La bolletta energetica in Europa è alle stelle. Questo è ciò che i paesi stanno facendo per aiutarti a pagarli

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La bolletta energetica in Europa è alle stelle.  Questo è ciò che i paesi stanno facendo per aiutarti a pagarli

L’inflazione vertiginosa ha innescato una del costo della vita in tutta Europa e i governi stanno intervenendo per cercare di proteggere le famiglie e le imprese dall’aumento apparentemente senza fine dei prezzi dell’energia.

Per molte famiglie in questi giorni, sembra che gli stipendi stiano evaporando immediatamente mentre l’inflazione fa salire il costo di generi alimentari e carburante, i proprietari aumentano l’affitto e le bollette continuano a salire vertiginosamente.

L’inflazione nella zona ha continuato a oscillare vicino ai massimi storici 9,9 per cento a settembre, in aumento rispetto al 9,1 di agosto, alimentato dall’aumento dei prezzi dell’energia.

Non c’è segno di crisi energetica in miglioramento, come ha detto la a settembre che non avrebbe ripreso completamente il suo forniture di gas all’Europa fino a quando l’Occidente non revoca le imposte a Mosca per l’invasione dell’Ucraina.

Il primo ministro belga Alexander De Croo ha avvertito che l’Europa potrebbe affrontare fino a 10 inverni difficili a della situazione di stallo.

Gli Stati membri dell’Unione Europea sono in gran parte responsabili delle loro politiche energetiche nazionali e le norme dell’UE consentono loro di adottare misure di emergenza per proteggere i consumatori dall’aumento dei costi. Ecco uno sguardo a ciò che i governi di tutto il continente stanno facendo per aiutare.

UK

Mentre il Regno Unito esce da poche settimane caotiche durante le quali il governo appena formato di Liz Truss è crollato rapidamente, è probabile che presto verranno messe in atto nuove misure per affrontare la crescente crisi all’interno dell’economia britannica.

Ma per come stanno le cose, il regime di sostegno alle bollette energetiche del paese rimane in vigore: il paese offre £ 400 (€ 457) di sconto sulle bollette energetiche per le famiglie in sei rate tra ottobre e marzo del prossimo anno.

Negozi e pub beneficeranno di un aiuto finanziario sulle bollette energetiche oltre il periodo iniziale di sei mesi.

Un limite ai prezzi dell’elettricità introdotto da Truss e dal suo primo Cancelliere dello Scacchiere Kwasi Kwarteng è stato notevolmente ridotto dal sostituto di Kwarteng Jeremy Hunt. Laddove Truss aveva affermato che la famiglia media nel Regno Unito “non pagherà più di £ 2.500 (€ 2.857) all’anno per ciascuno dei prossimi due anni”, Hunt ha limitato questa garanzia del prezzo dell’energia solo fino all’aprile del prossimo anno.

Anche le famiglie che stanno già lottando per sbarcare il lunario e hanno già ricevuto benefici dal governo riceveranno una tantum pagamento “costo della vita”. di £ 650 (€ 743) in aggiunta allo sconto di £ 400 (€ 457) e i pensionati riceveranno un pagamento extra di £ 300 (€ 343) questo inverno.

Anche le persone con disabilità riceveranno a pagamento di £ 150 (171€) per coprire l’aumento del costo della vita.

Italia

L’Italia ha presentato a settembre un pacchetto di aiuti del valore di circa 14 miliardi di euro per proteggere le imprese e le famiglie dall’aumento dei costi energetici. Si aggiunge ai 52 miliardi di euro stanziati da gennaio per combattere la crisi del costo della vita.

Il governo ha anche delineato una dispensa di 150 euro per 22 milioni di lavoratori e pensionati con un reddito annuo inferiore a 20.000 euro.

L’Italia ha anche annunciato l’intenzione di tassare le società che traggono profitto dall’aumento dei prezzi dell’energia e sta promuovendo un tetto ai prezzi del gas a livello europeo per aiutare a contenere i picchi di prezzo.

Spagna

Come l’Italia, la Spagna ha deciso di tassare le società energetiche che traggono profitto dall’aumento dei prezzi dell’energia e di utilizzare i soldi raccolti per aiutare i propri cittadini a pagare le bollette.

Madrid ha già ridotto l’imposta sul valore aggiunto (IVA) sulle bollette energetiche dal 21% al 10%, riducendo anche una tassa esistente sull’elettricità dal 7% allo 0,5%.

Come il Portogallo, la Spagna applica attualmente un tetto massimo di un anno sui prezzi del gas, concordato dalla , che garantisce che rimangano inferiori a una media di 50 euro per megawattora.

Il Paese offre anche un pagamento una tantum di 200 euro per i cittadini che guadagnano meno di 14.000 euro l’anno e non percepiscono altri benefici.

La Francia offre anche un pagamento una tantum ai suoi cittadini per aiutarli ad affrontare tempi difficili, anche se a soli 100 euro questo è notevolmente inferiore rispetto al Regno Unito e all’Italia.

Ma la Francia ha intensificato il suo alla fonte, muovendosi per nazionalizzare completamente il fornitore di energia EDF e costringendola a limitare gli aumenti dei prezzi all’ingrosso dell’elettricità.

Il governo ora afferma che limiterà gli aumenti dei prezzi di elettricità e gas per le famiglie al 15% nel 2023. Di conseguenza, la bolletta energetica mensile media delle famiglie costerà 20-25 € in più, rispetto a 180-200 € in più senza un tale berretto.

Anche la tassa nazionale sul consumo finale di elettricità (TICFE) è stata ridotta da 22,50 euro per megawattora a solo 1 euro per megawattora per le famiglie e 0,50 euro per le imprese.

Danimarca

A giugno, i legislatori danesi hanno concordato un’erogazione in contanti agli anziani e altre misure per un totale di 3,1 miliardi di corone danesi (417 milioni di euro), compreso un taglio al prelievo sui prezzi dell’elettricità.

Il parlamento ha anche approvato un cosiddetto “assegno di riscaldamento” del valore di 2 miliardi di corone danesi (269 milioni di euro) che sarà versato a oltre 400.000 famiglie duramente colpite dall’aumento delle bollette energetiche.

Germania

La Germania, che ha lottato per frenare la sua forte dipendenza dal gas russo, pagherà la bolletta mensile del gas di dicembre per ogni famiglia e ogni piccola e media impresa del paese. Il pagamento una tantum fa parte di un piano in due fasi per attutire i cittadini tedeschi dall’aumento delle bollette energetiche.

La misura è stata approvata da un pool di esperti nominato dal governo che ha anche raccomandato un tetto ai prezzi del gas e del riscaldamento.

In base a questo piano, le famiglie e le piccole e medie imprese pagherebbero 0,12 euro per kilowattora per il primo 80 per cento della bolletta del gas per 14 mesi a partire da marzo 2023, mentre le grandi imprese pagherebbero 0,068 euro per kilowattora per il primo 70 per cento per 16 mesi a partire da gennaio 2023.

La Germania si era precedentemente impegnata ad abbassare l’imposta sul valore aggiunto sul gas naturale dal 19% al 7% fino alla fine di marzo 2024.

Il 21 ottobre il parlamento tedesco ha approvato un fondo di sgravio del prezzo del gas del valore di 200 miliardi di euro proposto dal cancelliere Olaf Scholz per aiutare i cittadini con l’aumento dei prezzi dell’energia. Consentirà alle famiglie di beneficiare di un tetto massimo dell’80% del loro consumo abituale, a partire da marzo.

Il governo tedesco ha anche offerto a tutti i contribuenti un prezzo forfettario dell’energia una tantum di 300 euro, a loro trasferito tramite la busta paga del datore di lavoro. Le famiglie che ricevono il mantenimento dei figli riceveranno un supplemento di € 100 per figlio, mentre le persone beneficiarie riceveranno un pagamento una tantum di € 200. Coloro che beneficiano dell’assistenza abitativa riceveranno una ricarica di € 270 per le persone che beneficiano dell’assistenza abitativa.

Il paese offre anche biglietti per i trasporti pubblici sovvenzionati.

Paesi Bassi

A partire dal 1° novembre, i prezzi dell’elettricità e del gas nei Paesi Bassi avranno un tetto massimo per tutte le famiglie del paese, tornando a quelli di gennaio 2022 al di sotto di una certa soglia di consumo.

Il governo olandese sta anche offrendo alle famiglie a basso reddito un’indennità una tantum per l’energia di 1.300 euro, mentre tutte le famiglie riceveranno uno sconto di 190 euro sulla bolletta energetica a novembre e dicembre.

L’IVA sull’energia è stata ridotta dal 21% al 9% e le accise su benzina e diesel del 21%.

Grecia

La Grecia ha stanziato circa 9 miliardi di euro in sussidi per l’elettricità e altre misure dallo scorso settembre per aiutare le famiglie, le imprese e gli agricoltori a pagare le bollette dell’elettricità e del gas.

Le sovvenzioni sono destinate ad assorbire circa il 90 per cento dell’aumento della bolletta elettrica mensile per famiglie e piccole e medie imprese.

Norvegia

Secondo uno schema introdotto dal governo nel 2021, i norvegesi pagano le bollette per intero solo quando i prezzi sono inferiori a 70 corone (7 euro) per kWh. Quando le bollette energetiche superano quella soglia, il governo copre il 90 per cento del totale. Il regime dovrebbe rimanere in vigore almeno fino a marzo 2023.

La Bulgaria a maggio ha approvato un pacchetto da 2 miliardi di lev (1 miliardo di euro) volto a proteggere le aziende e i consumatori a basso reddito dall’impennata dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari causata dal conflitto in Ucraina.

Da luglio, il governo offre anche uno sconto di 0,25 lev (0,13 euro) per litro di benzina, diesel, gas di petrolio liquefatto e metano fino alla fine dell’anno e demolisce le accise su gas naturale, elettricità e metano.

Finlandia

Il governo finlandese ha dichiarato a settembre che ridurrà l’IVA sull’elettricità al 10% dal 24% durante i mesi invernali, da dicembre ad aprile.

Prevede inoltre di offrire fino a 10 miliardi di euro di garanzie di liquidità al settore energetico per aiutare a prevenire una crisi finanziaria. “Il programma del governo è un’opzione di finanziamento di ultima istanza per le aziende che altrimenti sarebbero minacciate di insolvenza”, ha affermato il primo ministro Sanna Marin.

Ungheria

L’Ungheria ha fissato i prezzi al dettaglio del carburante a 480 fiorini (1,19 €) al litro dallo scorso novembre, ben al di sotto dei prezzi di attuali. La misura ha portato a un tale aumento della domanda che il governo è stato costretto a limitare l’ammissibilità al regime.

I forti aumenti dei prezzi di gas ed elettricità hanno anche costretto il governo a ridurre un limite di anni sulle bollette al dettaglio, fissando il limite ai livelli di consumo medi nazionali, con prezzi di mercato applicati al di sopra di quello.

L’Ungheria ha anche imposto un divieto all’esportazione di combustibili e ha recentemente allentato le norme sul disboscamento per soddisfare la crescente domanda di combustibili solidi come la legna da ardere.

Polonia

La Polonia ha annunciato tagli alle tasse su energia, benzina e generi alimentari di base, nonché elargizioni di denaro contante per le famiglie. Ha anche esteso i prezzi regolamentati del gas per famiglie e istituzioni come scuole e ospedali fino al 2027.

A luglio il governo ha concordato un pagamento una tantum di 3.000 zloty (633 euro) alle famiglie per aiutare a coprire l’aumento del costo del carbone. Il primo ministro Mateusz Morawiecki ha affermato che il costo totale della riduzione dei prezzi dell’energia in Polonia raggiungerà circa 50 miliardi di zloty (10,5 miliardi di euro).

Il governo polacco ha anche annunciato che congelerà i prezzi dell’elettricità e del gas per il prossimo anno al livello di quest’anno, con un limite di 2.000 kilowatt all’ora per la maggior parte delle famiglie del paese. Le famiglie con tre o più figli e le persone con disabilità avranno una soglia più alta.

C’è anche un incentivo per il risparmio energetico: le famiglie che ridurranno il consumo di elettricità del 10 per cento l’anno prossimo rispetto a quest’anno saranno premiate con una riduzione dei prezzi del 10 per cento.

Romania

Il governo di coalizione rumeno ha implementato uno schema che limita le bollette del gas e dell’elettricità per le famiglie e altri utenti fino a determinati livelli di consumo mensili e compensa i fornitori di energia per la differenza. Il regime dovrebbe essere in vigore fino a marzo 2023.

Il primo ministro Nicolae Ciuca ha stimato a febbraio che il regime di sostegno costerebbe circa 14,5 miliardi di lei (3 miliardi di euro), ma gli analisti ora si aspettano che superi i 10 miliardi di euro.

Svezia

La Svezia ha stanziato 6 miliardi di corone svedesi (559 milioni di euro) per risarcire le famiglie più colpite dall’aumento dei prezzi dell’elettricità.

Il 3 settembre il primo ministro Magdalena Andersson ha dichiarato che la Svezia offrirà diverse centinaia di miliardi di corone svedesi in garanzie di liquidità alle aziende energetiche per aiutare a evitare una crisi finanziaria dopo che Gazprom ha chiuso il gasdotto Nord Stream 1.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare