I giocatori di rugby australiani si rifiutano di indossare la maglia del Pride per “motivi religiosi”

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Sette giocatori della squadra australiana di rugby league Virili aquile di mare di Warringah si sono rifiutati di giocare in una partita imminente perché il club vuole che indossino una maglia del Pride per supportare l’inclusione LGBTQ + nello .

La squadra avrebbe dovuto indossare le maglie, complete di strisce arcobaleno e colletto arcobaleno, in una partita di giovedì contro i rivali dei Roosters.

Ma tutti e sette i giocatori hanno detto ai funzionari del club che indossare la maglia è in conflitto con le loro convinzioni culturali e religiose, anche se il kit appositamente progettato è stato un grande successo tra i fan della squadra.

“I giocatori non giocheranno giovedì e accettiamo la loro decisione”, ha detto l’allenatore dei Sea Eagles Des Hasler.

“Questi giovani sono forti nelle loro convinzioni e convinzioni e daremo loro lo e il supporto di cui hanno bisogno”, ha aggiunto.

“Il gruppo di gioco è solido e comprende i punti di vista degli altri. club indosseremo la maglia giovedì sera”.

Tutti e sette i giocatori – Josh Aloiai, Jason Saab, Christian Tuipulotu, Josh Schuster, Haumole Olakau’atu, Tolu Koula e Toafofoa Sipley – non sono disponibili per la selezione giovedì. Le squadre di rugby league contengono 13 giocatori titolari e quattro in panchina di scambio per ogni partita.

Hasler si è scusato per le conseguenze derivanti dalla mancanza di una preventiva consultazione del club con il gruppo di gioco.

“La nostra intenzione era quella di occuparci di tutti i diversi gruppi che affrontano quotidianamente problemi di inclusione”, ha affermato Hasler. “Purtroppo, questa cattiva gestione ha causato grande confusione, disagio e dolore per molte persone, in particolare quei gruppi i cui cerchiamo effettivamente di difendere.

“Vogliamo scusarci con la comunità LGBTQ che abbraccia i colori dell’arcobaleno, che indossa questi colori per orgoglio, e diritti umani”.

La reazione dei dirigenti della Lega

Commissione Australiana di Rugby League Il presidente Peter V’landys ha affermato di aver compreso le scelte dei giocatori, basate su differenze religiose e culturali, ma ha spinto per l’inclusione e l’accettazione nello sport.

“Qualcosa di cui sono orgoglioso nel rugby league è che trattiamo tutti allo stesso modo”, ha detto V’landys. “Non importa , orientamento sessuale o razza. Siamo tutti uguali.”

“Non faremo mai un passo indietro per rendere il nostro sport inclusivo. Ma allo stesso tempo non mancheremo di rispetto alle libertà dei nostri giocatori”.

L’NRL non ha un round di Pride designato, ma V’landys ha affermato che potrebbe essere una considerazione per le stagioni future.

Andrew Purchas, co-fondatore del orgoglio per lo sport programma che supporta i club sportivi australiani negli aspetti dell’inclusione, ha riconosciuto le scuse dei Sea Eagles.

“La conversazione, l’educazione e la comprensione sono fondamentali per andare avanti rispettosamente con queste importanti discussioni nelle nostre comunità”, ha affermato Purchas in una nota. “Nella sua forma più elementare, una maglia Pride segnala un valore fondamentale: tutti dovrebbero sentirsi al sicuro per giocare.

“Sosteniamo fortemente l’NRL nei suoi sforzi per continuare a sostenere i valori associati ’inclusione, alla e all’appartenenza, ed esortiamo tutte le persone a considerarli valori non controversi attorno ai quali possiamo unirci”.

I Sea Eagles sono al nono posto nella NRL, un posto sotto i Roosters. Le prime otto squadre si qualificano ai playoff.

Manly era l’unico club che progettava di indossare una maglia dell’orgoglio in questo round.

L’ex attaccante di Manly Ian Roberts, che negli anni ’90 è stato il primo giocatore di rugby league di alto profilo a dichiararsi gay, ha detto di non essere rimasto sorpreso dalla decisione dei giocatori.

“Non mi ha completamente scioccato come tutti gli altri”, ha detto al Sydney Morning Herald. “Come uomo gay più anziano, ci sono abituato. Speravo ci sarebbe stata una sorta di respingimento religioso”.

I locali hanno affermato che i giocatori di Manly non sapevano che avrebbero dovuto indossare la maglia fino a quando non fosse stata mostrata ai media.

Le regole NRL non consentono a tutti e sette i giocatori di indossare una maglia alternativa senza il messaggio arcobaleno perché le regole della partita richiedono che tutti i giocatori di una squadra indossino una maglia identica.

Le maglie dell’orgoglio sono state un successo tra i fan, con i media locali che hanno riferito che il club aveva esaurito le scorte iniziali di tutte le taglie da uomo e da donna.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare