DART: Quello che devi sapere sulla missione della NASA di distruggere un veicolo spaziale contro un asteroide

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
DART: Quello che devi sapere sulla missione della NASA di distruggere un veicolo spaziale contro un asteroide

Nel primo esperimento di del mondo, la NASA sta per colpire un piccolo e innocuo a milioni di chilometri di distanza.

Un veicolo spaziale chiamato DART (Double Asteroid Redirection Test) punterà sull’asteroide lunedì, con l’intenzione di sbatterlo frontalmente a 22.500 km/h.

L’impatto dovrebbe essere appena sufficiente per spingere l’asteroide in un’orbita leggermente più stretta attorno alla sua roccia spaziale compagna, dimostrando che se un asteroide killer si dirigesse verso di noi, avremmo la possibilità di deviarlo.

“Questa è roba da di fantascienza ed episodi davvero banali di” StarTrek “di quando ero bambino, e ora è reale”, ha detto giovedì lo scienziato del programma della NASA Tom Statler.

Telecamere e telescopi guarderanno l’, ma ci vorranno giorni o addirittura settimane per scoprire se ha effettivamente cambiato l’orbita.

Il test di difesa planetaria da 325 milioni di dollari (333 milioni di euro) è iniziato con il lancio di DART lo scorso anno.

L’obiettivo di DART: Dimorphos

L’asteroide con l’occhio di bue su di esso è Dimorphos, a circa 9,6 milioni di chilometri dalla Terra. In realtà è il debole compagno di un asteroide di 780 metri chiamato Didymos, che in greco significa gemello.

Scoperto nel 1996, Didymos gira così velocemente che gli scienziati ritengono che abbia lanciato via materiale che alla fine ha formato una luna. Dimorphos – circa 160 metri di diametro – orbita attorno al suo corpo genitore a una distanza inferiore a 1,2 chilometri.

“Si tratta davvero della deviazione degli asteroidi, non dell’interruzione”, ha affermato Nancy Chabot, scienziata planetaria e leader del team di missione presso l’Applied Physics Laboratory della Johns Hopkins University, che sta gestendo lo sforzo.

“Questo non farà esplodere l’asteroide. Non lo farà in tanti pezzi.”

Piuttosto, l’impatto scaverà un cratere di decine di metri e scaglierà nello spazio circa 1 milione di kg di rocce e terra.

La NASA insiste sul fatto che non ci sono possibilità che un asteroide minacci la Terra, ora o in futuro. Ecco perché la coppia è stata scelta.

Le dimensioni di un carrello da golf

Il laboratorio Johns Hopkins ha adottato un approccio minimalista nello sviluppo di DART, dato che è essenzialmente un ariete e rischia la distruzione.

Ha un unico strumento: una telecamera utilizzata per navigare, puntare e fare la cronaca dell’azione finale.

Ritenuto essenzialmente un cumulo di macerie, Dimorphos emergerà come un punto di luce un’ora prima dell’impatto, incombendo sempre più grande nelle immagini della telecamera inviate alla Terra.

I manager sono fiduciosi che DART non si schianterà contro il Didymos più grande per errore. La navigazione del veicolo spaziale è progettata per distinguere tra i due asteroidi e, negli ultimi 50 minuti, puntare su quello più piccolo.

Grande quanto un piccolo distributore automatico di 570 kg, il veicolo spaziale andrà a sbattere contro circa 5 miliardi di kg di asteroide.

“A volte lo descriviamo come far correre un carrello da golf contro una Grande Piramide”, ha detto Chabot.

A meno che DART non manchi il suo obiettivo – la NASA stima che le probabilità che ciò accada a meno del 10% – sarà la fine della strada per la navicella spaziale.

Se supera entrambe le rocce spaziali urlando, le incontrerà di nuovo tra un paio d’anni per Take 2.

Salvare la Terra

Il piccolo Dimorphos completa un giro intorno al grande Didymos ogni 11 ore e 55 minuti. L’impatto di DART dovrebbe ridurre di circa 10 minuti.

Sebbene il colpo stesso dovrebbe essere immediatamente evidente, potrebbero essere necessarie alcune settimane o più per verificare l’orbita modificata della luna. Le telecamere su DART e un mini tagalong cattureranno la collisione da vicino.

I telescopi di tutti e sette i continenti, insieme ai telescopi spaziali Hubble e Webb e alla navicella spaziale Lucy della NASA per la caccia agli asteroidi, potrebbero vedere un lampo luminoso mentre DART colpisce Dimorphos e invia flussi di roccia e terra a cascata nello spazio.

Gli osservatori seguiranno la coppia di asteroidi mentre girano intorno al , per vedere se DART ha alterato l’orbita di Dimorphos.

Nel 2024, un veicolo spaziale europeo chiamato Hera ripercorrerà il viaggio di DART per misurare i risultati dell’impatto.

Anche se la spinta prevista dovrebbe cambiare solo leggermente la posizione della luna, secondo Chabot ciò comporterà un cambiamento importante nel tempo.

“Quindi se dovessi farlo per la difesa planetaria, lo faresti con cinque, 10, 15, 20 anni di anticipo affinché questa tecnica funzioni”, ha detto.

Anche se DART manca, l’esperimento fornirà comunque informazioni preziose, ha affermato Andrea Riley, dirigente del programma della NASA.

“Ecco perché testiamo. Vogliamo farlo ora piuttosto che quando c’è un reale bisogno”, ha detto.

Le missioni di asteroidi in abbondanza

Il è in corsa per inseguire asteroidi. La NASA ha quasi 450 g di macerie raccolte dall’asteroide Bennu diretto sulla Terra. La scorta dovrebbe arrivare il prossimo settembre.

Il è stato il primo a recuperare campioni di asteroidi, compiendo l’impresa due volte. La Cina spera di seguire l’esempio con una missione che verrà lanciata nel 2025.

La navicella spaziale Lucy della NASA, nel frattempo, è diretta verso gli asteroidi vicino a Giove, dopo essere stata lanciata lo scorso anno.

Un’altra navicella spaziale, Near-Earth Asteroid Scout, viene caricata nel razzo lunare della NASA in attesa del decollo; utilizzerà una solare per sorvolare una roccia spaziale che è a meno di 18 metri il prossimo anno.

Nei prossimi anni, la NASA prevede anche di lanciare un telescopio per il censimento per identificare gli asteroidi difficili da trovare che potrebbero rappresentare dei rischi.

Una missione di un asteroide viene messa a terra mentre un comitato di revisione indipendente ne valuta il futuro. La navicella spaziale Psyche della NASA avrebbe dovuto essere lanciata quest’anno su un asteroide ricco di metalli tra Marte e Giove, ma il team non ha potuto testare il software di in tempo.

Da “Armageddon” a “Non guardare in alto”

Hollywood ha sfornato dozzine di film killer-space-rock nel corso dei decenni, tra cui “Armageddon” del 1998 che ha portato Bruce Willis a Cape Canaveral per le riprese, e “Don’t Look Up” dell’anno scorso con Leonardo DiCaprio alla guida di un… cast stellare.

La buona notizia è che la costa sembra libera per il prossimo secolo, senza minacce note.

Ciò che è preoccupante, però, sono le minacce sconosciute. Meno della metà degli oggetti di 140 metri è stata confermata, con milioni di oggetti più piccoli ma ancora pericolosi che zumano intorno.

“Queste minacce sono reali e ciò che rende speciale questa volta è che possiamo fare qualcosa al riguardo”, ha detto Zurbuchen.

Non facendo saltare in aria un asteroide come ha fatto il personaggio di Willis – sarebbe un’ultima risorsa dell’ultimo minuto – o implorando i leader del governo di agire come ha fatto invano il personaggio di DiCaprio. Se il tempo lo consente, la tattica migliore potrebbe essere quella di allontanare il minaccioso asteroide, come DART.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare