La città olandese perde la causa contro Twitter per le teorie del complotto sulla pedofilia

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
La città olandese perde la causa contro Twitter per le teorie del complotto sulla pedofilia

Una piccola olandese ha perso la sua battaglia legale contro a della diffusione di una teoria del complotto infondata.

Il comune di Bodegraven-Reeuwijk aveva chiesto la rimozione automatica di tutti i tweet che collegavano la città agli .

Accuse infondate avevano affermato che una cerchia di pedofili adoratori di Satana era attiva nella città olandese occidentale negli anni ’80.

La cosiddetta “ di Bodegraven” è stata diffusa da tre uomini tra gennaio e giugno 2021. Uno degli uomini ha affermato di essere stato testimone e vittima di abusi rituali satanici nella città.

La teoria del complotto infondata aveva spinto alcune persone a deporre fiori e scrivere messaggi su presunte tombe di vittime di omicidi e abusi sui minori nel cimitero di Vrederust della città.

Twitter ha sospeso definitivamente gli account diffondendo i tweet “diffamatori”, ma le false affermazioni hanno continuato ad apparire online.

Tuttavia, un dell’Aia ha stabilito che la società Big Tech “ha attualmente fatto abbastanza” per impedire la diffusione della teoria del complotto.

Twitter “non può essere obbligato a cancellare da solo tutti i messaggi in cui il termine ‘Bodegraven’ è associato a ‘ sui minori'”, ha stabilito la corte martedì.

Le autorità di Bodegraven-Reeuwijk devono inviare richieste dirette a Twitter per rimuovere qualsiasi post, ha aggiunto.

Il aveva affermato che un filtro per rimuovere tutti i tweet potrebbe pregiudicare i diritti di libertà di espressione e potrebbe rimuovere alcuni contenuti legali.

I tre uomini accusati di aver diffuso la storia di “Bodegraven” sono attualmente in prigione in un caso separato per istigazione e minaccia di a diverse persone, tra cui il primo ministro olandese Mark Rutte.

Image:Getty Images

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

ultime News

ti potrebbe interessare