Gli utenti di Twitter votano per le dimissioni da CEO di Elon Musk. Lo farà lui e chi potrebbe sostituirlo?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Vox Populi, Vox Dei: gli utenti di Twitter votano per Elon Musk per dimettersi dalla carica di CEO dell'azienda

Il ha affermato che solo gli abbonati di Twitter Blue potranno votare nei futuri sondaggi relativi alle dopo che oltre 10 milioni di persone hanno votato per lui per dimettersi dalla carica di CEO della piattaforma di social media.

Il proprietario di Twitter domenica ha chiesto agli utenti se dovesse dimettersi dalla carica di CEO e ha detto che “si atterrà ai risultati di questo sondaggio”.

Il sondaggio si è chiuso lunedì mattina e il 57,5% dei voti lo ha invitato a dimettersi.

“Come si suol dire, fai attenzione a ciò che desideri, perché potresti ottenerlo”, ha twittato dopo aver pubblicato il sondaggio. Ore dopo il risultato ha detto “interessante” dopo che alcuni utenti hanno suggerito che i risultati fossero influenzati da account falsi.

In qualità di proprietario di Twitter, a seguito del suo acquisto della società per 44 miliardi di dollari (41,4 miliardi di ) a ottobre, nessuno può costringerlo a dimettersi dalla carica di .

Ha ignorato i risultati dei sondaggi che ha eseguito in precedenza, rifacendo quelli che potrebbero non aver avuto il risultato desiderato, incluso un sondaggio sugli account non sospesi che, secondo lui, aveva rivelato la sua posizione in tempo reale.

Alcuni di questi account erano di giornalisti dei media mainstream, come Donie O’Sullivan della CNN, che aveva twittato una dichiarazione ufficiale della di riguardante un tweet inviato da Musk.

Chi potrebbe sostituire Musk?

Non è chiaro chi potrebbe sostituire Musk se decidesse di dimettersi. Ma ha lasciato intendere che l’avrebbe fatto.

Il mese scorso, ha detto a un giudice del Delaware che aveva in programma di “ridurre il mio tempo su Twitter e trovare qualcun altro che gestisse Twitter nel tempo”.

Ci sono speculazioni selvagge su chi potrebbe essere nominato, ma per quanto riguarda i leader tecnologici che potrebbero adattarsi al conto, è stato detto che l’ex COO di Sheryl Sandberg potrebbe essere la scelta migliore. Ma potrebbe anche scegliere qualcuno delle sue altre società Tesla e SpaceX.

Chiunque venga scelto, se scelto, avrebbe un grosso lavoro nel mettere in ordine le finanze dell’azienda, poiché il mese scorso Musk ha avvertito che è possibile un fallimento di Twitter

Tuttavia, Musk ha dichiarato su Twitter: “Nessuno vuole il lavoro che può effettivamente mantenere in Twitter. Non c’è successore”.

“La questione non è trovare un amministratore delegato, la questione è trovare un amministratore delegato che possa mantenere in vita Twitter”.

In risposta al suggerimento di un altro utente che “gli abbonati blu dovrebbero essere gli unici che possono votare nei sondaggi relativi alle politiche”, Musk ha detto: Buon punto. Twitter farà questo cambiamento”.

Il servizio di abbonamento a pagamento consente a qualsiasi utente di acquistare un badge verificato con segno di spunta blu per il proprio account.

“L’assolutista della libertà di parola”

Musk si è autoproclamato “assolutista della libertà di parola”, facendo della questione uno dei capisaldi della sua filosofia come capo di una rete di social media.

Dopo aver preso il controllo, ha ripristinato gli account vietati, incluso l’account dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Musk ha però affrontato accuse di ipocrisia, con una serie di divieti per giornalisti e attivisti che lo hanno criticato personalmente.

Domenica, Musk ha anche vietato tutti i collegamenti ad altri social network, inclusi i rivali Mastodon, e Facebook, nonché le piattaforme più piccole Nostr e Linktree.

Dopo le proteste immediate, il divieto è stato ripristinato entro la fine della giornata. Musk ha detto: “Andando avanti, ci sarà un voto per importanti cambiamenti politici. Le mie scuse. Non accadrà più”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare