Il virus dell’herpes geneticamente modificato può uccidere le cellule tumorali, suggeriscono i primi risultati degli studi

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Il virus dell'herpes geneticamente modificato può uccidere le cellule tumorali, suggeriscono i primi risultati degli studi

Una versione geneticamente modificata del dell’herpes ha prodotto potenti risultati contro i avanzati, secondo i primi risultati dei test clinici.

I ricercatori hanno scoperto che RP2, una nuova versione del virus dell’herpes simplex, ha mostrato segni di efficacia in un quarto dei pazienti con una serie di tumori avanzati.

I pazienti dello studio avevano tumori tra cui cancro della pelle, dell’esofago e della testa e del collo e avevano esaurito altre opzioni di trattamento, inclusa l’immunoterapia con inibitori del checkpoint.

“Il nostro studio che un virus che uccide il cancro geneticamente modificato può sferrare un doppio pugno contro i tumori, distruggendo direttamente le cellule tumorali dall’interno e chiamando anche il sistema immunitario contro di loro”, il leader dello studio Kevin Harrington, professore di terapie biologiche contro il cancro presso l’Istituto di , ha affermato in una nota.

Ha sottolineato che è raro vedere tassi di risposta così buoni negli studi clinici in fase iniziale, il cui obiettivo principale è testare la sicurezza di un trattamento, specialmente quando coinvolgono pazienti con tumori molto avanzati per i quali i trattamenti attuali hanno smesso di funzionare.

“I nostri risultati iniziali della sperimentazione suggeriscono che una forma geneticamente modificata del virus dell’herpes potrebbe potenzialmente diventare una nuova opzione di trattamento per alcuni pazienti con tumori avanzati, compresi quelli che non hanno risposto ad altre forme di immunoterapia”, ha affermato Harrington.

“Sono ansioso di vedere se continueremo a vedere benefici mentre trattiamo un numero crescente di pazienti”.

I primi risultati sono stati presentati al Congresso della Società europea di oncologia medica (ESMO) del 2022.

Come funziona?

Il virus dell’herpes geneticamente modificato è progettato per avere una doppia azione contro i tumori in cui viene iniettato direttamente.

Non solo si moltiplica ’interno delle cellule tumorali per farle esplodere dall’interno, ma blocca anche una specifica proteina, nota come CTLA-4, per dare il via al sistema immunitario e farlo uccidere in modo più efficace le cellule tumorali.

Il team di Harrington presso l’Institute of Cancer Research e il Royal Marsden NHS Foundation Trust ha valutato il virus che uccide il cancro da solo in nove pazienti e in combinazione con l’immunoterapia nivolumab in 30 pazienti iniziali.

Lo studio di Fase I in corso, sponsorizzato dal produttore del farmaco Replimune, mira a testare la sicurezza e il dosaggio di RP2, nonché la sua capacità di ridurre i tumori.

Senza cancro per due anni

Tre su nove pazienti trattati con RP2 da solo hanno beneficiato del trattamento e hanno visto i loro tumori ridursi.

Uno di loro ha visto il suo tumore scomparire completamente e rimane libero dal cancro.

A Krzysztof Wojkowski, un costruttore di 39 anni di West , è stato diagnosticato un tipo di cancro alle ghiandole salivari nel 2017.

Dopo diversi interventi chirurgici, gli è stato detto che non c’erano più opzioni di trattamento, prima che gli fosse data l’opportunità di partecipare alla sperimentazione RP2 nel 2020.

“Era la mia ultima ancora di salvezza. Ho fatto iniezioni ogni due settimane per cinque settimane che hanno completamente sradicato cancro”, ha detto.

È libero dal cancro da due anni.

“E’ un vero miracolo, non c’è altra parola per descriverlo. Ho potuto lavorare di nuovo come muratore e trascorrere del tempo con la mia ; non c’è niente che non possa fare”.

Anche sette pazienti su 30 che hanno ricevuto sia RP2 che l’immunoterapia nivolumab hanno beneficiato del trattamento.

In questo gruppo, quattro pazienti su nove con cancro della pelle del melanoma, due pazienti su otto con il melanoma uveale del cancro dell’occhio e uno su tre pazienti con cancro della testa e del collo hanno visto la crescita del loro cancro arrestarsi o ridursi.

Dei sette pazienti che hanno ricevuto la combinazione che hanno visto un beneficio, sei sono rimasti liberi da progressione a 14 mesi.

Impatto positivo per lievi effetti collaterali

I ricercatori hanno esaminato le biopsie dei pazienti prima e dopo le iniezioni del virus RP2 e hanno riscontrato cambiamenti positivi nell’area immediatamente circostante il tumore.

Le iniezioni hanno portato a più cellule immunitarie nell’area e hanno “acceso” geni collegati alla risposta immunitaria che reprime le cellule tumorali, hanno spiegato gli autori.

I ricercatori hanno scoperto che la maggior parte degli effetti collaterali di RP2 erano lievi, i più comuni erano febbre, brividi e affaticamento.

Il team spera ora di continuare a esplorare il potenziale di questa strategia in un numero maggiore di pazienti.

“I virus sono uno dei nemici più antichi dell’umanità, come tutti abbiamo visto durante la pandemia. Ma la nostra nuova ricerca suggerisce che possiamo sfruttare alcune delle caratteristiche che li rendono sfidanti agli avversari per infettare e uccidere le cellule tumorali”, ha affermato il professor Kristian Helin, dell’Istituto di ricerca sul cancro, .

“Si tratta di un piccolo studio, ma i risultati iniziali sono promettenti. Spero vivamente che man mano che questa ricerca si espande, vediamo che i pazienti continuano a trarne beneficio”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare