Kazakistan: vivi “quattro stagioni in quattro giorni” nel paese senza sbocco sul mare più grande del mondo

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Kazakistan: vivi "quattro stagioni in quattro giorni" nel paese senza sbocco sul mare più grande del mondo

Il Kazakistan potrebbe essere il paese senza sbocco sul mare più grande del mondo, ma all’interno dei suoi confini troverai laghi sereni, dune di sabbia che cantano e canyon battuti dal vento.

Con meraviglie naturali, città entusiasmanti e tanti , il paese dell’Asia centrale è determinato a diventare la prossima grande destinazione turistica**.

E con Elena Rybakina che ha vinto il campionato femminile di Wimbledon all’inizio di quest’anno, il paese sta iniziando a ricevere più attenzione da parte degli appassionati di sport, come spiega Talgat Amanbayev, presidente del turismo kazako.

“Il Kazakistan ha ospitato numerosi eventi internazionali. Abbiamo avuto i Giochi Asiatici Invernali nel 2011, e ci siamo quasi arrivati quest’anno, ma eravamo la seconda città. Speriamo di candidarci di nuovo”, dice.

Posso andare a sciare in Kazakistan?

Il paese ha anche ospitato le Universiadi invernali del 2017, giochi invernali per studenti universitari dai 17 ai 28 anni. Il Kazakistan è benedetto da molte montagne e dalla sua più grande stazione sciistica Shymbulak si trova nelle montagne Zailiyski Alatau, appena fuori Almaty, la città più grande del paese.

“Abbiamo 17 stazioni sciistiche. Tre di loro sono di altissimo livello”, continua Amanbayev.

“Abbiamo fatto una campagna nel 2019 in Italia, dicendo ‘puoi ottenere uno skipass al prezzo di tre tazze di caffè e non c’è fila.’ Mentre in Europa devi aspettare in lunghe file, aspetti 30 minuti solo per fare una salita.

Se lo sci non fa per te, il paese ospiterà anche i World Nomad Games nel 2024. La competizione è una vetrina per sport nomade in Asia centrale, con giochi tradizionali come la lotta a cavallo, la caccia con le aquile e il tiro con l’arco.

Dove posso vivere “quattro stagioni in quattro giorni”?

Oltre alle piste da sci, anche il Kazakistan un must per gli amanti della . Da aprile fino a metà settembre il paese offre ai turisti la possibilità di vivere quattro stagioni in quattro giorni, appena fuori Almaty.

“Almaty è un luogo unico, è la nostra antica capitale. È circondato da montagne, ci sono cinque parchi nazionali a 30 minuti di auto e c’è un dislivello elevato, ovvero 3.600 metri di dislivello”, spiega Amanbayev.

“E quello che fa questo nuovo prodotto è portarti in montagna dove ci sono -25 gradi Celsius, c’è ovunque, fa freddo, sei snowboard, sci, pattinaggio.”

Il secondo giorno, continua Amanbayev, verrai portato ai laghi dove vivrai la “primavera”. Ci sarà ancora un po’ di neve, ma anche anche prati e fiori di campo.

“E poi il terzo giorno verrai portato alle nostre dune cantanti. La duna che canta è un deserto, un parco nazionale vicino ad Almaty, e fa molto caldo, 36 gradi Celsius”, spiega.

Si dice che emettano il suono di un organo quando il tempo è secco, le dune cantanti sono anche un luogo ideale per praticare sport d’ come il parapendio e il rafting.

Per la quarta e ultima stagione autunnale, il tour ti porta giù nel Charyn canyonuno dei più grandi del mondo, dove le condizioni possono essere fangose ​​e piovose, ma i panorami e le formazioni rocciose sono spettacolari.

Turismo comunitario in Kazakistan

Se stai cercando qualcosa di diverso e vuoi conoscere la gente del posto, allora il turismo basato sulla comunità potrebbe fare al caso tuo.

“Questo è qualcosa di nuovo, qualcosa che è apparso durante COVID”, spiega Amanbayev.

“Immagina un posto in montagna, magari a un’ora di macchina da qui Almaty. C’è un , con una popolazione molto piccola, forse 2.000 persone che vivono lì. La maggior parte di loro lavora come o bracciante in città e poi torna in un villaggio”, continua.

“Ma c’è un bellissimo lago lì giusto? Durante COVID le persone hanno iniziato a visitare questo lago. E a causa dell’elevata domanda, c’era una carenza di hotel. Così la gente del posto ha iniziato ad affittare i propri appartamenti come spazi di co-living”.

Con l’aumentare della domanda di hotel, la popolazione locale del villaggio di Saty, che si trova sulla riva del lago Kolsai, ha iniziato a trasformare le proprie case in pensioni. In poco tempo, il villaggio ha istituito un gruppo Whatsapp della comunità e la gente del posto ha iniziato a lavorare insieme per organizzare esperienze, come l’equitazione, per i turisti in visita.

“E la cosa interessante è che hanno iniziato a preoccuparsi della , hanno iniziato a ripulire il territorio, a prendersi cura del lago, prendersi cura della naturatutto da soli.

“Perché questo è diventato il loro lavoro. La gente ha smesso di lavorare in città, ora tutti i giovani hanno iniziato a lavorare in paese perché questi sono buoni”.

Di conseguenza, un villaggio che aveva quattro hotel e quattro pensioni nel 2019, aveva 178 pensioni e 88 hotel nel 2021.

“È diventata una cosa calda”, dice Amanbayev.

“Va di pari passo con la storia della sostenibilità e coinvolge pochissimo . Sono solo persone che si assumono la responsabilità e guardano al turismo non come un hobby, ma come un modo di vivere”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare