Meta, Twitter, Amazon, Apple: la lista crescente di giganti della tecnologia che tagliano posti di lavoro e bloccano le assunzioni

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Amazon, Apple, Meta, Twitter: la lista crescente di giganti della tecnologia che tagliano posti di lavoro e bloccano le assunzioni

Il boom guidato dalla che ha dato impulso alle società tecnologiche e alle loro valutazioni si è ora trasformato in un fallimento di fronte a un’inflazione elevata da decenni e tassi di interesse in rapido aumento.

Una delle grandi notizie di questi giorni è stata L’acquisizione di Twitter da parte di Elon Musk e licenziamenti di massa sulla piattaforma sociale.

Tuttavia, Twitter non è l’unica azienda tecnologica che sta apportando cambiamenti drastici al proprio personale in questo momento.

In effetti, c’è una tendenza in corso tra le aziende tecnologiche che vede licenziamenti di massa e blocchi delle assunzioni.

Perché così tante aziende tecnologiche stanno riducendo il personale?

Quando si tratta di carriere, la tecnologia è stata a lungo pubblicizzata come una scommessa sicura nella sicurezza del lavoro.

Giornate rapide e fluide quando si tratta di scegliere, può senza dubbio essere un ambiente di lavoro stressante, ma la retribuzione è generalmente buona e, in definitiva, il avrà sempre bisogno di persone che possano lavorare nel settore tecnologico.

Quindi sembra strano che nel 2022, l’era del Telescopio James Webb e che possono interagire come veri umanicosì tante aziende in tutto il settore stanno effettuando tagli e istigando il blocco delle assunzioni.

I nomi familiari di recente includono , Apple, Google, Meta, Microsoft e Twitter.

La ragione? Sfortunatamente, lo stesso motivo per cui stiamo assistendo a questa tendenza su tutta la linea negli affari in questo momento.

Gli alti tassi di interesse e la del significano che i consumatori stanno spendendo meno soldi. Ciò, a sua volta, ha un impatto sulle entrate di queste società. Meno entrate, ovviamente, significano che le aziende devono tagliare i costi.

Il clima attuale sembra indicare che gli investitori si stanno preparando per l’imminente recessione economica e la potenziale recessione che ne consegue.

Stai pianificando il peggio?

Questo sembra essere il consenso generale. Mentre una recessione su vasta scala è ancora solo una speculazione, quando grandi nomi come Amazon, Apple e Microsoft – alcune delle aziende più ricche del mondo – annunciano licenziamenti e blocchi delle assunzioni, può sembrare che l’inevitabile stia accadendo.

Le principali società tecnologiche che annunciano licenziamenti e blocchi delle assunzioni

Meta

Per la prima volta nella sua storia, il gigante dei social media Meta annunciato questa settimana licenzierebbe 11.000 , ovvero circa il 13% del suo personale. Questo segna uno dei più grandi licenziamenti tecnologici quest’anno, poiché la società è alle prese con un mercato pubblicitario debole e costi crescenti.

La società effettuerà riduzioni in tutte le sue attività (come , Facebook e Instagram), ha affermato il CEO Mark Zuckerberg. Meta sta inoltre prolungando il blocco delle assunzioni fino al primo trimestre del 2023, con alcune eccezioni.

Twitter

Elon Musk ha iniziato i licenziamenti del personale venerdì (4 novembre) come parte del suo nuovo ruolo auto-nominato di “Chief Twit” – o meglio “Operatore di linea diretta per i reclami su Twitter”, secondo la sua biografia su Twitter.

L’azienda ha licenziato metà della sua forza lavoro, ma ha affermato che i tagli sono stati minori nel team responsabile della prevenzione della diffusione della disinformazione. Anche diversi responsabili della privacy e della conformità si sono dimessi, così come il leader della fiducia e della sicurezza dell’azienda.

Amazon

Il gigante dell’e-commerce ha interrotto le “nuove assunzioni incrementali” nella sua forza lavoro.

A seguito di una revisione durata mesi, Amazon ha detto ai di alcune unità non redditizie di cercare lavoro altrove nell’azienda, ha riportato il Wall Street Journal giovedì (10 novembre).

Si sta inoltre spostando per ridistribuire il personale da alcuni team in aree più redditizie e chiudendo i team in aree come la e la vendita al dettaglio.

Mela

Apple ha “sospeso quasi tutte le assunzioni”, una decisione che potrebbe durare fino alla fine del 2023.

BT

L’ultima volta che BT ha tagliato alcuni posti di lavoro nel 2018, l’azienda ha tagliato 13.000 ruoli in tre anni come parte di una strategia di riduzione dei costi. Ora, è probabile che faccia ancora più licenziamenti.

Lyft

Lyft ha annunciato all’inizio di novembre che avrebbe tagliato 700 posti di lavoro.

Microsoft

Il mese scorso, Microsoft ha tagliato circa 1.000 posti di lavoro.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ti potrebbe interessare