Se sopravvivi all’esplosione iniziale, questo è ciò che gli scienziati pensano accadrebbe dopo un attacco nucleare

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Se sopravvivi all'esplosione iniziale, questo è ciò che gli scienziati pensano accadrebbe dopo un attacco nucleare

Tra l’invasione russa dell’Ucraina e l’aumento delle tensioni geopolitiche, i timori riaccesi di una guerra nucleare hanno spinto molti a chiedersi cosa significherebbe un conflitto nucleare per l’umanità e il pianeta.

Qualsiasi conflitto nucleare avrebbe una vasta gamma di conseguenze devastanti, dalle morti iniziali nelle esplosioni dirette agli effetti persistenti delle radiazioni e dell’ ambientale.

Ma le vittime immediate potrebbero essere sminuite dalle morti dovute a una successiva globale, causata da enormi quantità di fuliggine che bloccano il Sole e sconvolgono i sistemi climatici e la produzione alimentare, secondo una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Cibo naturale.

Gli scienziati del clima della Rutgers University hanno mappato gli effetti di sei possibili scenari di guerra nucleare.

Una guerra nucleare su vasta scala tra e Russia, lo scenario peggiore modellato, potrebbe portare a più di cinque miliardi di persone che muoiono di fame dopo due anni. Anche un conflitto su scala relativamente piccola tra e Pakistan potrebbe portare a una carestia mondiale.

La fuliggine delle esplosioni interromperebbe il clima

In una guerra nucleare, le bombe mirate a città e aree industriali darebbero inizio a tempeste di fuoco, iniettando grandi quantità di fuliggine nell’atmosfera superiore che si diffonderebbe a livello globale e raffredderebbe rapidamente il pianeta, affermano i ricercatori.

Ciò perturberebbe il clima terrestre, con un impatto sui sistemi di produzione alimentare sulla terraferma e negli oceani.

I ricercatori hanno utilizzato uno strumento di previsione climatica per stimare la produttività delle principali colture paese per paese.

Hanno analizzato cosa accadrebbe in sei possibili scenari di conflitto nucleare, ognuno dei quali si tradurrebbe in diverse quantità di fuliggine nell’atmosfera, e potrebbe vedere le temperature scendere tra uno e 16 gradi Celsius.

Anche una battaglia su scala relativamente piccola tra India e Pakistan potrebbe comportare un calo dei raccolti di circa il 7% entro cinque anni dal conflitto.

Entrambi i paesi possiedono arsenali nucleari di dimensioni comparabili e, dei nove paesi del mondo dotati di nucleari, i due sono anche tra i pochi che hanno aumentato le loro scorte di testate nucleari, secondo la Federation of American Scientists (FAS).

Nel frattempo, una guerra nucleare su vasta scala tra Stati Uniti e Russia, che si stima congiuntamente rappresentino il 90% delle scorte nucleari mondiali, potrebbe vedere la produzione diminuire di circa il 90% nei tre o quattro anni successivi ai combattimenti.

‘Ascolta la scienza’

I ricercatori hanno preso in considerazione fattori attenuanti l’utilizzo di colture alimentate al bestiame come umano o la riduzione degli sprechi alimentari domestici, ma hanno concluso che questo tipo di interventi non impedirebbe a gran parte del mondo di subire carestie, soprattutto dopo conflitti su larga scala.

Il calo dei raccolti sarebbe più grave nelle nazioni medio-alte, compresi i principali paesi esportatori come Russia e Stati Uniti, il che potrebbe innescare restrizioni alle esportazioni e causare gravi interruzioni nei paesi dipendenti dalle importazioni in Africa e Medio Oriente.

“Il lavoro futuro porterà ancora più granularità ai modelli delle colture”, ha affermato Lili Xia, autrice principale dello studio e assistente professore di ricerca presso la School of Environmental and Biological Sciences della Rutgers University.

“Ad esempio, lo strato di ozono verrebbe distrutto dal riscaldamento della stratosfera, producendo più radiazioni ultraviolette in superficie, e dobbiamo capire quell’impatto sulle scorte alimentari”, ha detto.

“Se esistono , possono essere utilizzate e il mondo si è avvicinato più volte alla guerra nucleare”, ha affermato Alan Robock, coautore dello studio e professore di scienze del clima presso il Dipartimento di scienze ambientali presso Università Rutger.

“Vietare le armi nucleari è l’unica soluzione a lungo termine”, ha detto. “Il Onu sulla proibizione delle armi nucleari, vecchio di cinque anni, è stato ratificato da 66 nazioni, ma nessuno dei nove Stati nucleari”.

“Il nostro lavoro chiarisce che è tempo che quei nove stati ascoltino la scienza e il resto del mondo e firmino questo trattato”.

Image:Getty Images
Fonte: EuroNews (Se sopravvivi ’esplosione iniziale, questo è ciò che gli scienziati pensano accadrebbe dopo un attacco nucleare
)

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare