Sempre più aziende producono carne coltivata in laboratorio, quindi perché non è in vendita nei negozi europei?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Le aziende producono carne senza macellazione, quindi perché non è in vendita nei negozi?

Una delle grandi domande che l’umanità deve affrontare in questo momento è nutrire una popolazione globale con una crescente domanda di carne, senza distruggere il pianeta nel processo.

Il futuro del cibo era in cima ’agenda di Vertice Web a Lisbona questo mese, e i dirigenti di due aziende produttrici di carne coltivata hanno spiegato in dettaglio a Euronews Next perché la carne coltivata in laboratorio potrebbe contenere la risposta.

Ciò che le loro aziende – e dozzine di altre – hanno dimostrato è che è possibile prelevare un minuscolo campione di cellule da un animale e da quel campione coltivare carne in laboratorio senza la necessità di allevare, allevare o uccidere l’animale.

Il processo è stato dimostrato per la prima volta a un pubblico mondiale quasi un decennio fa, quando il primo hamburger cresciuto in laboratorio è stato mangiato durante una conferenza stampa a Londra.

E proprio questa settimana, la Food and Drug Administration () statunitense ha autorizzato la vendita di pollo coltivato in laboratorio per il consumo , seguendo le orme di Singapore, il primo paese a farlo nel 2020.

“Non puoi innovare su una mucca”

Se l’umanità vuole raggiungere gli obiettivi climatici discussi questo mese alla COP27, saranno necessari innovazione e cambiamento nel settore dell’agricoltura animale.

Ma come ha detto a Web Summit Daan Luining, co-fondatore e CTO dell’azienda di carne coltivata in laboratorio Meatable: “Non puoi innovare su una mucca”.

Invece, chiede un maggiore sostegno per la crescita dell’innovazione nella carne senza macellazione.

Luining, che ha lavorato in questo campo per nove anni con un background in biologia molecolare cellulare e ingegneria dei tessuti, ha contribuito a realizzare il primo hamburger coltivato in laboratorio nel 2013.

La sua azienda sta sviluppando un prodotto a base di carne macinata di maiale, con carne macinata anche di manzo in lavorazione – e sperano di lanciare il loro primo prodotto a Singapore l’anno prossimo.

La carne coltivata è il futuro della carne?

I sostenitori della carne coltivata in laboratorio indicano tre problemi chiave relativi all’agricoltura animale, così com’è, che devono essere risolti.

In primo luogo, l’impatto ambientale è enorme, rappresentando circa il 14,5% di tutte le emissioni di carbonio, secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO). C’è anche una pressione sulle risorse necessarie per produrre carne bovina.

Ad esempio, sono necessari circa 25 kg di mangime secco per produrre un chilogrammo di carne da una mucca, e quello stesso chilogrammo richiede circa 15.000 litri di acqua, secondo il Water Footprint Network.

Alcuni studi hanno suggerito che la sostituzione della carne animale allevata tradizionalmente con carne coltivata in laboratorio potrebbe causare fino al 96% in meno di emissioni di gas serra.

Poi c’è la considerazione etica. Ogni anno vengono uccisi circa 80 miliardi di animali per il consumo umano, molti di questi animali tenuti in cattive condizioni.

Molti non vengono macellati in modo “umano” – definito dalla Humane Slaughter Association nel Regno Unito, ad esempio, come quando “un animale è protetto da eccitazione, dolore o sofferenza evitabili”.

E terzo, c’è la questione della sicurezza alimentare. Molti paesi non hanno lo o le risorse naturali per allevare animali per soddisfare la domanda di carne della loro popolazione e si affidano invece alle importazioni.

L’ “in disparte”

Allora perché la carne coltivata non è ancora decollata in Europa?

Luining ha dichiarato a Euronews Next di aver trovato “oltraggioso” che il continente sia “solo in disparte”.

Alla domanda sul motivo per cui la sua azienda ha lanciato i suoi prodotti per la prima volta a Singapore, ha risposto: “L’UE è all’ultimo posto nell’elenco delle priorità, perché ci vuole così tanto tempo”. “Come start-up, non possiamo permettercelo”, ha aggiunto.

L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) regola il settore e ci sono criteri rigorosi per l’approvazione di un nuovo prodotto per la vendita nel blocco. Luining ha spiegato che il processo richiede molto avanti e e si è sentito frustrato dalla mancanza di chiarezza da parte dell’autorità di regolamentazione.

“Non sono molto entusiasti di iniziare la conversazione e aiutarci a capire cosa vogliono realmente da noi”, ha detto.

Al contrario, ha affermato che le autorità di Singapore “hanno istituito un intero organo governativo per aiutare [us] e sono stati fantastici. Sicuramente l’Unione Europea potrebbe prenderne atto”.

L’azienda misurerà ciò che i clienti di Singapore pensano della sua carne coltivata in laboratorio e alla fine sarà in grado di sfruttare questa esperienza quando si tratterà di espandersi in altri mercati, come l’Europa.

Quella carne per il momento è carne macinata di maiale, che può essere trasformata in una varietà di prodotti come salsicce o gnocchi.

La tecnologia – e i costi – dietro la carne coltivata in laboratorio

A causa dello stato attuale della tecnologia, la carne macinata è ciò che la maggior parte delle aziende in questo spazio sta producendo in questo momento.

Questo è vero per Ivy Farm, un’azienda di carne coltivata con sede nel Regno Unito che produce carne di maiale macinata.

“La nostra tecnologia può identificare le cellule che possiamo coltivare al di fuori dell’animale, fondamentalmente in grandi serbatoi di fermentazione”, ha detto a Euronews Next il suo CEO Richard Dillon.

“E nel processo di crescita, si replicano. Quindi creiamo puro muscolo, puro e possiamo metterli insieme per ottenere la carne macinata più sana”.

L’azienda proveniva dall’Università di Oxford, dove avevano sede due dei co-fondatori originali.

“Stavano esaminando dove c’è la maggior parte delle ricerche sulla cultura dei mammiferi animali”, ha detto Dillon.

“E in realtà, sono umani. Ma il mammifero che le persone mangiano e che è più vicino in termini di biologia agli umani, sono i maiali. E quindi è stato molto pratico”, ha spiegato.

“Quindi, dal punto di vista commerciale, pollo e maiale sono la carne più consumata sulla Terra. Quindi solo le dimensioni del mercato e gli impatti che potrebbe avere a livello globale sono enormi”.

Ma mentre il mercato potenziale può esserci, uno dei principali ostacoli alla carne coltivata che arriva sugli scaffali dei supermercati – a parte la regolamentazione – è il .

“Nessuno ha mai coltivato cellule di mammiferi su larga scala che sarebbero necessarie per ridurre i costi per nutrire le persone”, ha detto Dillon.

L’industria deve dimostrare di poter scalare, procurandosi i grandi serbatoi e i materiali necessari per far crescere le cellule al loro interno, ha spiegato.

“Questo deve essenzialmente passare attraverso una reinvenzione di quella catena di approvvigionamento per ottenere quegli input su larga scala a un costo di qualità alimentare invece che a un costo biofarmaceutico”.

Ha detto che sono stati fatti grandi passi avanti da quando è stato dimostrato il primo hamburger coltivato in laboratorio. La di quell’hamburger è costata circa 250.000 euro.

“Potremmo fare l’equivalente ora per meno di $ 100 (€ 100). E siamo ancora su scala pilota molto piccola. Quindi saranno ordini di grandezza con i costi che scenderanno nei prossimi due anni”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare