Incontra gli iraniani che passano da una VPN all’altra per rimanere in contatto e sfondare la censura di Internet

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Proteste in Iran: l'uso delle VPN aumenta mentre i cittadini cercano di aggirare la censura di Internet

Sono passate sette settimane da quando la 22enne Mahsa Amini è morta in custodia dopo essere stata detenuta dalla iraniana per aver indossato il suo hijab “in modo improprio” – un evento che ha acceso proteste a livello nazionale che da allora si sono diffuse nel resto del mondo.

Per contenere i disordini e impedire che le informazioni filtrassero fuori dal Paese, l’ ha intensificato le sue già considerevoli restrizioni su , arrivando fino al blocco del traffico Internet internazionale e al divieto di WhatsApp e .

Per aggirare queste restrizioni e mantenere i canali aperti l’uno all’altro e al resto del mondo, gli iraniani si stanno rivolgendo in massa alle VPN o alle reti private virtuali.

I ricercatori del sito web Top10VPN hanno registrato un aumento del 3.000% della domanda di VPN durante la prima settimana delle proteste.

“Il modo in cui monitoriamo la domanda di VPN consiste nell’esaminare migliaia di diversi termini di correlati alla VPN su più motori di ricerca. E siamo in grado di monitorare, ora per ora, le fluttuazioni di tali ricerche”, ha spiegato a Euronews Next Simon Migliano, che gestisce e dirige la ricerca presso Top10VPN.

“Molte cose sono cambiate”

Euronews si è recata nella capitale iraniana Teheran per parlare con i giovani dell’impatto che queste restrizioni stanno avendo sulla loro quotidiana.

Darya Ermagan, una studentessa dell’Università di Teheran, ha affermato di aver utilizzato 10 VPN finora.

“Dopo aver utilizzato una VPN per un po’, questa viene bloccata e passiamo a un’altra. Abbiamo bisogno di programmi VPN anche per scaricare una VPN da Internet. Uso Telegram e un sistema proxy per comunicare con la mia famiglia”, ha detto.

Niloufer Niazmand ha affermato di utilizzare cinque programmi VPN, ma solo due funzionano.

“Non possiamo pagare i servizi VPN dai nostri account perché l’Iran è stato escluso dal sistema bancario. Dopo alcuni giorni, le VPN che utilizziamo si rompono e dobbiamo scaricarne una nuova. È molto difficile trovare una VPN funzionante”. lei disse.

Heydar Hosseini, che lavora come cameriere in un bar, ha affermato che gli eventi hanno influenzato la vita di tutti.

“Molte cose sono cambiate. La cosa più semplice è ovviamente Internet. Uso una VPN ogni giorno. In effetti, sto utilizzando 13 VPN in questo momento. Il telefono di tutti è così. Questo si è trasformato in un sistema. Anche è stato filtrato il mese scorso. La ricerca di qualcosa su Google è stata filtrata”, ha affermato.

“Ci sono molte VPN gratuite ma la maggior parte di esse non funziona. Devi provare e forse si collegherà. Ci sono VPN migliori ma devi pagare ma non funzionano neanche. Ho account a pagamento con due app VPN ma non hanno funzionato nell’ultimo mese.”

Come funzionano le VPN?

Le VPN sono essenzialmente un tipo di software che ti consente di nascondere il tuo indirizzo IP, il tuo identificatore univoco su Internet che indica ai siti Web da dove proviene la tua connessione.

La connessione a Internet con una VPN crea un tunnel crittografato tra te e un server remoto, sostituendo il tuo indirizzo IP nel processo.

Ciò significa che a un censore di Internet che cerca di bloccare il traffico da un determinato paese, la tua connessione sembrerà provenire da un’altra parte del mondo.

Allora perché allora gli iraniani sono obbligati a scaricare non solo una o due VPN per accedere a Internet, ma a volte fino a 10 diverse VPN?

L’Iran è un caso speciale a della natura altamente centralizzata di Internet nel paese. È notevolmente più facile per i censori governativi bloccare il traffico VPN perché l’Iran è meno dipendente dai provider di servizi Internet (ISP) stranieri.

Come l’Iran prende di mira le VPN

“Lo stato possiede o possiede in parte la maggior parte degli ISP e può costringerli a chiudere Internet”, ha affermato Migliano.

“Quello che abbiamo visto durante le proteste è che in vari modi i grandi ISP [in Iran] bloccato il traffico internazionale… pochissimo traffico Internet sfuggiva ai confini iraniani, stavano bloccando i gateway internazionali”, ha aggiunto.

Il governo ora prevede di criminalizzare la vendita di VPN, introducendo pene detentive per i trasgressori, e ha anche impiegato una serie di tattiche per prendere di mira esplicitamente l’uso e la funzionalità del software.

“Sta investendo in una di filtraggio costosa e potente in grado di identificare il traffico VPN e bloccarlo, anche se non è in grado di decrittografarlo. Hanno anche bloccato gli indirizzi IP e i domini gestiti dai provider VPN, il che ne rende difficile il funzionamento”, ha affermato Migliano.

Tuttavia, sebbene il governo iraniano si sia dimostrato particolarmente efficace nell’attuazione della sua su Internet, non può bloccare tutto il traffico VPN in ogni momento, ha aggiunto Migliano, a causa della natura intrinsecamente disordinata di Internet.

“Non c’è un solo kill switch di Internet in Iran. È un mosaico. E dove c’è un patchwork, ci sono piccole lacune”, ha spiegato.

“Quindi, se un servizio VPN cambia costantemente i domini che utilizza per l’autenticazione delle sue app, se crea costantemente nuovi server, le connessioni passeranno. Sarà irregolare. Sarà inaffidabile, sarà difficile. Ma funzioneranno ancora in una certa misura”.

Per ulteriori informazioni su questa storia, guarda il video nel lettore multimediale sopra.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare