Gli scienziati ritengono che il COVID possa aver alterato le nostre personalità, in particolare i giovani adulti

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Gli scienziati ritengono che il COVID possa aver alterato le nostre personalità, in particolare i giovani adulti

Un evento o un’esperienza traumatica può alterare completamente la personalità di un’intera popolazione?

Fino a poco tempo, gli scienziati non avevano trovato alcuna associazione diretta tra eventi stressanti collettivi e ampi cambiamenti nella personalità di una popolazione.

Ma la pandemia di -19 potrebbe aver cambiato le cose.

In un recente studio congiunto, i ricercatori degli e della hanno deciso di confrontare i livelli del modello a cinque fattori dei tratti della personalità prima e dopo la pandemia di coronavirus.

Il modello a cinque fattori – spesso indicato come i “Big Five” – ​​è un ampio raggruppamento di tratti della personalità che includono nevroticismo, estroversione, apertura, gradevolezza e coscienziosità,

Il loro studio osservazionale ha confrontato i tratti della personalità di oltre 7.000 persone in un periodo prima della pandemia tra maggio 2014 e febbraio 2020, poi da marzo a dicembre 2020 e infine durante un terzo periodo nel 2021-2022.

Sono state analizzate in totale 18.623 valutazioni, con partecipanti di età compresa tra 18 e 109 anni, uomini e donne,

La maggior parte dei partecipanti è stata arruolata nello studio Understanding America Study (UAS) della University of Southern California, un gruppo di circa 9.500 intervistati in rappresentanza di tutti gli Stati Uniti.

L’obiettivo della SAU, che si completa interamente online, è cercare di creare una rappresentazione approfondita del comportamento delle persone che vivono nel Paese.

Cosa hanno trovato

I dati del 2020 hanno mostrato piccoli cambiamenti nei tratti della personalità rispetto ai tempi pre-pandemici, ad eccezione di un leggero calo del nevroticismo.

Un anno dopo, tuttavia, quando gli scienziati hanno confrontato le indagini pre-pandemia con i dati del 2021-2022, hanno notato un declino in tutti gli altri quattro tratti: estroversione, apertura, gradevolezza e coscienziosità.

I cambiamenti rappresentavano “circa un decimo” di una deviazione standard, hanno affermato gli autori dello studio, che equivale a circa un decennio di cambiamento normativo della personalità, il normale sviluppo della personalità che gli esseri umani sperimentano nel corso della loro .

I partecipanti hanno dovuto indicare il loro posto percepito nello spettro di “oggetti” come “Mi vedo come qualcuno che loquace” e “Mi vedo come qualcuno che è pieno di energia” per determinare, ad esempio, il loro livello di estroversione, Lo ha spiegato a Euronews Next la professoressa Angelina Sutin, ricercatrice capo dello studio.

L’apertura, d’altra parte, è stata misurata con affermazioni come “Mi vedo come qualcuno che è originale, escogita nuove idee” e “Mi vedo come qualcuno che è curioso di molte cose diverse”.

I cambiamenti nella personalità hanno dimostrato di essere determinati dall’età

Secondo lo studio, i giovani adulti – di età compresa tra i 18 ei 25 anni – hanno mostrato una notevole “maturità interrotta sotto forma di aumento del nevroticismo e diminuzione della gradevolezza e della coscienziosità”.

Perché i giovani adulti? Sutin afferma che il ragionamento alla base del cambiamento comportamentale per i giovani adulti è speculativo perché non hanno misurato gli indicatori di cambiamento, ma afferma che l’interruzione “potrebbe aver avuto un impatto maggiore sui giovani adulti perché compiti come andare a e il passaggio alla , essere socievoli e sviluppare relazioni sono molto importanti per questa fascia di età”.

E sebbene il periodo del COVID-19 sia stato stressante per tutti, “ha sconvolto i compiti normativi della giovane età adulta”.

Gli anziani, al contrario, hanno generalmente vite e social network più stabili e prevedibili che avrebbero potuto fornire maggiore stabilità nonostante lo sconvolgimento della pandemia rispetto ai giovani adulti, ha affermato.

Gli scienziati continueranno a rintracciare i partecipanti allo studio e, se i cambiamenti persistono, lo studio potrebbe essere la di come eventi stressanti a livello di popolazione possono cambiare la nostra personalità, collettivamente, specialmente tra i giovani adulti.

I risultati sono sorprendenti?

Praticamente ogni aspetto del mondo moderno è stato colpito dalla pandemia.

I paesi sono entrati in blocco, le aziende hanno dovuto affrontare sfide enormi e c’è stato un enorme tributo alla delle persone. Quindi, forse i risultati non sono esattamente inaspettati.

Ma l’articolo, pubblicato su Plos One, una rivista scientifica ad accesso aperto peer-reviewed, contribuisce alla nostra comprensione delle precise conseguenze sulla mentale della pandemia, di cui è stato ampiamente riportato.

Da un punto di vista teorico, lo studio è anche “un’opportunità senza precedenti” per esaminare come eventi globali stressanti possano avere un’influenza diretta sui cambiamenti della personalità collettivamente.

“Contribuisce a una maggiore comprensione dei tratti della personalità e dei fattori associati a un cambiamento nei tratti”, ha detto Sutin a Euronews Next.

La internazionale sulla salute mentale sta avanzando rapidamente e le preoccupazioni per la salute mentale hanno portato il 90% dei paesi intervistati dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a includere la salute mentale e il supporto psicosociale nei loro piani di risposta al COVID-19.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare