Solo il 3% delle aziende europee prevede di aumentare i salari in linea con l’inflazione, secondo uno studio

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Solo il 3% delle aziende europee prevede di aumentare i salari in linea con l'inflazione, secondo uno studio

Livelli record di inflazione hanno visto aumentare il costo della in tutta Europa quest’anno, ma solo una manciata di aziende aumenteranno i salari in linea con l’inflazione, secondo un nuovo studio.

Secondo i della società britannica di risorse umane Figures, solo il 3,4% delle aziende in Europa prevede di adeguare gli aumenti salariali ’inflazione.

Mentre i numeri mostrano che il 35% di queste aziende sta pianificando di aumentare i budget salariali in risposta all’aumento dell’inflazione, la stragrande maggioranza non si è impegnata a tenere il passo con il tasso di inflazione, il che significa che per la maggior parte dei dipendenti la loro busta paga non andrà così lontano come faceva prima.

Tra le aziende che non stanno aumentando i salari in risposta all’inflazione, un quinto ha affermato che manterrà le loro attuali strutture salariali, mentre il 44% ha affermato che per il momento si sta trattenendo per vedere quali sono le prospettive economiche più in basso. la linea.

Quasi la metà delle aziende intervistate prevede di limitare gli aumenti di budget al 5%.

Le aziende che avevano maggiori probabilità di aumentare gli in risposta all’inflazione erano quelle più grandi e consolidate, mentre le aziende più piccole e le startup avevano maggiori probabilità di resistere.

“La nostra rivela che i leader aziendali sono divisi su come gestire l’inflazione su scala globale, e con così tante opzioni sul tavolo – dai bonus agli aumenti salariali, benefici e altro – non c’è da meravigliarsi”, ha affermato Virgile Raingeard, CEO e co -fondatore di Figures.

“Le organizzazioni non possono affrontare l’inflazione, ma possono affrontare il modo in cui vi rispondono con un solido piano basato su comunicazione, benchmarking, processi e formazione.

“In un così critico, le azioni che le organizzazioni intraprenderanno ora determineranno il loro futuro. Coloro che non agiscono rischiano di perdere la fiducia della loro , per non parlare della loro stessa forza lavoro”.

Per lo studio, Figures ha parlato con i leader delle aziende che lavorano in paesi tra cui Francia, Germania e Regno Unito

La società di risorse umane Oyster ha deciso di effettuare valutazioni salariali semestrali.

“Abbiamo visto dipendenti chiedere di più se gli stipendi sarebbero stati adeguati a dell’inflazione, citando gli impatti sulla loro vita quotidiana e la preoccupazione che senza un cambio di , il loro potere d’acquisto sarebbe ridotto”, ha affermato Kim Rohrer, Head of Esperienza delle persone in Oyster.

“Le maggiori sfide a cui dobbiamo pensare sono la scalabilità e la sostenibilità: come possiamo continuare a compensare in modo competitivo ed equo senza essere puramente reattivi ai cambiamenti del mercato?”

Julio Hailu, Head of People and Culture presso AREX Markets, ha dichiarato ai ricercatori di Figures che la sua azienda si è concentrata sulla riduzione al minimo del turnover dei dipendenti a causa di problemi salariali, ma è un atto di equilibrio.

“La mia più grande preoccupazione è riuscire a mantenere il potere di spesa del mio personale pur avendo un budget limitato: puoi permettertelo o no. Non possiamo perdere di vista che anche le aziende sopportano il peso maggiore della situazione attuale”, ha affermato .

Stare al passo con l’inflazione

Quest’anno l’inflazione è stata dilagante in tutta Europa. Nella zona euro ha toccato il 10,7% a novembre, mentre nel Regno Unito è sceso al 10,7% dal massimo di 41 anni dell’11% del mese precedente.

Ma mentre l’inflazione sta aumentando, con il costo della vita, l’aumento dei salari può causare una spirale dei prezzi salariali, il che significa che quando i dipendenti ricevono un aumento salariale richiedono più beni e servizi, il che fa aumentare ancora di più i prezzi.

Nelle prospettive economiche di ottobre del Fondo monetario internazionale i rischi di una spirale sono limitati, finora a causa dell’inasprimento della della banca centrale e del calo dei salari reali.

Quasi la metà delle aziende intervistate intende aumentare i budget del 3-5%, ben al di sotto dell’inflazione.

Un terzo delle aziende intende aumentare i budget al di sotto del 3% e il 15% li sta aumentando tra il 5 e il 10%.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare