Queste sono le attrazioni turistiche più sopravvalutate d’Europa e dove andare invece

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Queste sono le attrazioni turistiche più sopravvalutate d'Europa e dove andare invece

Queste famigerate attrazioni turistiche sono presumibilmente nella lista delle cose da fare di tutti. Ma siamo per dirti che, invece di spuntarli, puoi semplicemente metterci una grande croce rossa.

Prenota il tuo prezioso tempo di per le migliori città d’Europa hanno da offrire, non le trappole per turisti sovraffollate e troppo care. Ecco alcuni dei luoghi più sopravvalutati del continente e le loro alternative.

Francia

SALTA: Torre Eiffel, Parigi

Potresti amare il suo aspetto, ma assolutamente nessuno ama il code. Sarai circondato da bambini urlanti e spintonato sotto il sole cocente o la pioggia per almeno un’ora. E quando finalmente raggiungerai la prima fila, verrai spinto in un ascensore affollato che ti porterà su una piattaforma altrettanto affollata, dove avrai bisogno di gomiti affilati per raggiungere le ringhiere per la .

Mentre scatti le tue foto, ti renderai conto che a tutti mancherà quell’elemento essenziale di qualsiasi Parigi colpo dell’orizzonte – il Torre Eiffel.

INVECE FARE: Arco di Trionfo, Parigi

Parigi ha così tanti punti di vista superiori, dalla terrazza del Sacré-Cœur a nord al bar della Torre di Montparnasse a sud. Ma uno dei migliori si trova sulla riva destra della Senna, proprio di fronte alla Torre Eiffel.

Il Arco di Trionfo, completato nel 1836, offre viste panoramiche degli Champs Elysees, del Louvre, della Senna, di Notre Dame, del Sacre Coeur e, naturalmente, della Torre Eiffel. E a differenza del suo rivale della riva sinistra, il tetto è raramente affollato e il tempo medio di attesa è di soli cinque minuti.

ITALIA

SALTA: Piazza di Spagna, Roma

Per citare Wikipedia, “La scalinata di Piazza di Spagna è un insieme di passaggi Roma, Italia.” E questo li riassume esattamente. Sono passi. Non portano da nessuna parte di particolare rilievo, né offrono viste fantastiche, ma ne hanno molte borseggiatori e venditori ambulanti che vendono filatori di fidget.

C’è una vecchia fontana con una barca sommersa in fondo, che è una delle fontane meno impressionanti di questa città ricca di fontane. Ti verrà detto che qui ci sono persone fantastiche che osservano, il che è vero, se per osservare le persone intendi osservare i turisti, perché è praticamente tutto ciò che vedrai in questo sovraffollato macchiare.

INVECE FARE: Trastevere, Roma

Questo piccolo quartiere vivace è il luogo in cui i romani vengono a rilassarsi mangiando e bevendo con gli amici, rendendo molto più interessante osservare la gente. Adorabile a pranzo, è ancora meglio la sera quando i lavoratori si sciolgono i capelli davanti a qualche bicchiere vino.

UNGHERIA

SALTA: di Buda, Budapest

Il punto di riferimento più importante della città è anche il più deludente. Quando si pensa a “castello”, ci si aspetta grandiosità: troni medievali, stemmi, abbaglianti sale da ballo. Ma dopo aver camminato su per la ripida collina – o aver pagato per la vecchia funicolare a chiocciola – nella sonnolenta metà “Buda” di Budapest, arrivi a un pezzo di terra grande quanto un campo da calcio.

C’è un triste museo di storia, ma a parte questo, il meglio che puoi fare è camminare intorno alle mura e guardare oltre il Danubio fino al lato di Pest di Budapest, il che ti farà semplicemente desiderare di non averlo mai lasciato per arrivare a questo pomeriggio sprecato.

INVECE FARE: Palazzo del Parlamento ungherese, Budapest

Dimentica le buffonate dei politici populisti all’interno e concentrati sulla maestosità di questa bellezza neogotica, uno degli edifici governativi più grandiosi del mondo, completato nel 1902. Durante il tour guidato, vedrai alcune delle sue 365 torri, 40 kg di Decorazione in oro 22 carati, 691 stanze e 29 scale – più la Sacra Corona d’Ungheria. Non dimenticare il tuo passaporto – I cittadini dell’UE ottengono l’ingresso a metà prezzo.

DANIMARCA

SALTA: La Sirenetta, Copenaghen

In competizione per il titolo di statua più zoppa d’Europa, insieme al minuscolo Manneken Pis di **Bruxelles**, c’è questa blanda patella su una roccia nel porto di Copenaghen. Si siede, guardando attraverso una piccola striscia d’acqua fino alla sponda opposta, dove vedrai banchine di lavoro, magazzini e gru squallidi.

Scolpita nel 1913, questa triste creatura è stata ispirata dalla fiaba di Hans Christian Andersen di una sirena che rinuncia alle pinne per vivere sulla terraferma. Sulla base dell’espressione facciale di questa scultura, è una decisione che La Sirenetta si rammarica al 100% e ti pentirai di aver impiegato un’ora del tuo viaggio per trovarla.

INVECE: Louisiana Museum of Modern Art, Humlebaek

Guarda il corso d’acqua The Sound sopra il corpo della magistrale figura sdraiata in due pezzi n. 5 di Henry Moore e guarda il vento muovere le braccia in ferro battuto della giostrina Little Janey-Waney di Alexander Calder sul prato.

Quando hai finito di esplorare l’ampio Giardino delle Sculture, entra per vedere le opere del ragno gigante di Louise Bourgeois e le magre sculture umane di Alberto Giacometti, insieme a un elenco mutevole di dipinti di artisti di fama internazionale.

Potrebbero volerci 45 minuti per arrivare dal centro di Copenaghen al Louisiana Museum of Modern Art, ma a differenza della Sirenetta, questo viaggio vale la pena.

GERMANIA

SALTA: Checkpoint Charlie, Berlino

Hai mai visto un Portaloo? Se sei rimasto stupito da questo, adorerai Checkpoint Charlie. Se non suona te, allora è meglio stare alla larga da questo angusto capannone – che non è nemmeno il vero Checkpoint Charlie, ma una replica – situato su una strada mediana in una strada trafficata a Berlino. Ci sono dei sacchi di sabbia, degli altoparlanti e un cartello che dice: “Stai lasciando il settore americano”… – e basta.

INVECE FARE: East Side Gallery, Berlino

Una reliquia molto più emozionante dell’era sovietica di Berlino, questo tratto di 1,3 km del Muro di Berlino è una galleria d’arte all’aperto gratuita dal 1990, con murales di artisti provenienti da tutto il mondo. Descrivono temi politici e sociali, molti dei quali si sentono ancora oggi preoccupanti.

SPAGNA

SALTA: Parco Güell, Barcellona

Avrai visto le foto delle sue sinuose balaustre ovunque – su copertine di guide, articoli di viaggio e . Ma di cosa potresti non renderti conto fino a quando non ti arrampicherai fino ai cancelli del nord Barcellona è che, a differenza della maggior parte dei parchi, dovrai fare la fila e consegnare almeno 10 € per entrare nella sezione pittoresca.

È anche tra le più piccole opere di Antoni Gaudi in città. E se stai solo cercando degli spazi verdi aperti per prendere un po’ di aria fresca, sei capitato anche tu nel posto sbagliato. La parte posteriore del parco è libera, ma c’è poco interesse, con sentieri sterrati calpestati e alberi assetati.

INVECE FARE: Casa Vicens, Barcellona

I fan di Antoni Gaudi farebbero meglio a investire i loro soldi in uno della dozzina di altri Gaudì siti della città, tutti più impressionanti e più vicini al centro città. Uno dei meno conosciuti – e quindi meno affollati – è il primo grande edificio di Gaudì a Barcellona: Casa Vicens, un’affascinante casa con un elegante giardino terrazzato costruita nel 1885 nel vivace stile del Modernismo catalano.

ITALIA

SALTA: Torre Pendente di Pisa, Pisa

A meno che tu non sia alla disperata ricerca di una foto sdolcinata di te stesso che “afferri” questa torre leggermente traballante, risparmiati il ​​viaggio verso Pisa. Sembra molto più sfasato in foto che nella vita reale, e se paghi per salirlo, farai la fila per ore, non avrai molto resto da € 20 e rimarrai senza fiato solo dalla salita di 300 gradini, non i panorami della città bassa e della campagna pianeggiante.

INVECE FARE: Le Due Torri, Bologna

Se stai cercando di inclinarti, troverai una torre più inclinata nella stessa Pisa: la vicina Chiesa di San Michele degli Scalzi. Infatti ci sono torri pendenti in tutta Italia, da minuscole villaggi alle grandi città. Ma la bella città di Bologna, a due ore da Pisa, non ha una, ma due torri pendenti, e anche loro sono più antiche di quella di Pisa.

Si trovano uno accanto all’altro e una di queste, la Torre degli Asinelli, è la torre pendente più alta del mondo con i suoi 97,2 metri. L’ingresso costa solo circa 5 e raramente troverai code per salire i 498 gradini che portano in cima, dove vedrai i tetti in terracotta e le guglie di Bologna, e il rigoglioso Appennino proprio ai margini della città.

OLANDA

SALTA: Quartiere a luci rosse, Amsterdam

Di cattivo gusto, pieno di turisti ubriachi, donne depresse alle finestre e spacciatori di droga ingannevoli, non c’è nulla di lontanamente eccitante in questa cotta di strade. Straordinario assassino di passioni, è uno dei quartieri a luci rosse più deprimenti d’Europa, un livello già molto basso.

INVECE FARE: Nove strade, Amsterdam

È difficile andare da nessuna parte in questo bellissimo pieno di canali città e non esserne affascinato – con la notevole eccezione del quartiere a luci rosse. Ma se hai poco tempo e vuoi vedere alcune splendide case sul canale, negozi, ristoranti e bar, vai direttamente nella zona delle Nove Strade, vicino alla Casa di Anna Frank ea pochi passi da Centraal stazione.

Raccogli il gouda invecchiato a formaggio acquista e vestiti vintage in una boutique, quindi prendi un e uno spuntino in uno degli accoglienti vecchi bar marroni che si affacciano su un canale.

Se sei d’accordo, in disaccordo o se hai il tuo da aggiungere, comunicacelo su Twitter e Facebook @euronewstravel.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare