Incenso: ho scoperto la storia dietro il tradizionale profumo natalizio durante un viaggio in Oman

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Incenso: ho scoperto la storia dietro il tradizionale profumo natalizio durante un viaggio in Oman

Menziona l’incenso ed è difficile non pensarci ’istante Natale.

Citata nella storia della nascita di Cristo nel libro biblico di Matteo, era uno dei doni preziosi (insieme all’oro e alla mirra) dati al bambino Gesù dai tre Magi.

Ma c’è di più in questo antico, aromatico albero resina rispetto alla sua associazione biblica. Questo diventa subito chiaro durante il mio primo viaggio nel Sultanato dell’Oman, l’epicentro dell’incenso.

Esplorando Salalah: la terra dell’incenso

Il profumo mistico e ricco dell’incenso (noto localmente come luban) è inevitabile in Oman. Ciò è particolarmente vero nella città di Salalah, nel governatorato più meridionale del Dhofar, dove gli alberi di incenso crescono spontaneamente.

Prima ancora di atterrare nella città di mare baciata dal , sento il mio primo odore. Una nota di incenso può essere rilevata nella lozione per le mani su Oman Air, dove amenità i kit provengono dalla profumeria più famosa dell’Oman, il marchio storico dell’Oman di fascia alta Amouage, che utilizza l’incenso in circa il 60% dei suoi prodotti. Da quel momento in poi, il profumo dell’incenso non è mai lontano da me.

Mentre navigo attraverso l’ultramoderno ed elegante aeroporto di Salalah, l’idrosol di incenso si diffonde dai diffusori di livello industriale per profumare e pulire l’aria.

Quando il mio taxi si ferma sotto l’elegante arabo archi del mio hotel, Al Baleed Resort Salalah di Anantara, scorgo un trio di alberi di incenso ornamentali in scintillanti vasi d’oro. La struttura si trova in riva al mare, a breve distanza dal Museo del Frankincense Land.

La mia stanza è come un’ambientazione magica di una storia di Scheherazade con alberi di frangipani, lanterne di bronzo e tradizionali majlis posti a sedere. L’aria è fragrante con le tracce deboli e leggermente dolci del fumo di incenso della resina bruciata di recente.

E al luccichio termalecon il suo sontuoso hammam in marmo, l’olio essenziale di incenso viene lavorato nei muscoli doloranti e gli elisir infusi di incenso vengono offerti al posto della tisana.

Anche dopo poche ore a Salalah, è subito evidente perché questa è conosciuta come la terra dell’incenso.

Khor Rori e Wadi Dawkah: siti del patrimonio mondiale dell’ che necessitano di protezione

Chiamata anche la capitale del profumo dell’Arabia, Salalah ospita le specie di alberi di incenso più apprezzate al mondo, la Boswellia sacra, da cui la linfa viene estratta ed essiccata per diventare piccoli cristalli di resina di incenso – una volta valeva più dell’oro. La resina viene bruciata come incenso o distillata il petrolio per vari usi. Sebbene sia originaria anche dello Yemen e della Somalia, questa specie superiore si trova più comunemente in Oman e ha svolto un ruolo importante nello stabilire la regione come un prospero centro commerciale nel antica mondo.

Hussain Balhaf, la guida turistica interna all’Al Baleed Resort, mi a il UNESCO sito storico di Khor Rori (Sumhuram), una città portuale fortificata un tempo utilizzata per il commercio dell’incenso, risalente al III secolo a.C.

“In occasione scavosono stati trovati bruciatori di incenso con ancora dell’incenso sopra”, dice Hussain mentre camminiamo rapidamente attraverso le rovine fatiscenti color biscotto per evitare il caldo.

Più tardi, quando visitiamo il Museo dell’incenso, Hussain indica molti di questi bruciatori, che sono stati scavati nelle case di Sumhuram, così come nelle aree religiose, cosa che si verifica ancora oggi. L’incenso è ancora bruciato moscheechiese e templi in tutto il mondo, il suo fumo simbolico di santificazione e purificazione.

Successivamente, Hussain mi porta a Wadi Dawkah, un altro sito sanzionato dall’UNESCO di pietroso, semi-desertoche è un habitat naturale per gli alberi di incenso.

“Settant’anni fa, questo wadi [valley] sarebbe stato pieno di alberi di incenso”, dice Hussain, citando cambiamento climatico e il sovraraccolto come cause del declino. Mi mostra come nei mesi del raccolto la corteccia viene incisa in modo da far emergere una linfa. Questa linfa viene quindi raschiata via così si forma una seconda linfa, che in seguito si asciuga e si cristallizza.

Nei conteggi precedenti, c’erano solo 1.200 antichi alberi perenni a Wadi Dawkah. Per aumentare i numeri e proteggere il patrimonio dell’Oman, il ha piantato una fattoria di incenso e ha sviluppato un centro visitatori sul sito, gestito in collaborazione con Amouage. In qualità di custode degli alberi, il marchio garantisce la raccolta sostenibile e regolamentato.

Conoscere la raccolta dell’incenso con una guida locale

La raccolta dell’incenso è un processo che richiede tempo che viene fatto a mano e non può essere affrettato. Anche dopo il raccolto, il lavoro non è ancora finito. Per saperne di più su come l’incenso viene lavorato e venduto, mi rivolgo all’aiuto di Adnan Safrar, un esperto guida locale da ToursByLocals, per portarmi a un seminario.

“Siamo molto fortunati a poterci visitare”, dice Adnan, mentre imbocchiamo una strada tranquilla nella zona industriale di Salalah. “La maggior parte dei workshop è molto protettiva nei confronti del processo.”

Nonostante questo avvertimento, Amer Mohammed Alameri, direttore generale di Luban Dhofar, un’azienda di distillazione di incenso con sede a Salalah, non potrebbe essere più accogliente. Mi fa entrare nel suo laboratorio, indicando i serbatoi di inossidabile, i tini di acqua purificata ghiacciata e i prodotti finiti: sapone, polvere, idrolato e olio essenziale per cosmeticifragranze e rimedi naturali.

La famiglia di Amer lavora con l’incenso da generazioni ed è generoso con il suo tempo e i suoi tesori.

“La nostra politica è far conoscere al mondo tutti i benefici dell’incenso. Lo sappiamo da migliaia di anni. Ora sono in corso ricerche per dimostrarlo”, dice Amer, mostrandomi gli studi condotti dalle università dell’Oman sugli effetti promettenti dell’incenso sulle infezioni e malattie.

A cosa serve l’incenso in Oman?

Mentre il medico i benefici dell’incenso sono ancora in fase di studio e condivisione in tutto il mondo, nella società dell’Oman il prodotto rimane una risorsa preziosa – utilizzata per purificare, profumare e aromatizzare.

Di ritorno nei rilassanti e tentacolari terreni dell’Al Baleed Resort, mi siedo sotto gli ombrelloni delle palme con Dina Macki, un’omanita cuoco nato e cresciuto nel .

“Abbiamo sempre detto che l’incenso è un elisir di lunga ”, dice. “In realtà è solo una cosa davvero buona da avere per scopi medicinali. Mettiamo la resina commestibile nell’acqua e, quando ho iniziato a berla, ho notato che la mia digestione era migliore e il mio pelle chiarito… È anche molto comune bruciare incenso e stare in piedi [the smoke] in abiti per lasciare che l’incenso salga attraverso di noi per scopi purificatori e per l’odore”, continua Dina.

Delle quattro varietà, viene utilizzato l’incenso hojari di alta qualità cucinando. Dina è a Salalah per cucinare al Food Festival dell’Al Baleed Resort, una settimana di stravaganza culinaria al suo secondo anno. Ogni sera, un nuovo chef di un paese diverso delizia gli ospiti con piatti che rispecchiano i ristoranti della loro città (la maggior parte dei quali lo sono Michelin-ha recitato).

Per la sua serata, Dina prepara specialità dell’Oman presso il ristorante Sakalan a bordo piscina dell’hotel, tra cui un sormontato da perle di incenso commestibili. “Personalmente amo [the taste of] incenso; funziona davvero bene con i dolci, come quando lo metti in infusione nella crème brûlée e nella panna cotta”, dice Dina.

Il fumo può essere utilizzato anche per insaporire carne e pesce, mentre latte aromatizzato con incenso può essere trovato nei negozi di alimentari dell’Oman. Per una nuova svolta sull’antico prodotto, puoi persino trovare il gelato all’incenso. Ti consiglio di goderti la gelida sorpresa su una delle innumerevoli cartoline perfette dell’Oman spiagge – perché l’incenso non è l’unica meraviglia naturale spettacolare in questa parte del mondo.

Nicole Trilivas è stata ospite di Al Baleed Resort Salalah di Anantara e Experience Oman con il supporto di Oman Air e ToursByLocals.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare