Al momento, abbiamo 75.000 migranti illegali non registrati in Austria, il che significa che hanno attraversato un confine esterno Confine UE ed è arrivato in Austria. Questo deve essere risolto prima”.

Anche la Croazia inizierà a utilizzare l’euro da gennaio . Ecco cosa devi sapere se stai programmando un viaggio nel paese l’anno prossimo.

Hai bisogno di un passaporto per entrare in Croazia, Romania e Bulgaria?

La Croazia fa parte dell’Unione Europea dal 2013, e Romania e Bulgaria dal 2007, ma non sono attualmente in Zona Schengen.

Ciò significa che è ancora necessario un passaporto o una d’identità per entrare in questi paesi anche quando si arriva da un paese nel Area Schengen.

Ma Croazia, Romania e Bulgaria sono tutte “pronte” ad aderire alla zona Schengen senza confini, ha affermato la Commissione europea.

A novembre, il ha votato a favore della rimozione dei restanti controlli alle frontiere tra la Croazia e la zona Schengen.

La decisione finale spetta ora al Consiglio dell’UE i cui membri sono i 27 capi di dell’UE.

“Il posto della Croazia è in Schengen. I criteri sono stati soddisfatti. Il Parlamento europeo ha dato il via libera. Ora il Consiglio dell’UE deve dare i suoi frutti”, ha scritto in un tweet la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola.

Dal 1° gennaio 2023, la Croazia sembra pronta a revocare i controlli alle frontiere con altri paesi Schengen.

Tuttavia, è improbabile che la Romania e la Bulgaria vengano ammesse a del rifiuto dell’assistenza da parte dell’Austria.

La Romania e la Bulgaria attendono da oltre un decennio la concessione dell’adesione dopo aver completato il processo di valutazione Schengen nel 2011.

Quando la Romania e la Bulgaria saranno prese in considerazione per la zona Schengen?

Romania e Bulgaria hanno aspettato più di un decennio per la conferma.

“L’attesa è stata lunga, direi troppo. Le aspettative sono alte, giustamente, da parte delle autorità ma non almeno dei ”, ha detto mercoledì Ylva Johansson, commissario per gli affari interni dell’UE.

Un voto positivo significherà CroaziaI controlli alle frontiere terrestri e marittime con i paesi Schengen saranno aboliti dal 1° gennaio 2023. I controlli negli aeroporti saranno revocati dal 26 marzo.

Tuttavia, un diplomatico anonimo dell’UE non era ottimista sulle possibilità delle vicine Romania e Bulgaria.

“La Croazia può aspettarsi una decisione positiva, ma la Romania, e in particolare Buglaria, non potranno ancora aderire a Schengen”, hanno affermato.

“Saranno lasciati fuori per almeno un altro semestre o un anno prima che possiamo rivisitare il problema”.

Quale valuta utilizza la Croazia?

Al momento, i visitatori di Croazia bisogno di scambiare i propri poiché il paese continuerà a utilizzare la propria valuta, la kuna, fino a gennaio del prossimo anno. Attualmente, una kuna croata vale circa 0,13 euro.

Dal prossimo anno, invece, La Croazia inizierà a utilizzare l’euro. Il paese si unisce ad altri 19 paesi nel blocco che utilizzano la valuta.

La nazione dell’ orientale spera che ciò porti maggiore finanziaria ai suoi cittadini e innalzi il tenore di vita.

Dovrebbe aiutare a frenare l’aumento dell’, il che significa anche che i viaggiatori possono aspettarsi meno fluttuazioni drammatiche dei prezzi.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare