Il mondo sta peggiorando? 3 modi in cui il nostro equilibrio tra lavoro e vita privata e l’istruzione sono migliorati: nei dati

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Il mondo sta peggiorando?  3 modi in cui il nostro equilibrio tra lavoro e vita privata e l'istruzione sono migliorati: nei dati

La maggior parte delle persone nel mondo odia il proprio lavoro, in particolare il proprio capo, secondo un sondaggio globale del 2019 condotto da Gallup, la società di analisi e consulenza statunitense.

La statistica è sbalorditiva, ma se potessi mettere le cose in prospettiva, ti sentiresti molto meglio.

Se guardi ai fatti concreti, l’equilibrio tra lavoro e vita privata è molto migliore di prima.

Nel 2017, uno psicologo e autore di best seller americano di nome Steven Pinker ha tenuto un discorso TED discutendo di come il mondo stesse migliorando in aree che vanno dall’omicidio alla e sfidando gli “intellettuali che detestano il progresso”.

Il team di Euronews Next, tra i quattro milioni di persone che hanno visto quel TED Talk, è rimasto colpito dai dati sui progressi citati da Pinker, quindi abbiamo deciso di vedere se ciò che ha detto suonava ancora vero nel 2022, esaminando uno dei principali indicatori di benessere essere – salute.

A seguito del grande interesse dei nostri lettori per l’articolo che abbiamo pubblicato su come gli indicatori di benessere mostrano progressi schiaccianti, abbiamo deciso di dare un’altra occhiata alle cifre; questa volta abbiamo approfondito i dati hard del mondo del lavoro, un altro fattore chiave per la nostra felicità.

Esamineremo i dati di Our World in Data, una pubblicazione scientifica online rispettata e trasparente con sede presso l’Università di Oxford che si concentra sulla quantificazione e sull’analisi dei dati sui problemi globali.

I tassi di alfabetizzazione sono notevolmente migliorati

In , trascorriamo il 30% della nostra vita al lavoro, secondo i dati di Sodexo, una società di gestione francese. Sono circa 90.000 ore di lavoro in una vita.

È scoraggiante? Non dovrebbe essere: i lavoratori hanno molta influenza nel 2022 e le cose vanno molto meglio di prima.

Negli ultimi due secoli, i grandi progressi nell’accesso ’istruzione hanno conferito alle persone di tutto il mondo un potere molto speciale: l’alfabetizzazione.

L’UNESCO, l’agenzia culturale delle Nazioni Unite, definisce l’alfabetizzazione come “la capacità di leggere e scrivere una breve e semplice dichiarazione sulla propria vita”.

L’alfabetizzazione è oggi l’abilità più essenziale per trovare un lavoro, nonché una delle misure chiave dell’istruzione di una popolazione.

E anche se può sembrare abbastanza elementare, fino al Medioevo, saper leggere e scrivere era tutt’altro che elementare, e piuttosto un grande privilegio riservato a una piccolissima minoranza che deteneva il potere.

Secondo le Nazioni Unite, ciò che ha cambiato il corso della del saper leggere e scrivere, trasformandolo in un potere comune tra il popolo, è stato l’avvento dei .

Man mano che i libri di testo venivano prodotti in serie sempre più, la capacità di leggere e scrivere divenne gradualmente un’abilità fondamentale nel mondo occidentale.

Ciò è evidenziato quando osserviamo i dati che mostrano come i livelli di alfabetizzazione globale siano notevolmente migliorati negli ultimi due secoli, tanto, infatti, che le cifre sono state invertite: mentre solo il 12% delle persone nel mondo sapeva leggere e scrivere nel 1820, oggi solo il 14 per cento non può.

Naturalmente, nonostante il fatto che oggi la maggior parte del mondo sia alfabetizzata, ci sono ancora molte sfide da affrontare, soprattutto per i paesi più poveri del mondo, dove ancora ampie fasce della popolazione sono analfabeti.

In Niger, ad esempio, solo il 36,5% delle persone tra i 15 ei 24 anni è alfabetizzato.

Tuttavia, queste cifre stanno salendo anche in paesi come il Niger. Il tasso di alfabetizzazione globale è più che raddoppiato dal 1960, raggiungendo l’86% nel 2015, secondo i dati della Banca Mondiale e dell’OCSE.

Nel 1870 solo una persona su quattro nel mondo frequentava la scuola e solo una su cinque sapeva leggere. Oggi i dati mostrano che i tassi globali di alfabetizzazione e scolarizzazione superano l’80% e le disparità geografiche, sebbene ancora presenti, sono state notevolmente ridotte.

Gli europei furono i pionieri dell’espansione dell’istruzione di base. Ma i tassi di alfabetizzazione globale hanno iniziato a migliorare davvero solo nella seconda metà del 20° secolo, quando il diritto all’istruzione è diventato una priorità globale, spiega Adam Szirmai, autore del libro “The Dynamics of Socio-Economic Development”.

Molte nazioni del mondo hanno guadagnato tra 40 e 50 punti percentuali di alfabetizzazione durante questo periodo, secondo Our World in Data.

I tassi di alfabetizzazione in America Latina, ad esempio, una delle regioni più diseguali del pianeta, sono aumentati notevolmente nell’ultimo secolo. Allo stesso modo, il Nord Africa e il Medio Oriente hanno migliorato drasticamente l’alfabetizzazione in una sola generazione.

Vale anche la pena notare una tendenza che potrebbe inizialmente sembrare negativa per alcuni, ma che in realtà suggerisce molti progressi.

Nei paesi a basso reddito, c’è una notevole differenza nei tassi di alfabetizzazione tra le generazioni. I giovani hanno un tasso di alfabetizzazione più elevato rispetto agli anziani, il che deduce una tendenza positiva: nel corso degli anni, il tasso di alfabetizzazione della popolazione generale continuerà ad aumentare.

Nella maggior parte dei paesi del mondo, anche in quelli più poveri, l’istruzione di base è oggi considerata un diritto, ma anche un dovere: i governi garantiscono l’accesso all’istruzione pubblica di base, mentre per gli individui è obbligatorio frequentare la scuola fino al raggiungimento del livello di base di istruzione.

È giusto, si potrebbe dire. ma questo non era sempre il caso.

Internet ha anche svolto un ruolo importante nell’educazione globale

Il grafico seguente la percentuale di persone che utilizzano Internet.

Sebbene i tassi di utilizzo di Internet siano molto più bassi nei paesi in via di sviluppo, sono in aumento.

Internet è stata probabilmente una delle tecnologie più trasformative e in più rapida crescita del nostro tempo, afferma Max Roser, ricercatore dell’Università di Oxford e fondatore ed editore di Our World in Data.

E sì, è vero che gran parte del mondo non è ancora connesso, ma Roser afferma che “la storia di Internet è appena iniziata” e, al ritmo attuale, molti la sperimenteranno presto per la prima volta.

Ecco anche un grafico sull’evoluzione degli abbonamenti cellulari, che vale la pena guardare visto come i telefoni hanno rappresentato una svolta per il boom di Internet.

Potrebbe non sembrare così, ma stiamo lavorando di meno

Grazie ai dati, possiamo anche conoscere un altro grande cambiamento positivo nel modo in cui lavoriamo.

Lo stress è ormai diventato una parola d’ordine enorme. Lo sentiamo, lo temiamo, lo usiamo per mostrare che siamo occupati e oberati di lavoro, ma siamo davvero oberati di lavoro?

La risposta è no, almeno non se guardiamo al numero di ore di lavoro e al confronto con quanto hanno lavorato le generazioni precedenti.

In molti paesi in tutto il mondo, le persone lavorano molto meno oggi rispetto a 150 anni fa e i dati mostrano che oggi abbiamo molto più tempo per dedicarci ad attività extra-lavorative, come il tempo libero, l’apprendimento di nuove competenze (per cambiare lavoro forse) , o forse anche gestire un’attività secondaria.

L’orario di lavoro è notevolmente diminuito, soprattutto per i lavoratori nei paesi che avevano economie industrializzate, come , , Regno Unito e .

Nel 1870, i lavoratori nella maggior parte di questi paesi lavoravano più di 3.000 ore all’anno, equivalenti a 60-70 ore settimanali per 50 settimane all’anno, secondo Our World in Data.

Avanti veloce fino ad oggi, questi orari di lavoro estremi sono stati all’incirca dimezzati.

In Germania, ad esempio, l’orario di lavoro annuale è diminuito di quasi il 60%, da 3.284 ore nel 1870 a 1.354 ore nel 2017, e nel Regno Unito il calo è stato di circa il 40%.

Anche nei paesi in cui l’orario di lavoro settimanale non è diminuito in modo sostanziale, l’economista Dora Costa – in un documento che analizza i dati storici statunitensi – spiega che sono continuati altri benefici che prima non esistevano, come ferie, giorni di malattia, congedi personali o pensionamento anticipato per ridurre il nostro tempo al lavoro.

Charlie Giattino ed Esteban Ortiz-Ospina, redattori della sezione sull’evoluzione del lavoro in Our World in Data, spiegano che misurare con precisione l’evoluzione dell’orario di lavoro è difficile perché le indagini e le registrazioni storiche hanno dei limiti, “ma per ogni dato Paese, il i cambiamenti nel tempo sono molto più grandi dei margini di errore in qualsiasi momento: il lavoratore medio in un paese ricco oggi lavora davvero molte meno ore rispetto al lavoratore medio di 150 anni fa”.

Ci sono anche più donne nel mondo del lavoro

Sebbene le disuguaglianze economiche tra uomini e donne rimangano comuni e significative, oggi sono molto più ridotte di quanto non fossero solo pochi decenni fa.

Tieni presente che molte donne hanno ottenuto il diritto di voto solo nella seconda metà del 20° secolo. In Svizzera, ad esempio, è stato solo nel 1971, quando gli elettori (maschi) hanno approvato il diritto delle donne svizzere di votare e candidarsi alle elezioni.

L’aumento della partecipazione femminile nella società e soprattutto nella è stato uno degli sviluppi economici più notevoli del XX secolo.

Nella maggior parte dei paesi, a tutti i livelli di reddito, la partecipazione delle donne al mercato del lavoro è più elevata oggi rispetto a diversi decenni fa.

Un altro fatto interessante: secondo Our World in Data, la maggior parte della crescita della partecipazione delle donne ai mercati del lavoro nell’ultimo secolo è specificamente riconducibile a un aumento della partecipazione delle donne sposate.

In altre parole, molte donne sposate sono passate dall’essere “solo” mogli e madri a essere, oltre a tutto il resto, quelle colleghe che la spaccano sul posto di lavoro.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews ( Il mondo sta peggiorando? 3 modi in cui il nostro equilibrio tra lavoro e vita privata e l’istruzione sono migliorati: nei dati
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare