La capsula Orion della NASA raggiunge la Luna, 50 anni dopo Apollo

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La capsula Orion della NASA raggiunge la Luna, 50 anni dopo Apollo

La capsula Orion della NASA ha raggiunto la Luna lunedì, sfrecciando intorno al lato opposto e ronzando sulla superficie lunare nel suo percorso verso un’orbita da record con manichini di prova seduti per gli astronauti.

È la prima volta che una capsula spaziale visita la Luna dai tempi del programma Apollo della NASA 50 anni fa e rappresenta una pietra miliare nel volo di prova da 4 miliardi di euro iniziato mercoledì scorso.

L’avvicinamento ravvicinato di 81 miglia (130 km) si è verificato quando la capsula dell’equipaggio e i suoi tre manichini cablati si trovavano sul lato opposto della Luna.

A di un blackout delle comunicazioni di mezz’ora, i controllori di volo a Houston non sapevano se l’accensione del motore critico fosse andata bene fino a quando la capsula non è emersa da dietro la Luna, a più di 370.000 km dalla Terra.

Le telecamere della capsula hanno restituito un’immagine del mondo: una minuscola sfera blu circondata dall’oscurità.

“Il nostro punto azzurro pallido e i suoi 8 miliardi di abitanti umani stanno ora venendo alla luce”, ha detto il commentatore di Mission Control Sandra Jones.

La capsula ha accelerato ben oltre gli 8.000 km/h quando ha riguadagnato il contatto , ha detto la NASA. Meno di un’ora dopo, Orion si librò sopra la Tranquility Base, dove atterrarono Neil Armstrong e Buzz Aldrin il 20 luglio 1969.

“Questo è uno di quei giorni a cui hai pensato e di cui hai parlato per molto, molto tempo”, ha detto il direttore di volo Zeb Scoville.

La mattina presto, la Luna si profilava sempre più grande nel , mentre la capsula chiudeva le ultime migliaia di chilometri da quando decollando dal Kennedy Space Center della in cima al razzo più potente mai costruito dalla NASA.

Orion aveva bisogno di lanciarsi intorno alla Luna per acquisire una sufficiente per entrare nell’orbita lunare ampia e sbilenca. I controllori di volo hanno valutato i che tornavano indietro, per determinare se l’accensione del motore è andata previsto. Un altro lancio metterà la capsula in quell’orbita allungata venerdì.

Il prossimo fine settimana, Orion infrangerà il record di distanza della NASA per un spaziale progettato per gli astronauti – quasi 400.000 km dalla Terra, stabilito dall’Apollo 13 nel 1970. E continuerà ad andare avanti, raggiungendo una distanza massima dalla Terra lunedì prossimo a quasi 433.000 km.

La capsula trascorrerà quasi una settimana in orbita lunare, prima di tornare a . Un ammaraggio nel Pacifico è previsto per l’11 dicembre.

Orion non ha un lander lunare; un touchdown non arriverà fino a quando gli astronauti della NASA non tenteranno un atterraggio lunare nel 2025 con l’astronave di . Prima di allora, gli astronauti si legheranno a Orion per un giro intorno alla Luna già nel 2024.

I dirigenti della NASA erano felicissimi dell’andamento della missione. Il razzo Space Launch System si è comportato molto bene al suo debutto, hanno detto ai giornalisti alla fine della scorsa settimana.

Il razzo da 98 metri ha causato più danni del previsto, tuttavia, alla rampa di lancio del Kennedy Space Center. La forza dei 4 milioni di kg di spinta al decollo è stata così grande che ha strappato le porte blindate dell’ascensore.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare