In che modo gli aeroporti e le compagnie aeree europee sperano di evitare il ripetersi del caos dei viaggi di quest’estate?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
In che modo gli aeroporti e le compagnie aeree europee sperano di evitare il ripetersi del caos dei viaggi di quest'estate?

Le compagnie aeree e gli aeroporti europei, sconvolti dai ritardi che hanno causato disagi diffusi a causa del ruggito della domanda dopo il COVID-19, stanno contando il costo degli sforzi per evitare che si ripetano la prossima estate.

I leader del settore, riuniti presso la sede dell’agenzia di controllo del traffico aereo Eurocontrol, mercoledì hanno discusso su chi fosse la colpa del caos che ha sconvolto passeggeri e politici.

“Ci siamo trovati più nelle notizie di quanto avremmo voluto durante l’estate”, ha detto Olivier Jankovec, direttore generale dell’associazione aeroportuale ACI Europe, a una conferenza di Eurocontrol.

La carenza di manodopera o parti e gli hanno portato alla cancellazione di centinaia di voli, provocandone alcuni aeroporti presentare limiti di capacità ed esporre sottili margini di errore.

“In qualche modo siamo sopravvissuti ’estate, ma non è stata eccezionale e non dovrebbe succedere di nuovo. Dobbiamo mettere le risorse appropriate nel sistema per affrontare le sfide”, ha affermato l’ di Wizz Air Jozsef Varadi.

Per il vettore di bilancio, ciò potrebbe significare reclutare insolitamente più persone del necessario per il momento.

“Stiamo riprogettando il modello operativo per assicurarci di creare… più flessibilità nel sistema, quindi perderemo un po’ di efficienza”, ha affermato Varadi.

“Non sto ottimizzando per oggi, ma ottimizzando per le richieste per assicurarci di rimanere il più a basso costo possibile”.

Anche gli aeroporti stanno aumentando sempre di più le retribuzioni o distribuendo bonus di assunzione per assumere lavoratori licenziati durante la pandemia. Molti hanno disertato per della nuova come il ride sharing.

I funzionari non hanno fornito una stima del costo complessivo per rendere la rete più a prova di ritardo, ma gli aeroporti hanno affermato che stavano affrontando una di finanziamenti di 7 miliardi di .

Le compagnie aeree stanno lottando con il reclutamento di personale

“Non siamo più attraenti e questo è uno dei problemi che devono affrontare gli aeroporti”, ha affermato Arnaud Feist, amministratore delegato dell’aeroporto di Bruxelles. L’automazione aumenterà, ha aggiunto.

Coloro che sono rimasti sono stati esposti a “livelli di violenza senza precedenti” quando gli animi sono aumentati durante l’estate, ha affermato Livia Spera, segretaria generale della Federazione europea dei lavoratori dei trasporti.

È improbabile che la spinta generale del settore aereo a contenere i costi passi in secondo piano a lungo.

“Penso che sia temporaneo. Non credo che si tratti di un cambiamento strutturale”, ha affermato in un’intervista il capo dell’Associazione internazionale del trasporto aereo, Willie Walsh.

Le compagnie aeree affermano di essere schiacciate tra le normative che le richiedono risarcire i consumatori per i ritardi, sostenendo l’intero costo dell’interruzione da un lungo elenco di fornitori, dai produttori agli aeroporti, ai controllori di o agli assistenti di terra.

Si lamentano anche di non aver ottenuto il sostegno statale disponibile per i vettori tradizionali e puntano il dito contro le compagnie aeree.

“Alcune compagnie aeree nascondevano i propri problemi di personale dietro gli aeroporti e ciò non è stato utile”, ha detto Jankovec a Reuters.

Orari aeroportuali, scioperi e tempi di attesa

Walsh, che si scontrava regolarmente con Heathrow mentre gestiva la , ha tirato fuori i dati ufficiali dell’aeroporto che mostravano tempi di attesa per la sicurezza ben al di sopra dell’obiettivo all’hub di Londra.

“Se i clienti non arrivano in tempo, si rischiano partenze ritardate, ritardato Arrivi. Quindi tutto viene eliminato”, ha detto a Reuters.

Heathrow ha affermato che ricostruire la capacità rapidamente dopo la pandemia è “difficile”, ma che l’intera catena di approvvigionamento dell’aviazione è interessata.

Ora, le compagnie aeree e gli aeroporti sono ancora una volta in disaccordo sulle regole per l’utilizzo degli slot aeroportuali nel prossimo inverno. Alle tensioni si aggiungono una serie di scioperi dei controllori di volo.

Eurocontrol, un’agenzia di coordinamento di 41 nazioni, ha chiesto misure per attenuare l’impatto scioperi come una brusca azione di un giorno che ha chiuso gran parte dello spazio aereo francese il mese scorso.

“I lavoratori hanno il diritto di sciopero e questo dovrebbe essere protetto, ma i sorvoli dovrebbero essere facilitati”, ha detto a Reuters il direttore generale Eamonn Brennan.

I controllori affermano che sarebbe difficile raggiungere dei limiti in una parte dell’Europa senza violare i diritti dei controllori altrove.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare