I turisti energetici stanno volando verso sud per l’inverno piuttosto che riscaldare le loro case

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
I turisti energetici stanno volando verso sud per l'inverno piuttosto che riscaldare le loro case

Una società britannica sta incoraggiando i viaggiatori a prenotare una vacanza invernale per evitare bollette energetiche elevate.

TravelTime World ha lanciato venerdì scorso una campagna di marketing chiamata “The Heat Is On” che evidenzia il basso costo giornaliero delle vacanze di lunga durata.

Ashley Quint, una designer per le vacanze presso l’, ha affermato che l’idea è nata dopo aver riferito che il limite del prezzo dell’energia nel Regno Unito potrebbe arrivare a £ 7.000 (€ 8.120) ’anno entro aprile 2023.

Qual è il costo giornaliero per trascorrere questo inverno all’estero?

Da ottobre è stato confermato un aumento dell’80% del tetto massimo del prezzo dell’energia che potrebbe portare la bolletta media del e dell’elettricità delle famiglie britanniche fino a £ 3.549 (€ 4.116) all’anno. Il prossimo aumento tra gennaio e marzo potrebbe farlo salire alle stelle fino a £ 5.000 (€ 5.799).

I meteorologi ora stanno prevedendo che possa salire fino a £ 7.700 (€ 8931) entro aprile.

“£ 7.000 risultano essere circa £ 20 (€ 23) al giorno di energia – e dalla nostra esperienza, proprio in questo momento il contatore intelligente del mio collega a casa costa £ 10 (€ 12) al giorno, e questo è senza il riscaldamento acceso”, dice Quint a Euronews Travel.

Per fare un confronto, le destinazioni non di punta come Malta, la Spagna meridionale e il Portogallo, dice, hanno un ottimo rapporto qualità-prezzo a gennaio e febbraio. Anche il tempo è ancora piacevole e caldo.

“Dopo aver svolto la nelle ultime due settimane, è molto possibile ottenere un hotel e un appartamento (compresi voli e trasferimenti) per circa £ 20-25 (€ 23-29) a notte, in base a un soggiorno di quattro settimane”.

È probabile che destinazioni più calde come le Isole Canarie siano più costose. Nonostante abbiano costi giornalieri ancora più economici, i voli verso luoghi più lontani possono anche far aumentare il prezzo complessivo, ma ci sono ancora modi per farlo funzionare.

“Andando a lungo raggio, i voli sono più costosi, ma l’alloggio e il è più economico, quindi è necessaria una durata ragionevolmente lunga per renderlo simile”, spiega Quint.

“Certamente in posti come la Thailandia è realizzabile non molto di più una volta che lo si distribuisce su un mese o due, sicuramente meno di £ 50 (€ 58) a persona a notte.”

Le persone vanno già all’estero per evitare l’aumento dei costi energetici?

Il pensiero iniziale era che la campagna si rivolgesse a coloro che sono in pensione, ma con un numero maggiore di remoti in questi giorni, c’è una possibilità più ampia per le persone di trascorrere un periodo prolungato all’estero.

Richiede ancora un po’ di flessibilità che la maggior parte delle persone non ha e i soldi per pagare in anticipo il costo dell’alloggio e dei voli – una richiesta difficile durante l’escalation della crisi del costo della vita. Trascorrere l’inverno in un altro paese non è sicuramente una soluzione d’argento all’aumento delle bollette energetiche.

Tuttavia, alcuni viaggiatori stanno già approfittando dell’opportunità.

“Abbiamo clienti da lungo tempo caraibico per sei settimane a novembre, un cliente in giro per e Capodanno per un paio di mesi e una donna single che fa una crociera ai Caraibi per Natale e Capodanno, anch’essa lunga sei settimane”, dice Quint.

Aggiunge che le crociere hanno un ottimo rapporto qualità-prezzo – includono cibo e talvolta anche escursioni – insieme a tour guidati, soprattutto in Asia.

“Sto anche aiutando una che si sta prendendo un anno sabbatico con l’organizzazione di un viaggio in Sud America per l’inverno”.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (I turisti energetici stanno volando verso sud per l’inverno piuttosto che riscaldare le loro case
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare