Energie rinnovabili: Dubai Solar Park e la rivoluzione verde

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on pocket
Pocket
Share on whatsapp
WhatsApp
Dubai Solar Park

Con ​Dubai Solar Park ci si converte alle energie rinnovabili.

Una sfida che richiede investimenti e innovazione.

​Tecnologie rinnovabili da record

Con la diffusione delle energie rinnovabili, molte persone sperano di invertire l’impatto del cambiamento climatico attraverso iniziative come il Mohammed Bin Rashid Al Maktoum Solar Park nel deserto meridionale di Dubai.

È il più grande parco solare a concentrazione del mondo, con milioni di pannelli fotovoltaici, in grado di convertire la luce solare in circa 1.000 megawatt di potenza e alimentare più di 320.000 case.

L’azienda è di proprietà della Dubai Electricity and Water Authority (Dewa), e la società prevede di raddoppiare la sua produzione di energia nella fase successiva, che include la costruzione della torre solare più alta del mondo: la torre è alta 262 metri, sessanta metri in meno di Tawa. Alla Torre Eiffel, utilizzerà 70.000 eliostati come specchi per convertire la luce solare in energia termica, che verrà immagazzinata per circa 15 ore. Il parco, nato nel 2013, entrerà nella sua quinta e ultima fase nei prossimi due anni e secondo le previsioni potrà compensare 6,5 milioni di tonnellate di emissioni di anidride carbonica ogni anno.

​Più ricerca per risolvere nuovi problemi

La dott.ssa Aaesha Abdulla Alnuaimi, direttrice del Dubai Solar Energy Innovation Center, ha affermato che il principale investimento per raggiungere questi obiettivi è nelle persone: “Quando stavano istruendo i giovani fin dalla tenera età, hanno capito le sfide che devono affrontare l’energia solare oggi, e sanno come provare a trattarli. ” Ha continuato dicendo che dovranno affrontare le nuove sfide poste dalle tecnologie delle energie rinnovabili: “Ad esempio, possiamo vedere come la tecnologia può risolvere il problema della polvere.

Ci sono robot di pulizia, ma sono costosi. Oppure ci sono i rivestimenti. Sono basati sulla nanotecnologia. Ne abbiamo testati diversi, ma sfortunatamente nessuno di loro funziona in modo efficace in queste condizioni ambientali, motivo per cui abbiamo bisogno di più ricerca e più innovazione “.

​Gli Emirati aprono agli investimenti

La città sta sviluppando soluzioni pratiche primitive, come alberi da cui spuntano foglie fotovoltaiche, lampioni solari o marciapiedi rivestiti di pannelli.

Mentre Dubai si muove verso un futuro solare ea basse emissioni di carbonio, gli Emirati Arabi Uniti fanno ancora molto affidamento sulle fonti energetiche tradizionali. Ma sono in una posizione di leadership negli investimenti strategici.

Nel 2019, il Dubai Solar Park ha fornito il 3% del fabbisogno energetico totale di Dubai. I

n precedenza, la città faceva affidamento quasi al 100% sul gas naturale, mentre tutti gli Emirati Arabi Uniti si affidavano ancora ai combustibili fossili.

Non è ancora chiaro esattamente in che modo queste tecnologie gestiranno le energie rinnovabili in futuro, quel che è certo è che sono nelle mani degli innovatori del presente.​​

La “Strategia energetica 2050” mira a ridurre del 70% le emissioni di carbonio derivanti dalla produzione di energia. Questo obiettivo richiede maggiori investimenti, e possibilmente investimenti esteri, per sviluppare il Dubai Solar Park ed, in generale, il settore delle energie rinnovabili. L’analista Jagannathan Ramaswamy ha dichiarato: “Dobbiamo allentare il controllo del mercato energetico in modo che un numero sempre maggiore di partecipanti possa partecipare”. A Dubai, Dewa ha attirato 9 miliardi di euro di investimenti e partenariati pubblico-privati. Secondo l’accordo di Parigi sul clima, gli Emirati Arabi Uniti stanno utilizzando, con il Dubai Solar Park, una combinazione di energia solare, nucleare e altre fonti di energia rinnovabile, il che significa che in futuro saranno necessarie tecnologie più intelligenti.

In una terra esportatrice di petrolio in tutto il mondo, la crescita è stata sproporzionata negli ultimi anni. L’investimento in progetti estremi e fantasiosi ha dato una nuova immagine al concetto di deserti, trasformazione verde e sostenibilità ecologica. Le piante sono molto sorprendenti . Ovviamente Dubai ha imparato che deve mantenere e preservare lo sfarzo sproporzionato e assurdo del petrolio attraverso altre fonti energetiche più durevoli e rinnovabili, da qui l’idea del Dubai Solar Park.

“Questo è lo slogan di decarbonizzazione, decentralizzazione e digitalizzazione – spiega Ramaswamy – significherà big data, analisi dei dati, intelligenza artificiale e forse anche blockchain”.

Image:Getty Images

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest
Share on pocket
Pocket
Share on whatsapp
WhatsApp

Non perderti nessuna News. Iscriviti alla nostra NewsLetter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *