I diamanti ultra duri ‘lonsdaleite’ caduti dallo spazio potrebbero finire nei macchinari

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
I diamanti ultra duri 'lonsdaleite' caduti dallo spazio potrebbero finire nei macchinari

Si ritiene che i rari spaziali trovati nelle meteore provengano da un antico del nostro sistema solare, ma la loro incredibile resistenza potrebbe renderli utili in applicazioni industriali qui sulla Terra.

Gli scienziati pensano che i diamanti – chiamati lonsdaleite – provenissero da un pianeta nano che fu distrutto da un grande circa 4,5 miliardi di anni fa.

I diamanti si trovano in rare meteore sulla Terra, chiamate meteoriti di ureilite, e un team di afferma che ora hanno confermato l’esistenza della lonsdaleite in .

Gli scienziati della Monash University, della RMIT University, del CSIRO, dell’Australian Synchrotron e della Plymouth University hanno utilizzato tecniche avanzate di microscopia elettronica per ottenere fette intatte dai meteoriti, contenenti i diamanti, che sono minuscoli.

“Questo studio dimostra categoricamente che la lonsdaleite esiste in natura”, ha affermato il professor Dougal McCulloch, direttore della struttura di microscopia e microanalisi RMIT.

“Abbiamo anche scoperto i più grandi cristalli di lonsdaleite conosciuti fino ad oggi che hanno dimensioni fino a un micron, molto, molto più sottili di un capello umano”.

Più duro dei diamanti normali

Si pensa che la Lonsdaleite sia ancora più dura dei diamanti e potrebbero essere utilizzate in processi industriali l’estrazione mineraria.

“Pensiamo che la lonsdaleite potrebbe essere utilizzata per realizzare parti di minuscole e ultra dure se riusciamo a sviluppare un processo industriale che promuova la sostituzione di parti in grafite preformate con la lonsdaleite”, ha affermato il professor Andy Tomkins della Monash University, che ha guidato lo studio.

Lonsdaleite prende il nome dalla famosa cristallografa britannica Dame Kathleen Lonsdale, che fu la prima donna eletta membro della Royal Society.

Formatosi dopo una “collisione catastrofica”

Gli scienziati ritengono che i diamanti si siano formati in condizioni molto particolari, subito dopo una catastrofica collisione tra il pianeta nano e un grande asteroide.

Un pianeta nano è come un pianeta, con una massa abbastanza grande da assumere una forma approssimativamente rotonda, ma non abbastanza grande da avere un’attrazione gravitazionale sufficiente a dominare le sue vicinanze, liberandolo da altri oggetti celesti diversi dai suoi stessi satelliti.

Nel nostro sistema solare, Plutone è stato declassato da pianeta a pianeta nano nel 2006, perché non è gravitazionalmente dominante nelle sue vicinanze.

Gli scienziati ritengono che la lonsdaleite si sia formata dal mantello di un pianeta nano, fatto a pezzi 4,5 miliardi di anni fa, ’incirca nel in cui si è formata la Terra.

La loro ricerca ha fornito informazioni su come si sono formati la lonsdaleite e i diamanti regolari.

“Ci sono forti prove che c’è un processo di formazione recentemente scoperto per la lonsdaleite e il regolare, che è come un processo di deposizione di vapore chimico supercritico che ha avuto luogo in queste rocce spaziali, probabilmente nel pianeta nano poco dopo una collisione catastrofica”, ha detto McCulloch .

“La deposizione chimica da vapore è uno dei modi in cui le persone producono diamanti in laboratorio, essenzialmente coltivandoli in una camera specializzata”.

I risultati sono stati pubblicati nel Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze (PNAS).

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare