Se Twitter muore, cosa lo sostituirà? Da Mastodon a Discord, ecco alcune alternative

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Se Twitter muore, cosa lo sostituirà?  Da Mastodon a Discord, ecco alcune alternative

Cosa faremo se Twitter muore?

Anche se potrebbe sembrare un po’ drammatico, la prospettiva della fine di Twitter sotto la tumultuosa proprietà di Elon Musk è sembrata più vicina che mai venerdì, con centinaia di dipendenti, inclusi ingegneri e sviluppatori, che hanno lasciato l’ a seguito di un ultimatum dal suo nuovo amministratore delegato.

Da allora, il miliardario ha ripristinato diversi account bloccati, compreso quello dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump che è stato definitivamente escluso dal sito nel 2021 in seguito all’attacco del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti.

Molti utenti di Twitter, comprese celebrità come l’attrice Whoopi Goldberg, hanno già scelto di lasciare la piattaforma, ma ora c’è molta incertezza sul fatto che continuerà a funzionare per coloro che rimangono.

La imprevedibile del processo decisionale di Musk, unita alle dimissioni e ai licenziamenti di massa del personale, ha portato gli utenti più devoti di Twitter a chiedersi quando dovrebbero “rompere” con una piattaforma che sta diventando sempre meno riconoscibile per loro.

Ma quali alternative ci sono? Torneremmo davvero ai favoriti nostalgici come MySpace e Tumblr, o guarderemmo oltre ad alternative più innovative e indipendenti, come Mastodon e Cohost?

Abbiamo raccolto un elenco delle scelte più popolari, anche se, in realtà, la maggior parte delle persone rimarrà su Twitter, scorrendo la sequenza temporale e le tendenze fino a quando il loro coinvolgimento finalmente svanirà.

Qualche mese fa, quasi nessuno ne aveva sentito parlare Mastodonte. Ora è una delle alternative più popolari a Twitter, se riesci a capire come registrarti.

Lanciata nel 2016, la piattaforma open source gratuita è essenzialmente una versione decentralizzata di Twitter, composta da vari server basati sugli interessi noti come “istanze”.

Ti senti già perso? Non sei solo. Questa introduzione alquanto poco intuitiva alla piattaforma è stata scoraggiante per alcuni utenti, poiché faticano a individuare un server e i loro amici.

Tuttavia, se superi la confusione iniziale e ti stabilisci in uno dei (riferito oltre 7000) “istanze”, ti ritroverai in un territorio più familiare, con un feed che mostra “toots” invece di Tweet da quelli che segui e “boost” invece di re-tweet.

L’adattamento a Mastodon potrebbe richiedere del tempo, ma offre una gradita tregua dal rumore ininterrotto di Twitter. È anche completamente privo di pubblicità e non c’è un segno di spunta blu (o meme di Elon Musk) in .

Tumblr

Tumblr è un di social media lanciato nel 2007 e consente agli utenti di pubblicare contenuti lunghi in stile blog con elementi multimediali come foto e GIF.

Al suo apice, Tumblr aveva oltre 100 milioni di utenti all’inizio del 2014. Era il punto di riferimento per le comunità alternative e queer in particolare, con gli utenti che condividevano i loro pensieri più intimi, le teorie dei , la fotografia artistica, le citazioni poetiche e il “re-blogging”. GIF dal franchise cinematografico di Twilight.

Al centro della dipendenza di Tumblr c’è la sua cronologia cronologica inversa, che ti invita a scorrere ogni post esteticamente gradevole fino a raggiungere il fondo della pagina.

E se gli utenti sfollati di Twitter non ravvivano le fortune di Tumblr, le sue nuove regole di guida sui contenuti sicuramente lo faranno, permettendo la nudità di nuovo sulla piattaforma dopo il famigerato divieto della pornografia nel 2018.

Discordia

Se sei quello che è noto come una persona “cronicamente online”, probabilmente hai sentito parlare di Discord, un’app di chat che è diventata popolare ben oltre il suo collegio elettorale originale di giocatori.

È più paragonabile ai servizi di messaggistica istantanea come Whatsapp e Slack, con diversi server Discord creati per comunità e argomenti specifici. L’attrattiva principale è la possibilità di comunicare in tempo reale utilizzando testo, e audio.

Cohost

Cohost è una piattaforma indipendente e solo su invito, creata da un piccolo team di sviluppatori e designer che stanno tentando di ripensare il panorama aziendale dei social media.

Gioca con l’idea dei social media basati su abbonamento, addebitando “pochi dollari al mese” per un servizio esclusivo senza pubblicità che consentirà agli utenti di ricevere suggerimenti e vendere abbonamenti in futuro.

Ha anche rimosso uno degli elementi più controversi della maggior parte delle piattaforme di social media tradizionali: l’algoritmo. Tutti i post dei tuoi follower vengono visualizzati in ordine cronologico, consentendo una moderazione umana più efficace.

Verità sociale

Fondata dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, Verità sociale è, in sostanza, una versione di Twitter per i conservatori.

Se stai cercando di sfuggire a tutti i disordini politici e alle camere di eco tossiche di Twitter, questo probabilmente non è il posto migliore in cui trasferirti. Attualmente è disponibile solo per gli utenti negli Stati Uniti.

Tribù

Tribel si descrive come un “social network privo di fanatismo in cui fioriscono gentilezza e intelligenza”, il che suona quasi troppo bello per essere vero quando hai passato innumerevoli ore a contro i troll su Twitter.

La configurazione verticale è facile da navigare, consentendo agli utenti di condividere post e modificare i propri argomenti di interesse, curando un feed più personalizzato.

A differenza di Truth Social, Tribal è di proprietà di due attivisti filo-democratici, Rafael Rivero e Omar Rivero, che si rivolgono principalmente a un pubblico di sinistra.

Circolo

Clubhouse è un’app audio social, che ha guadagnato un’enorme popolarità durante la di COVID-19, quando le persone erano confinate nelle loro case, impossibilitate a ospitare discussioni nella vita reale.

Gli utenti possono entrare in “stanze” dal vivo per partecipare – o semplicemente ascoltare – una conversazione audio su diversi argomenti (sebbene siano per lo più legati al lavoro).

Mentre in origine era solo su invito, ora chiunque può entrare a far parte di Clubhouse con il proprio numero di telefono.

Sottopila

È discutibile come forma di social media, ma molti giornalisti su Twitter stanno spostando il loro pubblico su Substack, una piattaforma di newsletter online per i creatori di contenuti.

Chiunque può registrarsi e iniziare a scrivere e quindi a distribuire i propri contenuti a un pubblico, gratuitamente o a un di abbonamento.

Se non sei interessato a creare contenuti sulla piattaforma, puoi semplicemente seguire i tuoi autori di newsletter preferiti, creando un feed verticale di contenuti di lunga durata che è curato per soddisfare i tuoi gusti.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare