Nuotare con i delfini: migliaia di persone chiedono a TUI di smettere di vendere viaggi “crudeli”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Nuotare con i delfini: migliaia di persone chiedono a TUI di smettere di vendere viaggi "crudeli".

Più di 60.000 persone hanno firmato una petizione chiedendo alla compagnia di viaggi TUI di smettere di promuovere le esperienze dei delfini in cattività durante le sue vacanze.

La campagna guidata da World Animal Protection per porre fine alla pratica “crudele” ha ricevuto oggi una spinta pubblicitaria da un’acrobazia video nel Regno Unito dello e attore vincitore del BAFTA Jolyon Rubinstein.

Un elemento un tempo popolare di molte vacanze in , ‘nuotare con i delfini‘ le esperienze sono sempre più disapprovate. Booking.com, Holidays, Expedia Group, Tripadvisor e Virgin Holidays hanno tutti tagliato i legami con il settore negli ultimi anni e gli attivisti stanno facendo pressioni su TUI affinché faccia lo stesso.

“Delfini a TUI i luoghi sono fatti per esibirsi in spettacoli, interagire con i turisti e vivere in condizioni crudeli e innaturali per il bene di enormi profitti “, afferma Katheryn Wise, responsabile delle campagne presso World Animal Protection.

“Chiediamo al Gruppo TUI e ad altre compagnie di di porre fine alla vendita e alla promozione di luoghi all’estero che utilizzano i delfini per l’intrattenimento, un’attrazione arcaica che è terminata nel Regno Unito nel 1993 a causa dei nostri severi requisiti di per balene e delfini in cattività. “

Nuotare con i delfini non è etico?

Con il suo caratteristico marchio di spavalderia, affinato facendo lo spettacolo satirico della BBC “The Revolution Will Be Televised”, Rubinstein è entrato in un TUI agente di viaggio che finge di essere della sede centrale.

“Il gruppo TUI ha sostanzialmente deciso di premiare i nostri clienti regalando alcune vacanze gratuite a 25 luoghi per l’esperienza dei delfini, dove è ancora possibile vedere 400 delfini nel loro habitat naturale, in cattività”, dice a un dipendente sconcertato .

Nel frattempo, l’esterno del negozio di High Street ha ricevuto un “onesto rebranding” secondo World Animal Protection. Il video il logo del sorriso TUI capovolto per raffigurare un delfino infelice, contrariamente allo slogan dell’azienda “Live Happy”.

“Sono rimasto davvero scioccato”, dice Rubinstein della sua decisione di essere coinvolto quando è stato contattato dall’ente di beneficenza per i diritti degli . “Pensavo fosse impossibile che nel 2022, in Gran Bretagna, si potesse anche vendere vacanze per andare a vedere i delfini in cattività, ma è possibile.

“Tui è stato chiesto da World Animal Protection di interrompere la pratica, ma non ha funzionato. Ecco perché abbiamo deciso di fare l’acrobazia”.

Delfini sono molto intelligenti e godono di una ricca vita sociale in natura, comunicano attraverso una serie di clic, fischi e strilli e viaggiano fino a 100 chilometri al giorno in mare aperto.

Le cisterne di cemento forniscono un’esistenza molto povera, secondo i gruppi per i diritti degli animali, che affermano che l’ e lo stress della prigionia possono far sì che i cetacei si automutilino e diventino aggressivi.

TUI vende una serie di pacchetti che includono escursioni di con i delfini, come un viaggio a Punta Cana nella Repubblica Dominicana, che offre ai turisti una visita al Dolphin Explorer Park.

La petizione afferma che il tour operator vende i biglietti per almeno 22 luoghi di delfini in totale e trae profitto dalla prigionia di oltre 350 delfini.

TUI è stato contattato per un commento.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare