Mo Farah rivela di essere stato trafficato illegalmente da Gibuti da bambino

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Il quattro volte campione olimpico Mo Farah ha rivelato di essere stato portato in Gran Bretagna illegalmente da Gibuti con il nome di un altro .

“La verità è che non sono chi pensi che io sia”, ha detto Farah, 39 anni, alla BBC in un documentario intitolato “The Real Mo Farah”.

Farah, che è diventato il primo atleta britannico di atletica leggera a vincere quattro ori olimpici, ha detto che i suoi lo hanno incoraggiato a essere onesto sul suo passato.

“La vera è che sono nato in Somaliland, a nord della , come Hussein Abdi Kahin”, ha detto alla BBC. “Nonostante quello che ho detto in passato, i miei genitori non hanno mai vissuto nel Regno Unito.

“Quando avevo quattro anni, mio ​​padre è morto durante la guerra civile, come siamo stati separati. Sono stato separato da mia madre e portato nel Regno Unito illegalmente sotto il nome di un altro ragazzo di nome Mohamed Farah”.

Durante il documentario, Farah ha detto che pensava che sarebbe andato in Europa per vivere con i parenti e ha ricordato di aver superato un controllo passaporti britannico nelle vesti di Mohamed ’età di nove anni dopo aver viaggiato con una donna che non aveva mai incontrato in precedenza.

“Avevo tutti i contatti di una mia parente e una volta arrivati ​​a sua la signora me lo ha preso e proprio davanti a me lo ha strappato e gettato nella spazzatura e in quel momento ho capito di essere nei guai. ” Egli ha detto.

L’atleta è tornato alla sua casa d’infanzia nella zona ovest di , ricordando “nessun grande ricordo” in cui non è stato come parte della famiglia.

Alla fine Farah disse la verità all’insegnante Alan Watkinson e si trasferì con la madre del suo amico, che si prese cura di lui e finì per restare per sette anni.

È stato Watkinson a richiedere la britannica di Farah, che ha descritto come un “lungo processo”. Farah è stata riconosciuta come cittadina britannica nel 2000.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare