Lunghe code e truffe: il nuovo sistema di ingresso nell’UE causerà il caos ai confini?

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Lunghe code e truffe: il nuovo sistema di ingresso nell'UE causerà il caos ai confini?

L’ingresso nell’Unione Europea sta per diventare più complicato per i cittadini extracomunitari a partire dal prossimo anno.

Un nuovo Entry Exit System (EES) entrerà in vigore da maggio 2023.

Questo fa parte del sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi (ETIAS) che sarà implementato entro la fine del prossimo anno.

Richiederà ai visitatori al di fuori dell’UE di richiedere e pagare un’esenzione dal visto prima di entrare in un paese nella zona Schengen.

Ecco come i paesi europei si stanno preparando per i cambiamenti e come potresti essere in grado di evitare le tasse sui visti.

Cosa sono l’EES e l’ETIAS?

Il nuovo EES dell’UE registrerà ulteriori informazioni sui viaggiatori non UE nel blocco.

Oltre ai dettagli del , le barriere automatizzate alle acquisiranno e memorizzeranno i biometrici, comprese le impronte digitali e le immagini del volto.

I timbri sui passaporti saranno eliminati. Invece, il sistema si registrerà automaticamente quando qualcuno entra o esce da un paese dell’UE.

In questo modo sarà più facile segnalare qualcuno che ha sono rimasti oltre il loro tempo nell’UE.

I cittadini extra UE, inclusi i cittadini del dopo la , possono solo rimanere 90 giorni nell’UE prima di richiedere il visto.

L’EES non si applica ai cittadini dell’UE o alle persone che viaggiano tra i paesi della zona Schengen.

Come si richiede l’ETIAS?

Il più ampio ETIAS entrerà in vigore nel novembre 2023. Ciò richiederà ai cittadini di paesi terzi di pagare € 7 a persona per visitare la maggior parte dei paesi europei.

Il visto consente ai cittadini extracomunitari di soggiornare nell’UE e nell’area Schengen per 90 giorni. Una volta che un viaggiatore ha ottenuto l’approvazione del visto, non è necessario che lo richieda per tre anni.

Il visto non sarà richiesto per la Repubblica d’Irlanda in quanto si trova nella Common Area.

Questa è una zona di frontiere aperte che comprende il Regno Unito, l’Irlanda, l’Isola di Man e le Isole del Canale.

I viaggiatori dovranno compilare una domanda online prima di partire e pagare la tassa di € 7 se hanno tra i 18 ei 70 anni.

Ho bisogno di un visto se ho una carta d’identità europea?

Cittadini non comunitari che hanno residenza ufficiale in un paese dell’UE possono essere esenti dall’EES e dall’ETIAS.

Devi avere un biometrico carta d’identità, come la carte de séjour in Francia o la carta di soggiorno in Italia.

Ciò significa che sei anche esentato dal limite di 90 giorni.

Tuttavia, non sono state rilasciate informazioni su come le barriere automatizzate alle frontiere identificherebbero un viaggiatore come residente nell’UE quando utilizza un passaporto non UE.

Come saranno le barriere EES?

I paesi dell’UE si stanno preparando a installare barriere automatizzate per eseguire i controlli EES.

Francia installerà chioschi self-service negli aeroporti dove i viaggiatori possono pre-registrare i propri dati biometrici e anagrafici. Si presenteranno quindi a una guardia di frontiera per la verifica.

Germania e hanno confermato che un sistema simile sarà installato negli aeroporti.

Per i visitatori che arrivano in auto alle frontiere terrestri e marittime della Francia, saranno disponibili dispositivi tablet per registrare i propri dati.

Italia ha affermato che aumenterà il numero di gate automatizzati in tutti i suoi principali aeroporti e aggiungerà circa 600 chioschi self-service.

d’altra parte, sperimenterà “soluzioni automatizzate di telecamere” gestite dalle guardie di frontiera.

L’EES causerà ritardi alle frontiere?

Mentre l’UE si prepara a introdurre il sistema di barriere digitali, si teme che possa causare interruzioni alle frontiere.

Diversi paesi hanno affermato di ritenere che non ci sia tempo sufficiente per testare i controlli più rigorosi prima che entrino in vigore.

Anche i viaggiatori con residenza nell’UE possono trovarsi coinvolti in ritardi.

Un documento pubblicato dal Consiglio dell’UE la scorsa settimana condivide i commenti di varie nazioni dell’UE sul nuovo sistema.

Austria e Germania erano particolarmente preoccupati che i tempi di attesa alla frontiera potessero aumentare.

“I compiti aggiuntivi derivanti dal regolamento EES porteranno a un forte aumento dei tempi di processo”, hanno affermato le autorità austriache.

“Attualmente, ci aspettiamo che i tempi di processo raddoppino rispetto alla situazione attuale”.

I paesi dell’UE saranno pronti per la SEO?

Sono state inoltre sollevate domande sul fatto che l’ delle barriere sarà installata in tempo.

Le autorità tedesche hanno ammesso che “un sistema EES stabile e funzionante sembra improbabile nel maggio 2023”.

Le autorità austriache hanno affermato che stanno lavorando per creare più spazio per i chioschi automatizzati, ma non saranno terminate prima che il sistema sia operativo.

Come evitare le truffe ETIAS

Le autorità dell’Unione Europea hanno già lanciato un avviso ai cittadini di paesi terzi affinché siano a conoscenza di siti Web fraudolenti che offrono visti ETIAS.

Dicono che i truffatori possono copiare siti Web di gatti o offrire servizi di intermediazione.

Questi siti Web froderebbero gli utenti addebitando falsamente una commissione amministrativa aggiuntiva.

I funzionari dell’UE sottolineano che i viaggiatori dovrebbero utilizzare solo il sito ufficiale ETIAS. Questo non è stato ancora configurato ma utilizzerà il dominio “europa.eu”.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare