Stipendi degli insegnanti: quali paesi pagano di più e di meno in Europa?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Stipendi degli insegnanti: quali paesi pagano di più e di meno in Europa?

Gli insegnanti sono spesso salutati come eroi che devono essere celebrati, ma in molti paesi spesso c’è poco motivo per festeggiare per insegnanti di essere infelici.

In Ungheria, migliaia di insegnanti hanno di nuovo marciato a Budapest chiedendo salari più alti e riforme urgenti da parte del governo dopo gli scioperi di settembre. Circa 50 insegnanti sono stati addirittura licenziati per “disobbedienza civile” dopo aver inscenato scioperi.

Fa parte di un quadro più ampio di malessere nell’istruzione, con una crescente di insegnanti che si diffonde in tutta Europa. In ci sono attualmente 4.000 posti vacanti, con le ultime stime in Germania che suggeriscono un deficit di 25.000 insegnanti entro il 2025.

La situazione è in gran parte dovuta alle condizioni di lavoro, compresi i salari stagnanti che vengono esacerbati dalla crisi del della vita.

Quindi, quanto vengono pagati gli insegnanti in Europa? Quali paesi pagano di più e di meno gli insegnanti? E quanto sono cambiati gli stipendi degli insegnanti nell’ultimo decennio?

Ci sono differenze significative negli stipendi degli insegnanti tra i paesi europei.

Gli stipendi iniziali lordi annui ufficiali nelle scuole pubbliche dell’istruzione secondaria inferiore (ISCED 2) variavano da circa 4.233 € in Albania a 69.076 € in Lussemburgo nel 2020/2021, secondo dati nazionali compilati dalla Commissione Europea/EACEA/Eurydice.

La retribuzione media per gli insegnanti nei paesi dell’Unione Europea (UE) è di € 25.055.

Gli insegnanti in Francia e in Italia guadagnano la metà di quanto guadagnano in Germania

Escludendo il Lussemburgo, lo stipendio iniziale annuo era superiore a 50.000 euro solo in due paesi, vale a dire (66.972 euro) e Germania (54.129 euro).

Lo stipendio annuo in Francia e in Italia era meno della metà della cifra tedesca.

La Bulgaria ha avuto lo stipendio annuale iniziale più basso degli insegnanti tra i paesi dell’UE, a € 7.731. La cifra è inferiore a 10.000 euro anche in molti altri paesi dell’UE come Lettonia, Slovacchia, Ungheria, Romania e Polonia.

Lo standard di potere d’acquisto (SPA) è “un’unità monetaria artificiale” definita da Eurostat, in cui un’unità PPS può teoricamente acquistare la stessa quantità di beni e servizi in ciascun paese. L’esame degli stipendi in SPA appiana parte delle differenze nel costo della vita tra i paesi, ma permangono ancora ampie disparità.

Gli stipendi degli insegnanti visti attraverso questa variavano da 7.824 SPA in Albania a 50.357 SPA in Germania. Sebbene lo stipendio iniziale lordo annuo degli insegnanti sia generalmente compreso tra 20.000 e 30.000 SPA, è ancora inferiore a 20.000 SPA in 10 paesi dell’UE: rispettivamente Estonia, Malta, Cechia, Romania, Grecia, Bulgaria, Polonia, Ungheria, Lettonia e Slovacchia.

I paesi balcanici Montenegro e Macedonia del Nord, che sono al di fuori dell’UE, hanno stipendi degli insegnanti più alti in SPA rispetto a diversi paesi dell’UE. Sorprendentemente, la si classifica significativamente meglio in SPA (28.455) che in salario nominale (€ 8.330): mentre si è classificata 28a su 36 paesi in cifre nominali, è arrivata 11a in SPA.

Come si confrontano gli stipendi degli insegnanti europei con il salario minimo?

Il rapporto tra gli stipendi degli insegnanti e il salario minimo mostra quanto guadagnano gli insegnanti rispetto al salario minimo in ciascun paese. Il rapporto è calcolato dividendo lo stipendio lordo dell’insegnante per il salario minimo lordo.

Tale rapporto è più alto in Germania con 2,8 mentre la Polonia ha il rapporto più basso con 1,1.

In altre parole, lo stipendio iniziale degli insegnanti in Polonia è molto vicino al salario minimo, mentre gli insegnanti che iniziano nelle scuole statali tedesche guadagnano quasi tre volte il salario minimo.

Il rapporto medio tra i 21 paesi dell’UE è 1,86 mentre è solo 1,4 in Francia e Grecia.

Nella maggior parte dei paesi europei, anche gli insegnanti che iniziano a lavorare nelle scuole statali guadagnano, in media, molto meno del prodotto interno lordo (PIL) nazionale pro capite.

Il loro stipendio iniziale lordo annuo era superiore al PIL pro capite in appena sette paesi su 36. Il rapporto più alto tra stipendio e PIL pro capite è stato registrato nella Macedonia del Nord con 1,28, mentre era il più basso in Irlanda con 0,45.

Mentre la Germania è uno dei paesi con il PIL pro capite più alto in Europa, il rapporto è 1,26, il che significa che gli insegnanti junior guadagnano ancora più del PIL pro capite medio. Al contrario, questo rapporto è solo di 0,71 in Francia.

Come sono cambiati gli stipendi degli insegnanti nell’ultimo decennio?

L’ultimo rapporto di Eurydice fornisce anche dati per il periodo 2009/2010. A quel tempo, gli stipendi iniziali lordi annuali degli insegnanti variavano da € 2.743 in Romania a € 63.895 in Lussemburgo.

La media nei 26 paesi dell’UE è stata di 19.563 euro nel 2009/2010. Tuttavia, era inferiore a € 5.000 in sei paesi dell’UE, vale a dire Slovacchia (€ 4.824), Polonia (€ 4.462), (€ 4.275), Lettonia (€ 4.166), Bulgaria (€ 2.761) e Romania (€ 2.743).

In altri paesi dell’UE generalmente variava da € 18.000 a € 30.000, mentre gli stipendi iniziali in Germania e superavano i € 35.000.

La variazione degli stipendi iniziali lordi annuali degli insegnanti tra il 2009/2010 e il 2020/2021 è stata la più alta in Lituania, dove gli stipendi sono aumentati del 269% in quegli 11 anni. Anche la Romania e la Bulgaria, recentemente membri dell’UE, hanno visto aumenti drammatici degli stipendi degli insegnanti nell’ultimo decennio, rispettivamente del 193 e del 180%.

Anche lo stipendio iniziale degli insegnanti è aumentato del 42% in Germania, che aveva già il secondo stipendio più alto nel periodo 2009/2010. La variazione è stata inferiore al 10% in sei paesi dell’UE: Cipro, , Spagna, Italia, Slovenia e Lussemburgo.

La Turchia è l’unico paese nell’elenco in cui gli stipendi iniziali dell’insegnamento sono diminuiti nel corso del decennio, scendendo di 876 euro, o del 10%, probabilmente a causa del crollo della lira turca negli ultimi anni.

In termini nominali, tra il 2009/2010 e il 2020/2021, l’Islanda ha visto aumentare gli stipendi iniziali lordi annuali degli insegnanti di 25.720 euro, l’aumento più elevato tra i paesi studiati, seguita da Germania (15.915 euro) e (15.135 euro).

Anche gli stipendi iniziali sono aumentati di oltre 10.000 euro in Austria, Lituania e Danimarca.

Gli insegnanti sono soddisfatti dei loro stipendi?

La risposta breve è no.

Secondo l’indagine internazionale sull’insegnamento e l’apprendimento (TALIS) del 2018, in media solo il 26% degli insegnanti nei paesi e nelle economie dell’OCSE che partecipano a TALIS riteneva che il proprio lavoro fosse apprezzato dalla società e il 39% era soddisfatto della propria retribuzione.

Quanto hanno speso i paesi per l’istruzione?

Nel 2020, la spesa delle amministrazioni pubbliche per l’istruzione nell’UE ammontava a 671 miliardi di euro, pari al 5% del PIL.

I paesi dell’UE che spendono la quota più alta del PIL per l’istruzione sono stati la Svezia (7%), il Belgio e l’Estonia (6,6%), seguiti dalla Danimarca (6,4%) nell’UE.

Al di fuori del blocco, l’Islanda ha speso il 7,7% del suo PIL per l’istruzione. I livelli più bassi di spesa per l’istruzione in percentuale del PIL sono stati osservati in Irlanda (3,1%), Romania (3,7%) e Bulgaria (4%).

Di quanti alunni si occupano gli insegnanti?

Nell’UE, il numero medio di alunni per insegnante a livello primario era di 13,6 nel 2020, ma ancora una volta vi sono variazioni significative da paese a paese.

I rapporti più bassi – che alcuni definirebbero ideali – sono stati registrati in Grecia (8,4), Lussemburgo (8,9) e Ungheria (10), mentre Regno Unito (19,9), Romania (19,2) e Francia (18,4) hanno avuto la media più alta numero di alunni per insegnante.

Il rapporto alunni-insegnanti è calcolato dividendo il numero di alunni equivalenti a tempo pieno per il numero di insegnanti equivalenti a tempo pieno.

Una preoccupante carenza di insegnanti

Ultimo ma non meno importante, c’è una preoccupante carenza di insegnanti nei paesi europei.

Più di 30.000 posti di insegnante sono rimasti vacanti in Germania all’inizio di questo anno accademico.

C’è una carenza di 20.000 insegnanti in Polonia e 16.000 in Ungheria, e il Ministero dell’Istruzione francese ha dichiarato che 4.000 dei circa 27.300 nuovi posti di insegnante rimangono vacanti.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ti potrebbe interessare